Seleziona una pagina

3Bee: cos’è e come funziona l’adozione di un alveare online

3Bee è la startup agri-tech fondata nel 2017 da Niccolò Calandri e Riccardo Balzaretti per proteggere le api e migliorarne la qualità di vita. La startup ha sviluppato HiveTech, un alveare 4.0 che consiste in una rete di sensori IoT, i quali, posizionati all’interno dell’alveare, monitorano il benessere delle api permettendo agli apicoltori di ridurre i trattamenti e diminuire le visite nell’apiario. 

Dalla sua nascita 3Bee ha sviluppato una rete di oltre 3.000 apicoltori in Italia e all’estero che hanno installato i suoi sensori e ha dato vita all’iniziativa “Adotta un Alveare 3Bee” dedicata a privati e imprese. Per queste ultime ha ideato un programma di sostenibilità ed educazione ambientale e sociale – Pollinate the Planet – che dal suo lancio ha permesso di proteggere 150 milioni di api.

Ho avuto il piacere di intervistare Niccolò Calandri, Founder & CEO di 3Bee e di parlare con lui dell’azienda, di come sia un riferimento per la sostenibilità ambientale e sociale e dell’importanza di una strategia digitale per il raggiungimento degli obiettivi di business.

Vorresti avviare una startup tutta tua ma non sai da dove partire?

FAI LA MOSSA GIUSTA!

cristina scognamiglio content

Cos’è 3Bee e com’è nata l’idea?

niccolo calandri content3Bee nasce nel 2017 ed è un’azienda che sviluppa tecnologie per la biodiversità. L’idea nasce da un problema reale: la mortalità delle api, e abbiamo cercato soluzioni nuove ed innovative per ridurla.

Abbiamo, quindi, inventato e sviluppato un sistema che ci permette di capire quando le api, all’interno di un alveare stanno male e di segnalarlo poi all’apicoltore per permettergli di aiutarle. In pratica, se dovessi riassumere lo scopo fondamentale di 3Bee, sarebbe di proteggere le api tramite la tecnologia.

3bee startup agritech

cristina scognamiglio content

Come funziona 3Bee?

niccolo calandri content 3Bee si basa su una parte tecnologica, ovvero un dispositivo fisico che si installa in un qualsiasi alveare, in una qualsiasi parte del mondo, e permette di riconoscere i parametri biologici delle api: i suoni, il peso, la temperatura….Un po’ come fosse un veterinario. 

In seguito, questi parametri vengono inviati sul nostro Cloud dove abbiamo un sistema di riconoscimento dei pattern biologici e, grazie a questo sistema riusciamo a comunicare le informazioni rilevanti all’apicoltore che può intervenire in apiario. Qui, grazie ai sensori, capisce qual è il problema ed agisce con metodi meccanici o con metodi semplici, per ridurre la moria.

In questo modo riusciamo a capire se ci sono pesti, parassiti, o problemi di fame. Nel 2021 c’è stata la più grande moria di fame di api di sempre, per via dei cambiamenti climatici e solo chi aveva i nostri sistemi è riuscito a salvarle dandogli del nutrimento. Invece, chi non li aveva ha perso fino all’80% dei loro alveari.

cristina scognamiglio content

A chi è rivolta l’App di 3Bee e che funzionalità offre?

niccolo calandri content C’è una parte legata all’apicoltore, che la usa quotidianamente per migliorare la sua apicoltura. Abbiamo, però, creato anche un modello di business che permette di ”adottare un alveare”. In pratica, gli alveari che monitoriamo possono essere effettivamente presi in adozione e, tramite l’App di 3Bee le persone possono ”entrare” all’interno dell’alveare.

Grazie a questa tecnologia chi adotta ha la possibilità di seguire l’alveare per tutto il suo processo di crescita e ricevere poi il miele che il proprio alveare ha prodotto. Quindi l’App è sicuramente per l’apicoltore, ma anche per chi vuole vivere un’esperienza nel mondo delle api in un modo diverso e per provare un metodo alternativo per consumare miele etico e sostenibile.

Diventa anche tu un imprenditore online e disegna il tuo futuro!
Fai subito il test attitudinale per capire se è la strada giusta per te!

test imprenditore online

cristina scognamiglio content

Quali strumenti e canali online sono per voi strategici?

niccolo calandri content3Bee ha due tipologie di clienti. Il primo è l’apicoltore, quello che abilita la nostra rete di protezione delle api e che contattiamo principalmente offline con le associazioni. Lo raggiungiamo anche online grazie ai social media, soprattutto Facebook. Infatti questo social per noi esiste perché ci sono gli apicoltori. 

Invece, per quanto riguarda il mondo della sostenibilità, quindi chi consuma miele e adotta gli alveari di 3Bee, lo raggiungiamo attraverso Google Display, Instagram e adesso TikTok, che è forse il social che più utilizziamo per comunicare l’impatto che siamo generando con i nostri dispositivi.

Quindi, i nostri canali online sono soprattutto quelli del mondo social, in particolare quelli più verticali come piattaforme foto e video. 

cristina scognamiglio content

Qual è il connubio vincente tra apicoltura e digitale?

niccolo calandri contentLa natura non è tecnologia, però le due si possono sposare e possono vivere bene assieme. L’uomo e la natura sono sempre stati in simbiosi, fino a qualche anno fa non si capiva in che modo ma in realtà il concetto è molto semplice: se la natura, e in questo caso le api, stanno bene, allora anche l’uomo di conseguenza starà bene. 

In realtà, l’uomo ha il potere di far star bene la natura grazie alle tecnologie, se queste nascono con lo scopo di far star bene l’ambiente. Questo è proprio quello che cerca di fare 3Bee e noi come azienda ci prefissiamo ogni anno un traguardo, che è il numero di api che monitoriamo e proteggiamo, e ogni anno questo numero deve aumentare e per renderlo possibile abbiamo, appunto, bisogno della tecnologia.

tecnologia 3bee api

cristina scognamiglio content

Obiettivi futuri di 3Bee in ambito digitale?

niccolo calandri contentSicuramente porteremo avanti la digitalizzazione per le api ma stiamo iniziando altri progetti che hanno come obiettivo sempre la salute delle api, e cercano di unire sempre di più la natura e il digital. 

Abbiamo iniziato la piantumazione di circa cento mila alberi nettariferi per la salute delle nostre api. Gli alberi infatti, non solo assorbono l’anidride carbonica, ma danno un contributo particolarmente importante, ovvero il nettare e la biodiversità che vanno a generare, e di conseguenza gli insetti che vengono protetti. Tutto questo lo rendiamo digitale sempre tramite la nostra App: una volta piantati gli alberi, gli apicoltori riescono a tracciarli tramite l’App e noi andiamo a vendere i crediti di carbonio che i nostri apicoltori stanno generando. Quindi, ancora una volta, c’è l’unione della natura con la tecnologia. 

Per 3Bee l’ape è e sarà sempre al centro. Dal 2017, anno della sua fondazione, la startup è riuscita a proteggere e monitorare con la sua tecnologia 900 milioni di api e a creare una community di oltre 3.000 apicoltori tecnologici, in Italia e all’estero, diventando l’azienda di riferimento per la sostenibilità ambientale e sociale. 

Se vuoi dare una svolta alla tua vita professionale aprendo un’attività online,
contatta un esperto. Ti aiuterà a definire la strada giusta per te!

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

definizione di foodtech come creare un azienda di successo app marketing

Dopo il diploma professionale in servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, ho lavorato nel settore dando spazio alla mia creatività. Ho poi conosciuto il mondo del Digital e ho deciso di cimentarmi in questa esperienza con Digital Coach formandomi in maniera specifica nel Content Marketing

SCARICA UNO TRA OLTRE 30 EBOOK

Aumenta la Tua Conoscenza sugli argomenti del Digital Marketing. Scegli gratuitamente tra oltre 30 Ebook di Digital Coach.

"*" indica i campi obbligatori

Consenso
Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Recensioni Digital Coach su Google


Fai il Test sulla Tua Professione ideale


PARTECIPA AD UNA PRESENTAZIONE DI ORIENTAMENTO

Presentazione di orientamento Digital Coach

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.