Seleziona una pagina

Matrice di Ansoff: le 4 strategie del tuo successo

La matrice di Ansoff è una strategia di marketing che mette a disposizione quattro variabili per la crescita del tuo business, attraverso l’inserimento di prodotti già esistenti o nuovi in un mercato in cui l’azienda è già presente o in uno nuovo, e quindi rivolgendosi ad un diverso target di riferimento.

In questo articolo capirai cos’è la matrice di Ansoff, come può essere impiegata nel tuo business e cosa sono le strategie di sviluppo.

Esplorerai i fondamenti del modello di Ansoff e, da bravo imprenditore quale già sicuramente sei, capirai come la tua azienda può utilizzarlo per massimizzare potenziale di crescita, malgrado le continue fluttuazioni del mercato attuale.

Negli ultimi decenni, infatti, in un mercato sempre più competitivo e dinamico, le aziende devono costantemente innovare il proprio modello strategico per essere presenti in maniera attiva, non solo per preservare il proprio posizionamento, ma per migliorarlo al fine di far crescere sempre più la propria attività.

Se vuoi scalare il tuo business, non puoi improvvisare, devi pensare ad una strategia ben precisa.

Se desideri trovare la strategia digitale più efficace per la tua azienda, comprendere come si usa la matrice di Ansoff e come trarne beneficio per il tuo business, il metodo Digital Strategy Framework  è un’interessante opportunità per imparare a progettare un’azienda che sia motivante per te e capace di attrarre persone giuste.

Cos’è la matrice di Ansoff

La matrice di prodotto-mercato, è stata sviluppata da Igor Ansoff, fondatore del marketing strategico, nel 1957 ed è ancora oggi un valido strumento di analisi utilizzato per identificare e valutare le possibili strategie di crescita

L’utilità della matrice prodotto-mercato per le aziende, sta nel poter prendere consapevolezza della propria posizione per poi intraprendere azioni volte ad espandersi e crescere nel mercato in modo ponderato e mirato, attraverso quattro strategie di sviluppo: 

  1. Penetrazione del mercato: vendita di prodotti o servizi, già presenti in gamma, a clienti esistenti per aumentare la quota di mercato dell’azienda e la fidelizzazione del target audience;
  2. Sviluppo del prodotto: ampliare la propria offerta per la clientela consolidata;
  3. Sviluppo del mercato: migliorare il posizionamento strategico;
  4. Diversificazione: creazione di nuovi prodotti per nuovi clienti per diversificare il portafoglio prodotti.

Le quattro strategie della matrice di Ansoff consentono alle aziende di decidere se concentrarsi sulla vendita di prodotti esistenti o sui nuovi, oppure sulla vendita di prodotti esistenti a clienti consolidati o ai prospect.

Questo strumento strategico ha lo scopo di aiutare le aziende ad identificare le opportunità di crescita e sviluppare una strategia appropriata. Quindi probabilmente adesso ti stai chiedendo a cosa serve la matrice di Ansoff e come puoi utilizzare la matrice prodotto-mercato nella tua azienda. Hai capito che avere una nuova identità imprenditoriale è la chiave per scalare il tuo business, ma non sai da che parte iniziare.

Fai il primo passo
verso il successo del tuo business

SCOPRILO QUI

Cosa rappresentano le quattro strategie del modello di Ansoff

Il presupposto della matrice prodotto-mercato è che lo sviluppo del business di un’azienda può avvenire solo attraverso l’intersezione di due fattori mutevoli nel tempo, ma quali sono le variabili della matrice di Ansoff? Prodotto e mercato.

matrice di ansoff graficaQueste due variabili, combinate tra loro, generano quattro strategie che l’azienda può sfruttare per migliorare il suo posizionamento strategico ed incrementare il business.

Ciò avviene agendo sulla gamma di prodotti che l’azienda offre già, oppure attraverso prodotti nuovi che vanno incontro alla richiesta del mercato già presente oppure un nuovo mercato.

Studiando nel dettaglio come sono composti i quattro quadranti della matrice di Ansoff, comprenderai come ognuno rappresenti una strategia valida, a seconda del contesto in cui l’azienda si trova.

L’approccio strategico di Ansoff nella penetrazione del mercato

La strategia di penetrazione del mercato, situata nel primo quadrante, è un approccio strategico che mira ad incrementare la quota di mercato per prodotti o servizi esistenti all’interno del mercato attuale. Attraverso una pianificazione accurata ed un’implementazione adeguata delle tattiche di marketing, si può stimolare la crescita dell’azienda o consolidare la sua competitività.

L’obiettivo principale consiste nel raggiungere una maggiore penetrazione all’interno del mercato esistente, senza apportare modifiche significative al prodotto.

L’utilizzo della variabile di sviluppo del prodotto

Continua a scoprire i vantaggi della matrice di Ansoff nella pianificazione strategica, con l’analisi del secondo quadrante a destra, sull’asse orizzontale: qui trovi la strategia di sviluppo del prodotto che si concentra sull’espansione dell’offerta di prodotti nuovi all’interno del mercato esistente.

Questa strategia può includere la creazione di nuove varianti del prodotto offerto, miglioramenti delle caratteristiche specifiche o l’introduzione di prodotti complementari, che, in termini di vendita si traducono nei concetti di upselling e cross-selling. L’obiettivo è quello di soddisfare le esigenze dei clienti esistenti e acquisire una quota di mercato più ampia attraverso l’innovazione dei prodotti.

I vantaggi dello sviluppo del mercato come approccio strategico

Un’altra applicazione pratica della matrice di Ansoff nella strategia aziendale è collocata nel terzo quadrante. Qui analizzi i vantaggi dello sviluppo del mercato, strategia che si concentra sull’espansione del mercato per i prodotti o servizi esistenti. Ciò può implicare l’ingresso dell’azienda che sfrutta questa possibilità del modello di Ansoff, in nuovi segmenti di mercato, l’espansione geografica in altre regioni o la diffusione su canali di distribuzione non adottati prima.

Perseguire questa strategia ha come obiettivo la presenza dell’azienda in mercati inesplorati o poco sfruttati, per raggiungere nuovi clienti e aumentare le vendite complessive. Oggi il più potente strumento per la crescita delle aziende è senza dubbio il digital marketing che offre diversi vantaggi che tu, imprenditore, dovresti considerare. Te ne elenco qualcuno:

  1. Ampia copertura ed accessibilità: il marketing digitale di consente di raggiungere potenzialmente il pubblico di tutto il mondo attraverso il web, i social media, l’e-mail marketing, l’advertising;
  2. Targeting mirato: puoi raggiungere specifici segmenti di mercato in base a precisi criteri, aumentando così le possibilità di conversione;
  3. Misurabilità e monitoraggio: puoi monitorare in modo accurato i risultati attraverso dettagliati strumenti di analisi;
  4. Costi inferiori: rispetto al marketing tradizionale, il digital marketing offre un rapporto costi-benefici migliore;
  5. Interazione e coinvolgimento: il marketing digitale ti offre la possibilità di interagire direttamente coi tuoi clienti attraverso i vari canali che si possono sfruttare e che vedrai nei prossimi paragrafi in maniera più dettagliata.

Porta il tuo business online!
Fai il test!

test porta la tua azienda online

 

Significato della strategia di diversificazione secondo Ansoff

L’ultimo quadrante mette in chiaro la strategia di diversificazione secondo Ansoff. Questa tattica si concentra sull’introduzione di nuovi prodotti o servizi in mercati inesplorati o esistenti. Le tipologie esistenti sono: diversificazione correlata e diversificazione non correlata.

La diversificazione correlata implica l’espansione in settori o mercati che sono complementari a quelli noti, sfruttando sinergie o competenze esistenti.

La diversificazione non correlata, invece, comporta l’ingresso in settori o mercati completamente inediti, non correlati alle attività principali dell’azienda.

Concludendo, a cosa serve la matrice di Ansoff? A fornire un’analisi chiara del contesto di partenza per individuare le migliori opportunità di crescita e ridurre il rischio associato alla dipendenza da un singolo mercato o prodotto.

Matrice di Ansoff e digital marketing

Integrare la matrice di Ansoff alla tua strategia di comunicazione online, può rappresentare la chiave del successo. Continuando la lettura di questo articolo, troverai alcuni esempi di matrice di espansione mercato/prodotto di aziende che sicuramente conosci.

È bene capire che il modello prodotto-mercato ha due dimensioni, con i prodotti/servizi sull’asse orizzontale e i mercati sull’asse verticale. Per capire come utilizzare le variabili della matrice prodotto-mercato, occorre sapere con precisione quali sono i canali e gli strumenti che devono far parte della tua strategia, se il tuo scopo non è solo quello di sopravvivere al mercato, ma conquistarlo con successo.

Un metodo oggi indispensabile e di successo per scalare il tuo business è la presenza di canali digitali a sostegno di quelli tradizionali. Ecco quindi cosa non deve mancare nella tua cassetta degli attrezzi digitale:

  • Social network: per avere una presenza social costante e ben curata e capire qual è la piattaforma social adatta al tuo business;
  • SEO: se vuoi posizionarti bene sui motori di ricerca;
  • Blog: per condividere contenuti interessanti a sostegno del tuo business;
  • E-mail marketing: per raggiungere i tuoi clienti e trovarne di nuovi.

 

Scarica l’e-book gratuito
per la tua Digital Strategy!

"*" indica i campi obbligatori

Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

La matrice di Ansoff nelle aziende B2B e B2C 

Il modello di Ansoff per le aziende B2B e B2C è una base fondamentale per sviluppare strategie di crescita. Da professionista abituato alla dinamicità del mercato, sai che anche la tua azienda dovrà essere in grado di adattarsi ai cambiamenti e potresti trovarti ad applicare tutte e quattro le strategie di Ansoff.

Nei prossimi paragrafi vedrai nel concreto come aziende di successo, che sicuramente conosci, hanno sfruttato i vantaggi della matrice di Ansoff

Impiego della strategia di penetrazione del mercato

McDonald’s ha sfruttato con successo l’impiego della strategia di penetrazione del mercato basata sulla matrice prodotto-mercato. L’azienda ha sempre cercato di aumentare la propria quota di mercato attraverso l’espansione geografica e l’introduzione di nuovi prodotti.

Ad esempio, in un dato momento, ha introdotto menu più salutari per attrarre la clientela con una maggiore consapevolezza alimentare. Inoltre, ha utilizzato una combinazione di tattiche di marketing (promozioni, sconti, campagne pubblicitarie) per aumentare la frequenza di acquisto da parte dei clienti già esistenti. Oggi McDonald’s è uno dei principali marchi di fast food nel mondo.

Apple ha utilizzato la strategia di penetrazione del mercato lanciando regolarmente nuovi modelli di iPhone con miglioramenti delle funzionalità ed un design sempre più accattivante attraendo, così, sia i clienti già esistenti che incoraggiando i prospect ad acquistare in upselling.

Inoltre, Apple si è servita di tattiche aggressive di marketing, come promozioni speciali e sconti stagionali per stimolare la domanda e mantenere il proprio vantaggio competitivo.

Infine abbiamo Coca Cola che ha aumentato la quota di mercato attraverso la promozione del suo prodotto a clienti esistenti e nel tempo ha creato un sentimento di fedeltà indelebile nei suoi fan. Difficile che un bevitore di Coca Cola beva anche Pepsi, non credi?

In tutti e tre i casi, l’utilizzo del modello di Ansoff nella strategia di penetrazione del mercato ha permesso alle aziende di raggiungere una maggiore quota di mercato, attrarre prospect e incoraggiare gli acquisti da parte dei clienti esistenti. Queste aziende hanno implementato tattiche di marketing mirate, migliorato la qualità dei prodotti e sfruttato le opportunità del mercato ottenendo una crescita significativa.

Applica i principi della matrice di Ansoff
per aumentare il fatturato!

webinar gratuito raddoppia le tue vendite con il digital marketing

PARTECIPA AL WEBINAR GRATUITO

Uso della strategia di sviluppo del prodotto

Ecco una rapida, ma significativa occhiata allo studio di casi di successo con l’uso della matrice di Ansoff per lo sviluppo del prodotto. Queste aziende hanno creato varianti del prodotto, negli stessi canali per consumatori consolidati.

Amazon nel 1994, grazie all’intuizione di Jeff Bezos, ha esordito come negozio online per la vendita di libri, ma è solo nel 2006 che è diventata un marketplace, iniziando a scalare realmente il business fino ai livelli a noi oggi noti.

Toyota ha utilizzato il modello di Ansoff per creare nuovi veicoli ibridi come la Prius. Questi veicoli hanno trovato riscontro favorevole nei clienti già esistenti e hanno permesso all’azienda di ampliare la gamma dei prodotti offerti.

Per Apple, applicare la matrice di Ansoff per lo sviluppo del prodotto ha significato lanciare dapprima l’iPhone, il 29 giugno 2007, e successivamente, l’iPad e l’iPod. Questi prodotti innovativi hanno permesso all’azienda di Cupertino di raggiungere clienti esistenti che avevano già un legame di fiducia con il brand e di ampliare la gamma dei prodotti, aprendosi a nuovi segmenti di pubblico, grazie ad una strategia di cross-selling.

Per finire, fra gli esempi di strategie di sviluppo prodotto, torno su Coca Cola che ha acquisito il brand Fanta nel 1960 e Sprite in risposta alla popolarità di 7 Up.

Applicazioni della strategia di sviluppo del mercato 

Secondo la matrice prodotto mercato, impiegare la strategia di sviluppo del mercato non significa solo concentrarsi su mercati geograficamente diversi, ma anche innescare dinamiche che portano a raggiungere un nuovo target di riferimento.

Ecco quattro casi studio che illustrano l’impiego della strategia di sviluppo del mercato secondo Ansoff.

vantaggi digital marketing connesso al modello prodotto mercatoAirbnb all’inizio si concentrava sulla condivisione di alloggi tra privati in poche città, ma per raggiungere nuovi mercati, ha adottato una strategia di espansione geografica aggressiva aprendo la piattaforma agli host e ai viaggiatori di tutto il mondo.

Tesla ha utilizzato la strategia di sviluppo del mercato attraverso l’introduzione di veicoli elettrici. Ha iniziato a vendere i propri veicoli negli States, proseguendo poi in Europa, Cina e altri mercati internazionali. Inoltre, ha adottato una strategia di penetrazione dei mercati emergenti, facendo leva sulla sostenibilità e la mobilità elettrica.

Ha aperto showroom, sviluppato una rete di stazioni di ricarica e implementato campagne di marketing mirate all’educazione dei consumatori sui benefici dei veicoli elettrici.

Coca cola ha raggiunto un segmento di popolazione incline ad una sana alimentazione interessata a non rinunciare al gusto della nota bevanda e allo stesso tempo a poter assumere una quantità di calorie in linea col proprio stile di vita salutare. Ecco che sono state immesse nel mercato bevande come Coca Cola light, Coca Cola zero ecc.

Utilizzo della strategia di diversificazione

Attraverso l’ascolto attivo del mercato di riferimento, si possono intercettare product need e diversificare i prodotti già offerti per far fronte al cambiamento dinamico dell’esigenza del consumatore. Pur avendo dei grossi rischi, è sicuramente una strategia vincente.

Nestlé ha sfruttato la sua esperienza nella produzione di alimenti per bambini per approdare nel mercato degli alimenti destinati ad animali domestici. Questa espansione ha permesso all’azienda di diversificare il suo portafogli prodotti, raggiungendo nuove tipologie di buyer persona.

Airbnb, ad un certo punto, ha ampliato il suo business offrendo esperienze di viaggio uniche, come soggiorni in case di lusso e attività locali. Questa diversificazione ha permesso all’azienda di aumentare la sua quota di mercato e di diversificare il suo portafoglio prodotti.

Coca cola per rispondere alla crescita di richieste di bevande vegetali, lancia nel 2017 Adez, linea di bevande per chi è alla ricerca di nuove alternative tra gli alimenti vegetali.

Conclusioni e consulenza strategica

Ora che sai cos’è la matrice di Ansoff, sei pronto per approfondire la sua applicazione come strumento strategico utile per la tua start-up o azienda già avviata. 

Tuttavia, nonostante gli indiscussi vantaggi, il modello di Ansoff presenta alcune sfide e limitazioni e potresti non avere ancora tutte le conoscenze e gli strumenti adatti a mettere in pratica questa strategia, anche se hai ben compreso come utilizzare le quattro strategie della matrice prodotto-mercato. 

Ti suggerisco, dunque, di richiedere una consulenza strategica gratuita: grazie all’esperienza di un professionista a te dedicato, troverai canali, strumenti e metodi giusti che ti aiuteranno a scalare il tuo business.

CONTATTACI

Potrebbero interessarti i seguenti articoli correlati:

digital strategy how to create in eleven steps Email-marketing dimensione media Target audience cos'è

EVENTO ESCLUSIVO ONLINE: OTTIENI IL TICKET GRATUITO

SCOPRI COME GUADAGNARE 5000€ AL MESE LAVORANDO ONLINE E VIVENDO DOVE VUOI

SCARICA UNO TRA OLTRE 30 EBOOK

Aumenta la Tua Conoscenza gratuitamente sugli argomenti del Digital Marketing.
Scarica in basso il tuo e-book

"*" indica i campi obbligatori

Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Recensioni Digital Coach su Google


Fai il Test sulla Tua Professione ideale


Esercitazioni Live 100% Pratica Operativa


PARTECIPA AD UNA PRESENTAZIONE DI ORIENTAMENTO

Presentazione di orientamento Open Day Digital Coach

2 Commenti

  1. Paola Franchi

    Descrizione chiara e puntuale della matrice, del suo utilizzo e della sua utilità. Articolo che dovrebbe svettare sulla scrivania di digital marketing strategist!
    Sviluppando punto per punto quanto contiene questo articolo la strategia è pronta!
    E se non bastasse, l’empio pratico di applicazione che contiene fornisce una guida ulteriore per il suo sviluppo.

  2. Anastasia Gambera

    Ottimo avere variabili mediante cui raggiungere i propri obiettivi. Lo stesso, per quanto riguarda i pubblici che è possibile raggiungere. Per cui stabilire a monte i propri obiettivi, diventa, quindi, indispensabile per capire di quali variabili servirsi davvero ;)

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *