Seleziona una pagina

Ecommerce outsourcing: cos’è, come funziona e vantaggi

Hai mai sentito parlare di ecommerce outsourcing? In parole semplici consiste nell’affidare la gestione del tuo e-commerce ad alcuni professionisti esterni che lo renderanno una perfetta macchina per le vendite online.

In questo articolo ti spiego quando esternalizzare la gestione della tua attività online e quali sono i vantaggi di adottare questa modalità. Se invece vuoi occuparti autonomamente del tuo business online ti consiglio di consultare i corsi e-commerce di Digital Coach, grazie ai quali acquisirai tutte le competenze necessarie che ti consentiranno di sviluppare il tuo progetto dalla fase iniziale fino al lancio ufficiale della tua attività sul web.

Devi sapere che le vendite online negli ultimi anni sono cresciute vertiginosamente. Complice di questa crescita esponenziale è stata senza dubbio la pandemia che ha favorito l’accelerazione del commercio elettronico in maniera incredibile. La maggior parte degli imprenditori oggi decidono di digitalizzare la propria attività sul web dando vita agli e-commerce; negozi virtuali che permettono di sfruttare tutti i vantaggi che il web mette a disposizione.

Purtroppo però nella maggior parte dei casi, ove gli imprenditori digitali provano a fare tutto in autonomia senza avere competenze specifiche, accade che dopo circa un anno si trovano a chiudere il proprio business presente sul web a causa di una gestione sbagliata e diversi errori commessi. Per questo motivo oggi voglio parlarti di una modalità di gestione per la tua attività online molto vantaggiosa che riduce notevolmente i tuoi sforzi aumentando le probabilità di successo: l’ecommerce outsourcing.

Come funziona l’ecommerce outsourcing

Ecommerce outsourcing significa letteralmente “esternalizzare” i servizi del negozio online.

La gestione di un e-commerce non è una cosa semplice soprattutto quando l’attività commerciale online comincia ad ingrandirsi. Ci sono molti aspetti importanti nel digital marketing che decretano il successo o il fallimento del tuo business sul web. Mi riferisco:

  • al servizio offerto
  • all’assistenza clienti
  • alla gestione del magazzino
  • alla logistica
  • al controllo delle recensioni
  • alla gestione dei resi e molto altro.

Ecco! Utilizzando la gestione in outsourcing puoi affidare questi aspetti del marketing a professionisti esterni. Così facendo avrai molto più tempo per dedicarti ad altro mentre i professionisti garantiranno un servizio impeccabile mantenendo però il rapporto del tuo brand con i clienti.

Quando esternalizzare la gestione del tuo eCommerce?ecommerce outsourcing quando

Inizialmente può sembrarti facile gestire in autonomia il tuo negozio virtuale, ma ti garantisco che non è proprio così. Ben presto ti renderai conto che gestire la tua attività commerciale online richiederà molte più energie e tempo di quello che avevi considerato per dedicarti alla cura e alla corretta manutenzione di esso.

Un carico di lavoro eccessivo porta inevitabilmente ad ottenere scarsi risultati con un notevole calo dell’engagement da parte delle tue buyer personas.

Questo è il momento in cui comincerai a porti delle domande e di sicuro, adesso che conosci l’esistenza di questa modalità, la prima sarà: “dovrei sfruttare la possibilità dell’ecommerce outsourcing?”. Probabilmente la risposta alla tua domanda sarà “sì”, però per renderti le idee ancora più chiare su quando esternalizzare la gestione del tuo business virtuale ti spiego quali sono le principali problematiche che ti porteranno a prendere questa decisione.

Il tuo eCommerce non riesce a decollare

Hai dato vita al tuo e-commerce, hai investito denaro per la piattaforma, per il piano marketing, per la pubblicità e per le varie grafiche, ma nonostante tutto le tue vendite sono scarse o addirittura del tutto ferme.

Potresti impazzire lavorando duramente per trovare le problematiche nel tuo progetto, perdere ancora molto tempo e denaro in tentativi inutili senza ottenere mai i risultati sperati, oppure, in alternativa puoi prendere la strada più semplice con risultati garantiti che ti renderà la vita molto più facile: ricorrere alla gestione dell’ecommerce outsourcing per il tuo business.

Gli esperti del digital marketing ai quali affiderai la gestione della tua attività commerciale hanno tanta esperienza nell’ambito marketing alle spalle e sapranno sicuramente risolvere i problemi del tuo negozio virtuale, incrementando in poco tempo le vendite ed i profitti del tuo business.

test aprire un negozio online

Il tuo business sta crescendo molto velocemente

La tua attività commerciale sta crescendo molto velocemente sul web e ti rendi conto di non avere risorse adeguate per fronteggiare questa espansione inaspettata.

La crescita della tua attività richiede molto impegno e soprattutto elevate competenze nel digital marketing che vanno ad accrescere man mano che il tuo business online si sviluppa. Proprio per questo la soluzione migliore è l’ecommerce outsourcing, affidare la gestione della tua attività online a professionisti ti aiuterà a fronteggiare queste difficoltà trasformando il tuo piccolo negozio virtuale in un’affermata realtà del commercio elettronico.

ecommerce outsourcing assistenza clienti

Hai bisogno di un servizio clienti più efficiente

Il servizio clienti, o più appropriatamente chiamato nel digital marketing “customer care“, è uno degli aspetti più importanti soprattutto quando parliamo di nuove attività commerciali.

Può sembrarti facile offrire ai tuoi clienti un servizio ottimale ma con l’aumentare degli acquirenti il gioco diventa molto più difficile. Devi renderti sempre disponibile al contatto diretto se vuoi fidelizzare il cliente verso il tuo brand. Anche in questo caso l’ecommerce outsourcing può fare al caso tuo.

I tuoi clienti riceveranno tutta l’attenzione che meritano e saranno accompagnati in tutto il percorso decisionale e di acquisto rispettando rigorosamente ogni fase del funnel marketing. Inoltre, i professionisti incaricati, saranno sempre pronti a colmare qualsiasi dubbio del cliente rispondendo con prontezza e professionalità alle loro domande. I consumatori ameranno i tuoi prodotti e si ricorderanno sempre di quell’esperienza piacevole che gli hai offerto.

Ti elenco alcuni dei principali obiettivi che il tuo eCommerce raggiungerà dopo aver offerto un customer care eccellente:

  • recensioni positive
  • aumento di engagement verso il brand attraverso il passaparola
  • fidelizzazione dei clienti che già hanno acquistato
  • riduzione di problematiche tipo resi e rimborsi.

Vuoi espanderti senza assumere dipendenti

Assumere nuovi dipendenti per il tuo business con elevate competenze nel digital marketing richiede un investimento che la tua azienda potrebbe non permettersi, ma nello stesso tempo non hai personale qualificato da impegnare sul tuo progetto online per far sì che prenda definitivamente il volo. Con l’ecommerce outsourcing non dovrai preoccuparti di nuove assunzioni né tanto meno di corsi di formazione per qualificare te o i tuoi dipendenti.

Esternalizzando i tuoi servizi ad agenzie di outsourcing specializzate nel marketing digitale, i professionisti svolgeranno tutto il lavoro per te, ottimizzando al meglio le vendite ed il marketing della tua azienda ad un costo molto più vantaggioso rispetto ad eventuali assunzioni. Vedrai in breve tempo che grazie all’ecommerce outsourcing la tua azienda otterrà una notevole espansione.

I vantaggi dell’ecommerce outsourcing

A questo punto avrai capito che l’outsourcing è senza dubbio l’alternativa più adatta alla classica gestione interna del tuo ecommerce per posizionarlo nel modo migliore sul web.

Nel digital marketing per ottenere ottimi risultati il tuo negozio virtuale deve essere perfetto in tutti gli aspetti. In questo ambito non sono ammessi errori ed anche la più piccola distrazione in fase di progettazione potrebbe costarti molto caro.
Adesso, dopo averti illustrato “quando” ricorrere all’ecommerce outsourcing, voglio focalizzarmi un po’ sui principali vantaggi che questa modalità di gestione porterà a te ed alla tua azienda.

Riduzione dei costi

Utilizzando la modalità dell’ecommerce outsourcing puoi avere la massima efficienza minimizzando le spese. Basta affidare la gestione del tuo business ad agenzie di marketing che svolgeranno tutto il lavoro al posto tuo. Niente budget investito per sponsorizzazioni e pubblicità strutturate male, niente stipendi extra dovuti a nuove assunzioni e nessun investimento che non ti garantirà un ritorno economico certo.

 

webinar gratuito dropshipping e-ecommerce

ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO

Ottimizzazione del tempo

Con l’ecommerce outsourcing hai meno aspetti da gestire direttamente e quindi potrai focalizzare il tuo tempo su altre aree chiave del tuo business, come ad esempio il punto vendita fisico (qualora ne avessi) o la gestione del personale. Inoltre avrai più tempo libero da dedicare a te stesso, ai tuoi hobby ed alla tua famiglia. Non trascurare troppo la tua vita privata!

Nessuna riorganizzazione del tuo staff

Creare, sviluppare e gestire un eCommerce che abbia successo nel marketing online richiede competenze ed esperienza pregressa nel settore. Se non vuoi esternalizzare i tuoi servizi sarai costretto ad assumere specialisti del digital marketing che garantiranno successo al tuo business, ma ovviamente il costo sarà molto elevato. Tra Le principali figure professionali alle quali mi riferisco troviamo:

ecommerce outsourcing azienda

  • Web Project Manager, colui che progetta il sito dalla fase iniziale considerando tempo, rischi e costi da sostenere per raggiungere gli obiettivi prefissati.
  • E-commerce Manager, il responsabile del piano marketing e della digital strategy da utilizzare, inoltre stabilisce gli obiettivi da raggiungere.
  • Operation Manager, si occupa di tutti gli aspetti riguardanti la logistica come spedizioni, gestione degli ordini e servizio clienti.
  • Category Manager, la figura che analizza il mercato, definisce i prezzi dei prodotti ed organizza il catalogo.

Queste sono solo alcune delle figure professionali di cui avrai bisogno per la tua attività. Ti sarà facile capire che utilizzando l’ecommerce outsourcing non avrai bisogno di assumere questi professionisti del marketing digitale, quindi oltre alla fatica necessaria per una totale riorganizzazione dello staff aziendale potrai risparmiare anche molto denaro dovuto alle nuove assunzioni.

Meno burocrazia

La parte burocratica quando si apre un’attività commerciale sul web richiede molta attenzione e nulla può essere lasciato al caso. Le leggi da rispettare sono tante e spesso le pratiche burocratiche ti costringono a perdere molto tempo. Anche in questo caso puoi esternalizzare il servizio del tuo negozio online. Grazie all’ecommerce outsourcing lasci svolgere questo compito ostico ad un professionista che si occuperà di tutto nel più breve tempo possibile, garantendoti un business online in conformità con le leggi e le regole del territorio.

Scopri come creare il tuo Negozio Online in Dropshipping o Drop selling
minimizzando costi, rischi ed evitando costosi errori

CORSO E-COMMERCE DROPSHIPPING

E-commerce outsourcing: un caso di successo

Com’è noto, anche in Italia il settore dell’Ecommerce outsourcing sta crescendo a ritmi vertiginosi, anche grazie al modello contrattuale del dropshipping. In base a tale modello, l’impresa di E-commerce esternalizza la gestione del magazzino e la spedizione dei prodotti che pubblicizza e vende attraverso il sito web.

In questa videointervista ho chiesto ad Antonio Lembo, CEO di Terashop di svelarci la chiave del successo e di aiutarci a comprendere meglio il fenomeno dell’ Ecommerce outsourcing.

Stefania PanzeriAntonio, per iniziare, vuoi raccontarci qualcosa di te e di Terashop?

Antonio LemboFacciamo Ecommerce dal 1999, quindi siamo nati in un’epoca in cui a fare Ecommerce c’eravamo solo noi, col nostro marchio Mister Price, c’era Mediaworld, c’era – all’epoca – CHL, Casa Rossi. C’erano pochissime realtà che lavoravano online. Negli anni abbiamo continuato ad investire molto. Abbiamo dei fondi di investimento all’interno dell’azienda. Siamo cresciuti. Siamo arrivati a fatturare 50 milioni di euro che, nel 2005-2006 erano comunque molto nell’ambito dell’E-commerce. I volumi erano più ridotti rispetto a quelli odierni.

L’azienda è cresciuta. Eravamo 100 persone. Abbiamo acquisito tutta una serie di marchi. Abbiamo acquisito il marchio ePlaza, abbiamo acquisito Bow, abbiamo sperimentato attivamente il modello di consegna sul punto vendita, quindi il pick up in store. Bow aveva una rete di 200 negozi sul territorio dove si poteva andare a ritirare il prodotto e quindi toccarlo con mano e pagare direttamente in negozio: una specie di modalità italiana dell’Ecommerce che ha avuto particolare successo. Abbiamo avuto il nostro sito di flash sales che si chiamava Ovo e che ha prodotto dei discreti volumi di fatturato in concorrenza con quelli che, all’epoca, erano Saldi Privati e Privalia.

La nostra storia ha continuato con successo finché poi ePRICE non ha rilevato tutti i nostri siti. A quel punto abbiamo continuato con un’attività di Ecommerce outsourcing. Quindi aiutiamo grosse aziende, soprattutto del settore distributivo, ad avvicinarsi al mondo Internet. Per conto loro gestiamo un po’ tutta la filiera dell’E-commerce, dalla costruzione e gestione del sito alla gestione del marketing fino a tutta la parte di gestione dell’ordine, customer care, call center, logistica, spedizioni, resi e quindi tutto il ciclo dell’Ecommerce. Facciamo Ecommerce outsourcing per delle realtà grosse ed importanti del mondo della distribuzione come Expert, Auchan, Brico Io (che fa parte del gruppo di coop Lombardia), Grancasa.

Stefania PanzeriSiete stati i primi a mettere in pratica il modello del dropshipping. Ci puoi raccontare com’è andata?

Antonio LemboAbbiamo cominciato a spedire direttamente dai nostri fornitori già all’inizio del 2000. È nato quasi per scherzo. Non sapevamo, all’epoca, che si chiamasse dropshipping. Ero a pranzo con l’allora amministratore delegato di Ingram micro (che è uno dei principali distributori di elettronica di consumo). Trovavamo assurdo che, tutti i giorni, Ingram Micro dovesse spedire bilici di merce verso la nostra logistica per poi dover rispedire tutto al cliente finale. Ingram Micro aveva una logistica avanzatissima. I distributori di elettronica di consumo e, in particolare, di informatica sono sempre stati fra le realtà più avanzate dal punto di vista logistico, quindi – in questo senso – si poteva sfruttare la loro esperienza che, all’epoca, era sicuramente superiore rispetto alla nostra.

Da lì abbiamo deciso di incominciare ad implementare una serie di specifiche di integrazione tale che potessimo fare in modo che l’ordine venisse gestito e spedito direttamente da Ingram Micro verso il cliente finale. Questo diminuiva i costi di gestione e i tempi di spedizione. I corrieri non erano neanche preparati a questo tipo di gestione e quindi abbiamo dovuto sederci attorno a un tavolo con TNT e, per primi, in Italia abbiamo definito le specifiche di dropshipping che poi si sono in qualche modo diffuse sul mercato e sono diventate una realtà per tante altre aziende.

Oggi continuiamo a sfruttare molto il modello del dropshipping: spediamo da 50-60 magazzini diretti dei nostri clienti con tutte le possibili modalità. È un modello che poi abbiamo sofisticato. La spedizione può essere effettuata dal magazzino del nostro fornitore direttamente al cliente finale oppure possiamo farlo transitare presso una logistica in cui il cliente ha comprato un prodotto che viene ordinato da più fornitori. Il prodotto confluisce verso la nostra logistica e poi viene rispedito al cliente finale con un’unica spedizione. Il tutto viene gestito in tempi estremamente rapidi (si perde solo un giorno per la preparazione della merce).

Ci capita anche, sempre più di frequente, visto che seguiamo anche delle realtà a livello distributivo internazionale, di fare dropshipping internazionale. Quindi [ad esempio NdR] spediamo dai nostri magazzini, dalla nostra logistica nel New Jersey per servire l’America o il Canada (questo perché spesso, nel settore dell’abbigliamento spediamo in tutto il mondo ed effettuiamo vendite worldwide).

Stefania PanzeriIl vostro è stato un caso di successo. Quali sono stati i fattori che più hanno determinato la vostra riuscita?

Antonio LemboParlando della realtà attuale e soprattutto della realtà di Ecommerce outsourcing ci siamo particolarmente concentrati prima degli altri sulla omnicanalità. Abbiamo cercato di “educare” i nostri clienti sul concetto di omnichannel (cosa che non era assolutamente scontata!). Quindi, già 5 o 6 anni fa proponevamo tutta una serie di soluzioni per fare in modo che il cliente potesse acquistare online e ritirare sul punto vendita, anche sfruttando un po’ l’esperienza che avevamo avuto con Bow, e dunque la possibilità di comprare sul punto vendita – tramite delle nostre soluzioni di kiosk – tutta una serie di prodotti che magari nel punto vendita non c’erano o non non erano disponibili in quel momento.

Poi, tutto questo l’abbiamo ulteriormente sviluppato e sofisticato. Oggi abbiamo la possibilità di gestire dei sistemi di loyalty card omnicanale tramite i quali creiamo delle carte fedeltà in cui il cliente è automaticamente registrato sul sito, la card può essere fisica o virtuale e quindi, in qualunque momento, grazie alla card stessa, il cliente viene riconosciuto, sia che si trovi sul sito, sia che sia in negozio. Lui può così ritrovare il suo storico degli ordini, gli acquisti fatti, trova i prodotti che sono consigliati per lui sulla base dei suoi acquisti globali. Questo è in sostanza il nostro modello.

È un modello che stiamo ulteriormente sofisticando perché stiamo arrivando a fare tutta una serie di attività sul punto vendita tali che, tramite tag NFC o altri modelli, il cliente possa inserire i suoi prodotti e visualizzare innanzi tutto le schede prodotto direttamente in negozio. E poi [in base a questo sistema, il cliente NdR] li può inserire nella sua wishing list direttamente, anche in negozio dal suo profilo sul sito. Quindi, mentre è in negozio, gira tra i vari scaffali, semplicemente tocca col suo cellulare i prodotti che gli interessano e se li ritrova all’interno della sua wishing list. E poi, eventualmente, li può comodamente comprare da casa.

Stefania PanzeriQuali prospettive vedi per il futuro in questo settore?

Antonio LemboL’Ecommerce è un settore che sta crescendo come non mai. Parlavo non più di dieci minuti fa con Bartolini, il quale sta dichiarando dei volumi tripli in questo Natale rispetto a due anni fa. Ciò significa che il mercato si sta allargando in modo incredibile e sempre più gente si sta abituando ad acquistare online. Questo è l’aspetto positivo. Dall’altra parte sicuramente c’è un grosso effetto di concentrazione, ci sono poche realtà pure player che stanno sicuramente cannibalizzando il mercato. Amazon, ePRICE oggi fanno dei volumi doppi, tripli rispetto agli altri siti di commercio elettronico. Ci sono quindi le realtà distributive tradizionali che sono arrivate in ritardo sul mercato e devono trovare un po’ il loro spazio e la loro collocazione. Per cui, secondo me, è importante avere delle politiche corrette di omnichannel perché la grande distribuzione deve imparare a gestire e trattenere i clienti che oggi acquistano ancora in negozio e deve fare in modo che, quando andranno ad acquistare online acquistino all’interno del sito Auchan, del sito Expert (due dei nostri clienti) e non vadano invece ad acquistare all’interno di Amazon o di altri siti di commercio elettronico, come risulterebbe oggi naturale. Quindi è sicuramente un mercato che si sta andando a concentrare.

L’altra caratteristica grossa del mercato dell’Ecommerce è che è un mercato in cui tutti stanno ancora investendo molto. Non ci sono dei dati ufficiali di Amazon ma sicuramente il conto economico di Amazon in Italia non è ancora positivo (guardando il bilancio di ePRICE, che è una società quotata, si può vedere che vi sono ancora delle perdite a bilancio). Quindi oggi l’E-commerce è ancora un’operazione finanziaria più che un’operazione industriale. Le aziende che oggi sono particolarmente valutate e sono dei casi di successo, lo sono più per la loro crescita di valore in Borsa che per gli utili che effettivamente riescono a esprimere. Vedremo poi in un futuro se continuerà ad essere così o se diventeranno delle aziende industriali.

Conclusioni e consulenza gratuita personalizzata

Come hai potuto capire gestire in autonomia il tuo negozio virtuale non è affatto semplice. Per questo, se hai difficoltà o ti ritrovi in una delle situazioni sopra elencate ti consiglio vivamente di prendere in considerazione il fatto di gestire il tuo ecommerce in outsourcing.

Inoltre, se desideri approfondire più nel dettaglio questo argomento o vuoi dei consigli per la gestione e/o per sviluppare da zero il tuo business sul web, puoi richiedere la tua consulenza gratuita personalizzata. Un nostro specialista del settore risponderà a tutte le tue domande, difficoltà, dubbi e perplessità.

Contatta un esperto e prenota subito la tua consulenza gratuita personalizzata

PRENOTA LA TUA CONSULENZA GRATUITA

Potrebbero interessarti i seguenti articoli correlati:

dropshipping quanto si guadagna cover  migliori siti per vendere online  come vendere online ev 

Stefania Panzeri PRIMA STESURA E VIDEO INTERVISTA A CURA DI STEFANIA PANZERI

Mi occupo di ricerca nel campo dei Trasporti, della Navigazione e del Turismo. Appassionata di scrittura e comunicazione, mi sto accostando al Web Content Writing e al Digital Marketing.

Digital Marketing Junior & SEO copywriter. Affascinato dal mondo digitale ho conseguito un master in digital marketing studiando a 360° tutte le discipline che ne fanno parte. Ho svolto una work experience di 4 mesi in SEO copywriting durante la quale ho acquisito competenze come: ideare una strategia per posizionarsi sui motori di ricerca, scrivere articoli e/o pagine in ottica SEO , ottimizzare vecchie risorse, fare attività di link building ecc… Attualmente sto incrementando le mie competenze con un focus sul Social media marketing in quanto ritengo che oggi i social media sono i principali strumenti da utilizzare per diffondere i nostri messaggi e creare brand awarness.

SCARICA UNO TRA OLTRE 30 EBOOK

Aumenta la Tua Conoscenza sugli argomenti del Digital Marketing. Scegli gratuitamente tra oltre 30 Ebook di Digital Coach.

"*" indica i campi obbligatori

Consenso
Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Recensioni Digital Coach su Google


Fai il Test sulla Tua Professione ideale


PARTECIPA AD UNA PRESENTAZIONE DI ORIENTAMENTO

Presentazione di orientamento Digital Coach

14 Commenti

  1. JacopoBocchio

    Molto delicato il servizio di E-commerce Outsourcing, una Case History davvero interessante.

  2. Monica Ciminelli

    Contando che hanno iniziato molti anni fa, erano già piuttosto avanti con le idee innovative. Complimenti

  3. Manuel Lazzarotto

    Queste case history sono sempre momenti utili per fermarsi un attimo ed analizzare le scelte fatte da professionisti che sono riusciti a realizzare qualcosa di importante, in piccolo o in grande, nel proprio settore . Infondono fiducia ed ispirazione donando l’energia positiva utile per rimettersi a lavorare nel proprio progetto con la consapevolezza che ce la si può fare !

  4. Maria Elena Massarelli

    Una bellissima testimonianza sull’inizio del dropshipping. I dati e-commerce erano già in crescita e il settore era ed è in continua evoluzione.

  5. Giuseppe Zaccaria

    Una storia di successo e ottima testimonianza. Un’idea innovativa e di grande rivelanza.

  6. Serena Ruggirello

    Wow, questa è una storia di grande successo e credo che leggere di queste storie è sempre utile per trovare in se stessi una forte motivazione e magari nuove idee. Solo così si riesce a spiccare in un mondo tutto uguale!

  7. Martina Santoro

    Articolo molto interessante, la gestione logistica non è da sottovalutare per chi si occupa di E-commerce!

  8. Alessandra Vergerio

    Hanno incominciato prestissimo ed hanno saputo investire intelligentemente!

  9. Viviana Lanci

    Poter stupire in un periodo dove c’è già “tutto” è la base per poter spiccare agli occhi degli utenti!!

  10. Jessica armanetti

    Sempre bello leggere storie di successo, sono stati praticamente dei visionari!

  11. Silvia Colombo

    Articolo interessante e tuttora valido. Tra l’altro parla di una realtà tutta italiana che ha creato per prima un sistema di spedizione molto utile soprattutto per le realtà di piccole/medie dimensioni che caratterizzano la struttura produttiva italiana.

  12. Cecilia Castellani

    Interessante intervista, la gestione della logistica è sempre un fattore da non sottovalutare e Terashop lo ha affrontato alla grande!

  13. Lisa Baiocchi

    Questa storia testimonia come l’avere un’idea fuori dagli schemi, talvolta, sia la strada giusta per raggiungere il successo. Bello!

  14. Ilaria Bottazzini

    Una storia davvero interessante e di grande successo. E’ incredibile che abbiano iniziato ad usare il modello contrattuale dropshipping senza sapere nemmeno che si chiamasse così, ancor prima che questo iniziasse a diffondersi.

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.