Seleziona una pagina

Digital Ecobrand Manager, chi è e di cosa si occupa?

Chi è il Digital Ecobrand Manager?  E’ una nuova figura professionale che si occupa della cura della brand nelle aziende della green economy così come di tutto quello che afferisce al mondo della green economy stessa, ovvero: l’economia circolare, il risparmio energetico, le energie alternative, lo sviluppo sostenibile, il packaging green, la tutela dell’ambiente e la responsabilità sociale d’impresa.

Come riesce un Digital Ecobrand Manager a creare e rafforzare il brand di aziende appartenenti alla green economy, ad evidenziarne e renderne credibili le peculiarità?
Ne parliamo con Letizia Palmisano giornalista ambientale, social media manager e influencer strategist che di recente ha ricevuto il Macchianera Internet Awards come Premio speciale per l’impegno nella divulgazione dei temi legati all’economia circolare.

Il background del Digital Ecobrand Manager

Nadia Lombardi
Ci puoi raccontare qual è il tuo background?

 Letizia Palmisano Digital Ecobrand Manager
Sono circa 10 anni che lavoro nel campo della comunicazione ambientale. Tutto è nato da due grandi passioni: una per uno stile di vita ecosostenibile e l’altra per il giornalismo. Ho studiato giurisprudenza pensando che il giornalismo e l’ecosostenibilità sarebbero rimaste nell’ambito personale, quello di una passione appunto. Ad un certo momento ho deciso di fare delle mie passioni il mio lavoro. Sono diventata giornalista per fare comunicazione di battaglie ambientali a cui tenevo particolarmente. Visto che allora come comitati non avevamo una lira, gli unici strumenti erano fare attività di ufficio stampa da un lato, e dall’altro usare i primi strumenti web, in particolare i blog inizialmente e poi i social. Non sapevo dare un nome alla professione che avrei fatto da lì in avanti e che oggi potremmo definire Digital Ecobrand Manager.

Come fare conoscere un prodotto innovativo e green

Nadia Lombardi
Rispetto a un prodotto tradizionale come si promuove un prodotto green?

 Letizia Palmisano Digital Ecobrand Manager
Quando noi cerchiamo un oggetto da comprare se non ne capiamo le qualità o il valore che c’è dietro confrontiamo solamente il prezzo. A volte anche per l’aspetto green il prezzo è vincente. Ad esempio se scelgo un elettrodomestico che mi garantisce un’efficienza energetica, anche se costa inizialmente di più, poi in realtà mi farà risparmiare. Ma in altri casi tu devi spiegare che quel bene ha un valore superiore magari oltre all’uso. Se un bicchiere, ad esempio, è anche compostabile e quindi può essere smaltito con l’umido, potrà nutrire la terra e non essere un rifiuto da smaltire. Un’azienda deve essere in grado di raccontare il valore aggiunto del prodotto che non sempre è il minor costo. I prodotti non parlano da soli. Un consiglio che do spesso alle aziende, è di far capire il lavoro che c’è dietro ad un prodotto, anche in termini di innovazione, di ricerca, di investimento nel personale. Perché poi a volte, al di là dell’utilità dell’oggetto, ci si affeziona anche all’idea di poter supportare un progetto che c’è dietro un azienda. Uno strumento utile per chi vuole capire come coniugare la professione digitale e quella della comunicazione dei prodotti/servizi eco-sostenibili, quindi diventare un Digital Ecobrand Manager , è il libro di Luca Carosi “Green branding”.

Scarica l’Ebook Gratuito per apprendere
come fare comunicazione digitale nel modo migliore

ebook comunicazione digitale articolo

La case history dell’azienda “Minimo impatto”

Nadia Lombardi
Come si imposta la strategia digitale per creare un brand come “Minimo impatto”?

 Letizia Palmisano Digital Ecobrand Manager
La prima regola è accettare attività di comunicazione solo di realtà che uno può sposare. Nel senso che si deve essere convinti che dietro c’è un bel progetto da comunicare. Nel caso di “Minimo impatto” ci sono due persone che si sono rese conto che avevano difficoltà a trovare soluzioni a minimo impatto ambientale nel loro quotidiano. E quando le hanno trovate hanno pensato che dovevano condividerle con gli altri. La prima regola che ho dato loro, è stata quella di essere molto trasparenti; di far sì che le persone potessero conoscere un prodotto, spiegargli il suo valore aggiunto. Era necessario rispondere alle domande delle persone utilizzando anche i social per aprire le porte a chi non poteva andare sicuramente in azienda. E questo contatto diretto ha creato un grande rapporto di fiducia che negli anni si è consolidato. Di recente, tra l’altro, è successa una cosa molto bella. Una cliente aveva comprato dei costumi a minimo impatto e ha fatto spontaneamente un video con i costumi postandolo su Facebook. Un’altra cosa bella che fanno nell’azienda “Minimo impatto” è che ascoltano le persone. Ovvero capitano persone che dicono: “io vorrei essere green in questa cosa ma non trovo il prodotto green”. Allora “Minimo impatto” spesso si è messa a dialogare con le aziende e produttori per dire quale era il prodotto green mancante o magari da modificare per un migliore utilizzo. Tra gli utilizzatori finali si sono creati nei social anche delle piccole community per confrontarsi sui prodotti e fare delle proposte.

Digital Ecobrand Manager Minimo impatto

La case history della campagna nazionale #ItaliainClasseA

Nadia Lombardi
Come hai strutturato la Campagna Nazionale di formazione sull’Efficienza Energetica per ENEA?

 Letizia Palmisano Digital Ecobrand Manager
Nella seconda annualità della Campagna #ItaliainClasseA ho lavorato tra i professionisti che hanno seguito la comunicazione social. La campagna si articolava in dieci tappe in giro per l’Italia. Ogni tappa aveva mediamente cinque eventi rivolti a pubblici molto diversi. Quindi abbiamo pensato di strutturare una campagna che prevedesse: da un lato un’informazione costante, perché venivano date tante informazioni in maniera professionale ma anche in parte ironica. Tra i professionisti c’è infatti anche Diego Parassole che è un comico molto attento alla sostenibilità ambientale. Abbiamo strutturato la campagna praticamente con tutti i social che abbiamo ritenuto utili: Facebook che è stato ovviamente il più utilizzato; Twitter che raccontava le dirette. Ma non potevano mancare Instagram, visto che parte del pubblico era quello dei teenager, o LinkedIn in cui ovviamente il B to B è un po il re. Infine Youtube per raccogliere i contenuti video. I social sono stati sicuramente dei validissimi alleati.

Se vuoi diventare un professionista del digitale, iscriviti al Master Digital Innovation Program. Mentre se vuoi curare in modo particolare il brand di un’azienda puoi iscriverti al corso di Digital Storytelling o Web reputation and social media monitoring.

Infine, se vuoi approfondire l’argomento green nel marketing, leggi il nostro articolo sul green digital marketing.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti articoli
   Influencer Marketing  TECNICHE PER AUMENTARE LE VENDITE WEB MARKETING    

Digital Coach è alla ricerca di 5 Digital Sales Specialist.

Leggi la descrizione e Guarda il Video di Luca Papa.

Pulsante scopri di più

SCARICA UNO TRA OLTRE 30 EBOOK

Aumenta la Tua Conoscenza gratuitamente sugli argomenti del Digital Marketing.
Scarica in basso il tuo e-book

"*" indica i campi obbligatori

Consenso
Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Recensioni Digital Coach su Google


Fai il Test sulla Tua Professione ideale


Esercitazioni Live 100% Pratica Operativa


PARTECIPA AD UNA PRESENTAZIONE DI ORIENTAMENTO

Presentazione di orientamento Open Day Digital Coach

42 Commenti

  1. Maria Elena Massarelli

    Essendo io stessa sensibile alla tematica della sostenibilità ambientale, credo che questo tipo di professione si affermerà sempre di più grazie all’inversione di marcia obbligatoria a favore dell’ambiente per tutti i paesi del mondo. Sicuramente bisogna sapere bene sottolineare il valore aggiuntivo del prodotto green rispetto a quello tradizionale, nonostante ora trovare prodotti ecologici è molto più semplice ma ancora a prezzi talvolta alti. E.. Complimenti a Letizia per il premio! :)

  2. Silvia Catani

    Un’interessante intervista dove il digitale insieme ad una comunicazione impostata sul trasmettere il valore del prodotto sono in grado di dare una forte spinta anche al settore green.

  3. PETRELLIS

    Ecobrand manager figura che secondo me sarà sempre più rilevante all’interno di un team. I tempi stanno cambiando velocemente e bisogna essere aperti ed anticipare anche un economia diversa, più rispettosa rispetto agli anni passati. Complimenti per l’articolo

  4. Ilaria Ottone

    Intervista molto interessante, credo ci sarà sempre più bisogno di figure professionali di questo genere. Prendere a cuore l’impatto ambientale e saper trasmettere il valore aggiunto alle proprie attività e ai propri prodotti, permetterà al consumatore di riconoscersi nei valori aziendali e di sposarli a sua volta, diventando un cliente fedele.

  5. Serena Ruggirello

    Intervista interessante che mette insieme due tematiche a me molto care top digital e Green Economy. Questa è sicuramente una figura professionale fondamentale per il nostro futuro e credo che tutte le aziende multinazionali dovrebbero avere per pensare in “green”.

  6. Maria Cristiana Tudose

    Articolo molto interessante, non conoscevo questa figura.

  7. Martina Cacace

    bella questa idea di green economy.

  8. Stephanie De Padova

    Altra professione che non conoscevo, ottima intervista su come un Digital Ecobrand Manager riesca a rafforzare il brand di aziende appartenenti alla green economy, rendendo credibili le loro caratteristiche.

  9. Linda Montemurro

    Ascoltare il cliente è fondamentale: bello che si creino figure specializzate in alcuni settori che possano dar voce e fare pubblicità parlando da competenti

  10. Michela Valenti

    Digital Marketing e Green Economy insieme, ottima combinazione. Bell’articolo!

  11. Alessandra Vergerio

    Ottima intervista, un grande lavoro per delle grandi cause! :)

  12. elisaottino

    interessante intervista :)

  13. annater

    Una idea grandiosa!

  14. Suppa carlo

    Intervista interessante su come promuovere un prodotto, da vedere sicuramente

  15. silvia bodini

    Non avevo mai sentito parlare di questa figura professionale, ma sono positiva che in futuro sarà sempre più comune nelle aziende.

  16. Barbara Sasso

    Essere green, avere prodotti green e saperlo comunicare non è da tutti. Grande Letizia!

  17. Lucrezia D'arpino

    Considerando che il digital marketing ad oggi sta ricoprendo uno sfondo completo per la società, reputo molto intelligente questa strategia, parlando di Ecobrand attraverso un articolo, di modo che tutti possano entrare in quest’ottica. A maggior ragione in quanto sono io la prima ed essere molto legata al “risparmio” inteso come rispetto dell’ambiente.

  18. Ilaria Bottazzini

    Sono certa che la figura del Digital Ecobrand Manager diventerà sempre più diffusa e acquisterà sempre più importanza. Essere green, avere prodotti green e saperlo comunicare: un mix perfetto.

  19. Luca Lampis

    Come la conoscenza del digital marketing e il rispetto per l’ambiente possono combinarsi per contribuire al raggiungimento di risultati lodevoli!
    “Una buona testa ed un buon cuore sono sempre una formidabile combinazione”
    (Nelson Mandela)

  20. David Montevecchi

    Intervista interessante, soprattutto sugli esempi portati da “Minimo Impatto”. Bisognerebbe scoprire e comprendere quali sono le reali potenzialità oggi di una nuova figura professionale come questa sul mercato.

  21. Giulio D'angelo

    Nuova interessante figura professionale di fondamentale importanza per il futuro. Sostenere la green economy è un must per la salvaguardia del pianeta e per il rispetto della natura.

  22. Matteo Papucci

    Essere green e saperlo comunicare, per in azienda è una marcia in più!

  23. Francesca Meale

    Il Digital Ecobrand Manager è una figura chiave nella green economy. E in un mondo al collasso climatico ci vuole.

  24. Angela Salvaterra

    Grazie Nadia per quest’intervista, dopo averla letta sono riuscita a dare un nome alla professione che vorrei svolgere in futuro! Credo che del digital ecobrand manager si sentirà parlare sempre di più, anche se magari questa ‘etichetta’ resterà tra gli addetti ai lavori. Un aspetto interessante da approfondire sarebbero le strategie utilizzate per raccontare al pubblico il valore aggiunto dei prodotti green.

  25. Raffaella Bertoni

    Articolo molto interessante su come la figura del Digital Ecobrand Manager possa aiutare le aziende della green economy

  26. ANTONIO

    Sostenere la green economy può aiutare il pianeta. I professionisti digitali hanno gli strumenti per rendere visibili le aziende coinvolte in questo settore. La Digital Ecobrand Manager è una figura ancora poco conosciuta, ma di cui sentiremo sempre più parlare.

  27. Eleonora Scilanga

    Nuova figura professionale interessante e fondamentale per il nostro futuro. Oggi tutte le aziende multinazionali e non dovrebbero pensare e agire “green”. Grazie per l’impegno di Letizia e per l’intervista di Nadia!

  28. Mila Orsini

    Letizia è stata molto brava a individuare, come esperta di comunicazione, una nicchia ben precisa che corrisponde anche ad un suo forte interesse. Più in generale, per quanto riguarda la scelta delle aziende di offrire al mercato prodotti ecosostenibili di prezzo magari superiore a prodotti analoghi non green, sarei curiosa di sapere se paga in Italia in questo momento storico.

  29. saracocco

    Intervista interessante! Una nuova professione tutta green

  30. chantal

    Il difficile compito del Digital Ecobrand Manager è mettere in risalto le peculiarità dei prodotti affinché si prenda coscienza che il valore aggiunto di un prodotto non sempre è il minor costo. Noi tutti dovremmo ricordarcene e prediligere i prodotti che in qualche modo preservano il nostro pianeta.

  31. Radu Rarau

    Brava Grazie per la condivisione Hai Aperto una porta !

  32. Alberto Brizzi

    articolo ben costruito e che valorizza nuove importanti figure nel management moderno

  33. Alin Codrut

    Ottimo Artcolo. Non ho mai sentito parlarsi di un Digital EcoBrand Manager ed e rimasto impresso

  34. robertamaisano

    Nell’intervista Letizia Palmisano dice una cosa importante che condivido anche io in prima persona :”accettare attività di comunicazione solo di realtà che uno può sposare (…) essere convinti che dietro c’è un bel progetto da comunicare.”
    Complimenti per il bell’articolo Nadia!

  35. Nicola Iachelli

    Che bella storia! Mi ha appassionato molto e mi ha dato grande ispirazione.

  36. Seredf

    Articolo interessante.

  37. fubino

    quante sono ormai le declinazioni del termine manager!!!! Inteseressantissimo articolo.

  38. Terence Bernardi

    Argomento molto interessante, complimenti!

  39. Nicola Iachelli

    Sarebbe una bellissima sfida lavorarci, credo che le motivazioni per far bene vadano oltre l’ambito professionale. Bello!

  40. Caroline Kumar

    Interessante articolo che consente di avvicinarsi a un mestiere poco conosciuto: il digital ecobrand manager. Una figura importante che contribuisce a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema spesso sottovalutato della salvaguardia dell’ambiente.

  41. Gianluca mancin

    Bello e interessante! Dovremmo tutti avere più attenzione e consapevolezza su questo tema.

  42. cipollina

    Brava Nadia! Articolo molto interessante in quanto parla di una figura professionale nuova di cui non conoscevo l’esistenza. Grazie!

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.