Seleziona una pagina
Start Up digitali: come crearle e perché preferirle?

Start Up digitali: come crearle e perché preferirle?

 

Le Start Up digitali hanno molte più possibilità di crescita e sopravvivenza rispetto a quelle tradizionali proprio per il boom dell’economia digitale e dell’e-commerce. In questo articolo non mi sono limitato a spiegare come creare una Start Up digitale attraverso una guida step by step. Ho innanzitutto identificato alcuni buoni motivi per cui è meglio preferire le Start Up digitali a quelle di altro tipo qualora si voglia diventare startupper e avviare dunque una propria attività.

In queste righe e nell’omonimo video, quindi, cercherò di valutare quali sono gli aspetti fondamentali che rendono le Startup digitali potenzialmente molto interessanti.

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

youtube luca papalogo spotify

 

Per prima cosa, se hai intenzione di creare la tua Startup digitale, ti consiglio di lavorare sulle tue competenze e capacità strategiche . A tal proposito Digital Coach offre il Master Start Up Program, un percorso pensato per chi ha deciso di intraprendere un cammino imprenditoriale di questo tipo.

Continuando la lettura, dunque, troverai nel dettaglio 6 buoni motivi per cui preferire le Start Up digitali a quelle di tipo tradizionale:

  1. Le Startup digitali richiedono un investimento iniziale inferiore a quello delle imprese tradizionali.
  2. Lavorando in una Startup di tipo digitale potrai vivere ovunque e lavorare da remoto.
  3. Le Start Up digitali sono caratterizzate da una forte crescita, veloce e scalabile.
  4. Nelle PMI innovative è possibile sfruttare il potenziale massimo delle strategie e degli strumenti di digital marketing.
  5. In un’azienda innovativa digitale la profilazione utenza è migliore
  6. Le imprese digitali fanno sì che tu possa distinguerti grazie all’innovazione

 

Start Up digitali: 6 motivi per preferirle alle tradizionali

 

Richiedono meno capitale iniziale

La prima ragione è il fatto che avviando una Start Up digitale hai bisogno di meno capitale iniziale rispetto a quello necessario per un’azienda classica.

Immagina un’azienda tradizionale fatta di negozi, store, magazzini. Ecco, nel digitale tutti questi tipi di asset non esistono o per lo meno non sono indispensabili.

Hai la possibilità di partire da un sito web, un’applicazione, un software che ha comunque un investimento, ma spesso inferiore rispetto agli asset tradizionali.

 

 

La tua Startup può crescere!

SCOPRI DI PIÙ SUL TUO PROGRAMMA

 

 

Puoi vivere e lavorare ovunque

digital start upCon le Start Up digitali puoi vivere ovunque e lavorare da remoto. Puoi distinguere tra la location dalla quale gestisci l’attività e la location nella quale invece si trovano i tuoi clienti, in cui commercializzi i tuoi prodotti e i tuoi servizi; esse potrebbero essere totalmente disgiunte l’una dall’altra.

Pensa alle tantissime Web Companies americane come Facebook, Google e moltissime altre che in realtà hanno buona parte del proprio personale negli Stati Uniti, un’altra parte in Irlanda e poi eventualmente solo alcuni dipendenti lavorano dalla propria località.

Alcune aziende digitali dirigono e gestiscono la propria attività da Headquarters spesso situati dall’altra parte del mondo.

 

 

 

La crescita è veloce e scalabile

 

Parliamo ora dei vantaggi di scalabilità e del potenziale di crescita del business. Per loro natura, le Start Up digitali possono crescere molto più rapidamente di un’azienda tradizionale.

Il punto fondamentale è individuare la giusta nicchia di mercato, quindi il segmento a cui rivolgersi. Una volta trovata l’idea giusta e la centratura del modello di business, hai l’opportunità di poter scalare rapidamente a livello internazionale.

Replicare su più paesi la formula di successo applicata attivamente su un determinato paese è molto semplice, molto più veloce rispetto ai business offline. Può diventare, quindi, un business ripetibile su scala mondiale a portata di click.

Le opportunità di crescita sono esponenziali e non richiedono più decenni come nel mondo delle aziende tradizionali. Pensa alla velocità con cui sono cresciute aziende ad alto contenuto tecnologico come Facebook, Google, LinkedIn e moltissime altre imprese innovative digitali che, in meno di un decennio, sono riuscite ad arrivare ad una scala globale.

In epoche precedenti, nei business tradizionali, la scala globale raggiunta da aziende come McDonald’s era un obiettivo raggiungibile solo in un arco di tempo di diversi decenni.

 

 

Puoi sfruttare le strategie di Digital Marketing

 

Un’altra importantissima ragione per cui le Start Up digitali hanno vantaggi e successo è che puoi sfruttare tutto il potenziale del mondo del digital marketing. Più precisamente puoi sfruttare i migliori canali di digital marketing, soprattutto facendo leva sui clienti tipici dell’online che fanno parte del tuo target.

Tra questi strumenti puoi trovare:

  • La SEO, Search Engine Optimization, ovvero il cosiddetto posizionamento sui motori di ricerca;
  • Le attività SEM, ovvero il Search Engine Marketing;
  • L’Email Marketing;
  • Il Social Media Marketing;
  • Il Mobile Marketing;

Questi sono tutti strumenti e metodologie innovative, anche di tipo pubblicitario, che ti consentono di investire il budget dedicandolo solo a clienti potenzialmente interessati alla tua attività. Puoi così evitare di sprecare parte di questo budget per parlare e comunicare con interlocutori che hanno una bassa probabilità di diventare clienti della tua attività.

Quindi il ritorno sull’investimento pubblicitario, il ROI, di qualunque attività fatta nel campo del digital marketing è migliore rispetto a quello di un’attività pubblicitaria di tipo tradizionale, anche per una microimpresa: un’opportunità davvero interessante da considerare visto che il successo delle Start Up innovative è legato ai canali di acquisizione dei clienti che è in grado di utilizzare.

 

Padroneggia gli strumenti di digital marketing e utilizzali nella tua Startup digitale.
Con il Corso Web Marketing e Social Media puoi acquisire le competenze necessarie!

CORSO WEB MARKETING E SOCIAL MEDIA

 

 

La profilazione dell’utenza è migliore

Nelle Start Up digitali il mercato di potenziali clienti è chiaramente molto più ampio e ti dà la grande opportunità di poter segmentare meglio la tua utenza. Un business di nicchia, che in un’area locale non sarebbe sostenibile perché all’interno di una città non avrebbe sufficiente quantità di clienti, se proposto online potrebbe invece divenire di successo.

Pensa ad esempio ad un negozio di canne da pesca d’altura, che non potrebbe trovare sufficienti quantità di appassionati nel circondario per potersi sostenere ma riportato online potrebbe divenire molto interessante.

Online si ha infatti la possibilità di individuare il giusto target su una base geografica molto più ampia come l’intera nazione. Questo dà l’opportunità anche al piccolo, a chi non ha grandi capitali né una scala enorme, di potersi rifugiare in una nicchia e gestirla al meglio. Ci si può cioè focalizzare su un contesto che i grandi players non riescono a presidiare così bene.

 

 

Puoi distinguerti grazie all’innovazione

 

Se vuoi avviare e potenziare una Startup online hai la possibilità di differenziarti attraverso l’innovazione del digitale. Puoi scegliere di innovare sul canale, sugli strumenti, sui processi e su molto altro. Quale occasione migliore per mostrare il tuo valore aggiunto? La trasformazione digitale ti dà la possibilità di farlo sfruttando il potere dell’innovazione.

Hai bisogno di supporto per avviare la tua Start Up?

Il Master Start Up Program di Digital Coach, finalizzato ad aiutare aspiranti imprenditori digitali a creare la propria Startup, integra una formazione su tutti i canali e strumenti di marketing digitale con delle sessioni di Digital Coaching attraverso le quali potrai:

  • Definire il business plan della tua Start Up digitale;
  • Individuare i corretti canali di finanziamento start up adatti al tuo progetto;
  • Definire una Digital Strategy personalizzata per la tua attività.

 

 

Per approfondire il metodo di definizione di una strategia digitale integrata e mettere tutti i canali online
al servizio dei fatturati della tua azienda, scopri il master in digital strategy!

PROGRAMMA DEL CORSO

 

 

Creazione di Start Up digitali: guida pratica step by step

 

 

Cos’è una Start Up digitale?

Prima di illustrarti gli step che portano alla creazione di Startup digitali innovative è doveroso darne una definizione.

Wikipedia ci aiuta nel comprendere meglio questo termine:

in economia con il termine Start Up digitale si identifica una nuova impresa nelle forme di un’organizzazione temporanea o una società di capitali in cerca di un business model ripetibile e scalabile. Inizialmente il termine veniva usato unicamente per Start Up digitali operanti nel settore Internet o tecnologie dell’informazione. Oggi, con la crescente influenza del software, anche altri settori sono interessati dal fenomeno.

 

Con un test puoi scoprire se diventare un imprenditore online e creare aziende innovative è quello che fa per te!

test imprenditore online

 

 

Dall’idea alla Start Up digitale

 

come creare una start up digitale guida praticaOgni azienda nasce da una “grande idea”. Può essere un’illuminazione o una rigorosa analisi del mercato, l’importante è riconoscere il momento in cui si accende la lampadina e non lasciarla spegnere. Ogni dettaglio va curato, senza scoraggiarsi di fronte ai problemi o agli errori, che sono “fantastici strumenti di apprendimento”.

L’idea di business delle Start Up Digitali deve essere chiara e semplice da spiegare. Deve essere utile, innovativa o comunque differente da ciò che propongono eventuali concorrenti. Meglio ancora che sia dirompente, che si abbatta sul mercato come una reale novità. Gli esempi non mancano: Amazon, eBay, Skype (oggi la più grande azienda di telecomunicazione al mondo), ma anche quelli meno noti, come NakedWines.com, che vende i “vini migliori ai prezzi inferiori” mettendo in contatto i consumatori con i produttori.

“Le imprese di questo tipo cercano rigidi settori tradizionali che non riescono a soddisfare clienti scontenti e trovano un’alternativa proficua”.

 

 

Il modello di business

 

Se dieci anni fa le Start Up digitali si limitavano a vendere merci o banner, con l’avvento della “era del cloud e del crowd” l’offerta si è ampliata a dati, servizi, download, contenuti, applicazioni, contatti, licenze e pure profili personali per campagne pubblicitarie mirate (Facebook docet).

Sono ormai diversi i modelli di business delle digital Start Up:

  • E-commerce (con la variante m-commerce per smartphone e tablet).
  • Freemium (offrire un prodotto in una versione gratuita ai consumatori base e in una premium a consumatori avanzati o aziende, come per esempio fanno Flickr, Skype, Spotify o Google per i servizi B2B).
  • Vendita di pubblicità (ma per essere redditizio si deve poter contare su migliaia e migliaia di click).
  • Marketplace, ovvero mettere sul mercato prodotti e servizi di altri, trattenendo una commissione. Spesso la strategia vincente è fare rete. “Le piccole imprese innovative si associano con gruppi più grandi per approfittare delle dimensioni e delle risorse e ricavare un vantaggio reciproco”: le prime mettono a disposizione innovazione e creatività, i secondi offrono esperienza, capacità e accesso a un bacino più ampio.

 

Per metterti in proprio e intraprendere una carriera online di successo hai bisogno delle giuste competenze e consigli!
Scopri il corso ideato per essere indipendente e operativo direttamente da casa!

CORSO LAVORARE IN PROPRIO

 

 

Step per Start Up di un business online

 

La tabella di marcia “che condurrà al successo” non può prescindere da un business plan, che definisce “che cosa fare, come e quando” per attirare clienti e conquistarsi la loro fiducia. All’impresa occorrerà naturalmente un nome (con relativo marchio, sito internet e applicazione per mobile) – che sia chiaro, accattivante e semplice da ricordare. Per l’avviamento servono poi finanziamenti Start Up e, se non si ha la fortuna di averli in proprio, Rickman suggerisce di rivolgersi a più fonti (amici, banche, contributi pubblici, fondi privati, partecipazioni azionarie e crowdfunding), per evitare di dipendere da un unico creditore. Bisogna poi diventare bravi nel “vendere” il proprio progetto.

Ultima tappa ideale: mettere in vendita le proprie Start Up digitali. Una buona uscita di scena è l’ultimo passo per chi crea PMI innovative, soprattutto nell’ambiente digitale. È un passaggio da pianificare con cura, perché può essere “l’ultima possibilità per essere ricompensati di tutti gli sforzi e possibilmente arricchirsi”. Bisogna saper cogliere il momento giusto, quello in cui l’impresa si è affermata, ma ha ancora margini di crescita. “Qualunque cosa farete dopo la vendita, gli errori e i successi fatti durante il vostro viaggio vi arricchiranno nel vostro percorso. Nel costruire e veder crescere il vostro business, avete contribuito all’economia e alla vostra personale saggezza”.

 

Hai in mente di aprire un e-commerce ma non sai da dove cominciare?
In questo Webinar gratuito troverai 7 step per iniziare a vendere online!

INIZIA SUBITO

 

 

Risorse umane per Start Up digitali

 

Determinante è il capitale umano: nelle Start Up digitali i collaboratori, che siano soci o dipendenti, vanno selezionati con cura, perché “le persone creano valore, guidano la crescita e portano a termine i progetti: sono alla base del vostro successo”. Successo che però necessita di un efficace piano di marketing e di comunicazione per “trasmettere il messaggio giusto alle persone giuste nel momento giusto”. Si deve “comunicare, comunicare e comunicare”, perché anche un’idea “fantastica serve a poco se non la fate conoscere”.

Il progetto va promosso ancora prima del lancio e bisogna investire nei primi clienti, anche “viziandoli” in modo che inneschino quel passaparola, che è la migliore leva per conquistarne altri.

 

 

Nuovi canali di marketing per Start Up

 

“Il business di oggi si basa sui contatti e sulle conversazioni, sulle community e sulla collaborazione – spiega Cheryl Rickman –.

I tradizionali metodi di marketing online e i social network si completano a vicenda: non basta più essere reperibili su Google, bisogna andare là dove si svolge l’azione, dove avvengono gli scambi comunicativi”.

Per le Start Up digitali è indispensabile utilizzare i social media, individuando blogger, influencer ed esperti del settore, rispondendo a critiche e commenti, monitorando la propria reputazione digitale. “Dovete essere così bravi da farvi trovare dove i consumatori possono trovarvi, anziché aspettare che vengano da voi”.

Le imprese innovative, dunque, devono sfruttare tutto ciò che il digitale mette a disposizione: anche e soprattutto le nuove figure di spicco del mondo digital, al fine di arrivare direttamente sui dispositivi dei propri possibili clienti.

 

 

Consigli di lettura: libri sulle Start Up

 

 

Ti consiglio la lettura del libro “La Start Up digitale. Guida pratica step by step”. Dall’idea all’analisi del mercato, dalla scelta dei collaboratori fino alla vendita o il sogno della quotazione in borsa. Un libro, citato spesso in questo articolo, che accompagna passo dopo passo nella creazione di Start Up digitali e non solo. La versione italiana è curata da Emil Abirascid ed è inoltre arricchita da otto storie “made in Italy” e dai suggerimenti contabili, fiscali e normativi dello studio legale Portolano Cavallo.

La versione originale straniera è scritta da Cheryl Rickman con quell’approccio pragmatico tipicamente anglosassone, per cui la teoria è affiancata da casi di successo, britannici e statunitensi. Cheryl Rickman, imprenditrice online e scrittrice inglese, nell’aprire il suo “La Start Up digitale. Guida pratica step by step”, afferma che “Ogni minuto 180mila persone utilizzano Google e al termine della loro ricerca visitano un sito web. Il libro intende aiutarvi a far sì che quante più persone possibili trovino il vostro sito web e acquistino da voi invece che dai vostri concorrenti”.

Molto interessante è anche il libro “Start up digitali e PMI innovative. Guida completa al successo di un’impresa innovativa“. Luca Scali e Silvia Vianello svelano le principali strategie e tecniche di marketing digitale attraverso le quali alcuni imprenditori e manager sono riusciti a trasformare semplici start up in aziende di successo. Come hanno fatto? Innanzitutto, evitando di cadere nei classici errori che portano inevitabilmente al fallimento di un’impresa.

 

Vuoi iniziare anche tu a realizzare la tua idea imprenditoriale?
Parti con il piede giusto! Contatta i nostri esperti e richiedi una consulenza gratuita.

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA

 

 

giuliano fiore foto profilo blog digital coachTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI GIULIANO FIORElinkedin_badge

Digital Marketing Specialist – Content Marketing Manager

Dal 2008 lavoro per RCS MediaGroup.

Nuove Idee imprenditoriali: 7 attività vincenti

Nuove Idee imprenditoriali: 7 attività vincenti

 

Nuove idee imprenditoriali: quali potresti considerare per aprire un’attività innovativa nel 2022

Se stai leggendo questo articolo è perché sicuramente hai più volte pensato all’idea di aprire una tua attività imprenditoriale e finalmente, metterti in proprio. Inoltre, soprattutto in seguito alla pandemia, avrai notato quanto è comodo e facile lavorare a distanza. Bene, è il momento per te di essere introdotto ad alcune delle nuove idee di business che ti permetteranno di dare una svolta alla tua vita e finalmente, fare il lavoro che ami ovunque ti trovi

All’interno dell’articolo ti parlerò di:

  • 7 idee business da considerare per avviare una nuova attività e mettersi in proprio,
  • nuove attività emergenti e business innovativi che possono ispirarti per reinventarsi,
  • l’importanza delle tue motivazioni personali nella scelta dell’idea imprenditoriale vincente.

Qualora fossi interessato ad aprire un’attività digitale innovativa, ti consiglio l’approfondimento nel Master Start Up Program, il corso pensato per coloro che intendono avviare una startup nel campo del Marketing Digitale.

 

Trovi 100+ video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

 

7 idee imprenditoriali di business online

 

Dopo aver vissuto un tale cambiamento storico come la pandemia 2020, chi non ha considerato nuove idee per aprire un’attività commerciale di successo? Se prima tutti coloro i quali desideravano mettersi in proprio consideravano l’idea di aprire business fisici come bar, birrificio, ristorante, centro estetico, negozio di abbigliamento, franchising su strada, o aprire una scuola, asilo nido, avviare un bed&breakfast, oggi, la maggior parte delle persone, grazie alla rivoluzione digitale, preferiscono aprire un’attività in proprio online. Ma, quali sono le migliori idee imprenditoriali nel 2022?

 

Scopri subito l’idea imprenditoriale adatta a te.
Prenota senza impegno una consulenza personalizzata con uno dei nostri esperti

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

Vendere in dropshipping

 

Ti stai chiedendo cos’è il dropshipping? Esso è un sistema di business secondo il quale puoi vendere prodotti che non possiedi fisicamente nel tuo magazzino. Questa nuova idea imprenditoriale, ti farà diventare il tramite tra l’acquirente, che comprerà il prodotto nel tuo store online e il produttore, che si occuperà d’imballare e inviare la merce al compratore. Se questa idea business ti interessa, basterà creare un negozio online e presentare i prodotti/servizi dei tuoi fornitori. Esempio di dropshipping? Alibaba.

 

Paura di non avere le competenze richieste?
Scopri subito il corso per creare il tuo web store!

 

corso per creare un ecommerce o dropshipping

SCOPRI IL CORSO

 

 

Aprire un e-commerce

 

Un’altra tra le idee innovative di business potrebbe essere aprire un e-commerce

Delle nuove attività imprenditoriali, l’e-commerce è il processo d’acquisto e vendita di prodotti/servizi attraverso il web. Questo commercio elettronico è dato dalle azioni di comunicazione tra il browser dell’acquirente richiedente un prodotto, il server del negozio dove il prodotto è inserito ed i sistemi utilizzati nella gestione magazzino e pagamento. Come nel dropshipping, gli acquirenti comprano merce o servizi direttamente sul negozio online ma con la differenza che il venditore si impegna nello stoccare il materiale nel proprio magazzino, materiale che lui stesso invierà al compratore. 

 

 

Vendere su Amazon

 

Vorresti vendere online ma non vuoi dedicare tempo e denaro nel costruire il tuo negozio in rete? Amazon è oggi definito il più grande e-commerce al mondo, ed è la prima opzione da considerare se vuoi vendere i tuoi prodotti online senza investire nella creazione del tuo e-commerce. Non male come idea imprenditoriale innovativa giusto? Inoltre, Amazon permette di vendere numerosi prodotti, con o senza partita iva, ovunque, raggiungendo compratori interessati ovunque nel mondo.

 

Inizia subito a lavorare su Amazon.
Segui il webinar gratuito qui sotto!

 

 

Vendere infoprodotti o servizi online

 

Ti senti esperto in alcuni campi e vorresti aprire una nuova attività imprenditoriale che includa alcune delle tue passioni? Forse, vendere infoprodotti è la migliore idea di business per te. Ma di cosa si tratta? Gli info-prodotti sono e-book, video, audio e qualunque altro materiale digitale che tratti di un determinato argomento nel quale ti senti esperto e che tu stesso puoi creare e vendere. 

 

Non ne sei ancora convinto? Scopri subito se vendere infoprodotti è l’attività innovativa che fa per te!

 

test creare ebook

CORSO VENDERE INFOPRODOTTI DIGITALI

 

 

Aprire un’attività di consulenza online

 

Con la pandemia tutti noi abbiamo potuto dedicare più tempo a pensare cosa vogliamo davvero fare del nostro futuro e spesso la risposta ha portato alla considerazione di nuove idee imprenditoriali. Molti hanno scoperto passioni ormai dimenticate ed hanno deciso di considerarle per avviare nuove attività. In quale business commerciale canalizzare le nostre competenze? Un’idea di successo potrebbe essere quella di diventare un consulente online. Ebbene sì, se ti senti specialista in un determinato ambito, perché non condividere la tua conoscenza con chi vorrebbe imparare? I temi da insegnare sono infiniti, così come le richieste dei tuoi potenziali clienti

 

Trasformati in Guru della tua passione!
Iscriviti al webinar gratuito e diventa consulente online!

CORSO DIVENTARE CONSULENTE ONLINE

 

 

Guadagnare con le affiliazioni

 

Quale idea business più si addice a chi possiede un sito web? Pensa a guadagnare tramite affiliazioni!

Ti stai chiedendo cosa sono le affiliazioni e come guadagnarci? Esse sono una tecnica di monetizzazione secondo la quale l’affiliato reindirizza l’utente attraverso backlink nel proprio sito web al sito del commerciante dove è possibile fare acquisti. Con quest’innovativa idea imprenditoriale, l’affiliato guadagna attraverso provvigioni frutto della percentuale sulle:

  • vendite
  • click
  • aumento del traffico alla pagina web del commerciante.

Quanto si può guadagnare con questa nuova tipologia di commercio digitale? Dipende da te, dalla tua dedizione, tempo ed esperienza. 

 

CORSO GUADAGNARE CON LE AFFILIAZIONI

 

 

Diventare un influencer

 

Nessuna delle nuove idee imprenditoriali prima citate ti ha convinto? Ami i social media e sei portato a creare contenuto coinvolgente? Allora, il business più adatta a te è fare l’Influencer, colui che, come suggerisce il significato della parola, è portato ad influenzare i suoi follower e dirigerli a prendere determinate decisioni. Nel mondo del marketing digitale, l’influencer, attraverso i social e altri canali digitali quali YouTube ad esempio, crea contenuti d’interesse grazie ai quali raccoglie numerosi followers. Questa nuova figura imprenditoriale, proprio grazie alla quantità e qualità dei contatti acquisiti, è spesso contattata da produttori a pubblicizzare i propri prodotti e convincere i propri seguaci all’acquisto degli stessi. 

 

test diventare un influencer

 

 

Qual è la migliore idea business per mettersi in proprio?

 

Ti stai chiedendo quale attività aprire nel 2022? Prima di prediligere una idea imprenditoriale a un’altra, devi considerare che non è la scelta dell’attività che ti porterà al successo, ma il successo sarà dato dall’abbinamento tra le tue motivazioni e l’attività che vorrai intraprendere.

motivazioni per idee imprenditoriali

Considerando le nuove idee imprenditoriali sopra citate, si può forse dire che il dropshipping sia meglio delle affiliazioni? Dipende da:

  • chi sei,
  • quali sono le tue attitudini,
  • i tuoi punti di forza,
  • motivazioni,
  • quanto tempo e budget puoi dedicare ad intraprendere il percorso di una nuova attività commerciale.

In Digital Coach usiamo un approccio personalizzato per identificare la migliore idea di business.

Partiamo date, ed evidenziamo le tue attitudini e talenti naturali. Ti mostriamo che se investi del tempo nel conoscerti, l’opportunità di trovare l’idea imprenditoriale vincente e avere successo è infinitamente più alta. Sul mercato rimangono coloro che fanno il lavoro che amano, coloro i quali, tra le nuove idee imprenditoriali, hanno scelto quella che rispecchia se stessi.

Ad esempio, se sei una persona precisa, sistematica, organizzata e amante dei numeri, potresti essere più attratto da idee imprenditoriali quali vendere su un e-commerce o in dropshipping o, potrebbe interessarti un’attività da consulente digitale o digital freelance. Se sei più creativo, potresti aprire un attività legata al content creation e diventare influencer o blogger. Tutto dipende da te!

 

test qual è il lavoro online per te

 

 

Nuove idee imprenditoriali, scegli la migliore per te

 

In questo articolo abbiamo visto 7 nuove idee imprenditoriali da considerare per mettersi in proprio e aprire un’attività redditizia nel 2022 e sottolineato l’importanza del scegliere la idea business che rispecchia le tue passioni.

Ora, tocca a te individuare quale delle nuove idee imprenditoriali sarà quella che ti porterà al successo!

 

Digital Coach ti aiuta a scoprire la nuova idea imprenditoriale che fa per te, e lo fa gratuitamente!

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

 

carlotta cerrutiOTTIMIZZAZIONE A CURA DI CARLOTTA CERUTIlinkedin_badge

Da più di tre anni mi occupo di marketing digitale. Credo che grazie a un’ottimizzata presenza nel web qualunque azienda possa aumentare la propria visibilità e incrementare il numero dei nuovi clienti.

 

monica-foti-intervistaTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI MONICA FOTIlinkedin_badge

20 anni di esperienza nel marketing management dei media, presso le principali aziende editoriali italiane fra cui: Mondadori, Rizzoli, Editrice La Stampa. Dal 2005 consulente marketing strategico nel settore media e Marketing sportivo. Oggi Digital strategist e content manager.

 

Come fare soldi online: 8 metodi efficaci

Come fare soldi online: 8 metodi efficaci

 

Sei curioso di capire se fare soldi online è davvero fattibile? Stai leggendo l’articolo giusto! In questo blog post, vedremo chi ce la fa e chi no, quanto denaro si può realmente guadagnare su internet e soprattutto come farlo con un metodo vincente!

Le modalità per riuscire a raggiungere un obiettivo di questo genere sono davvero tante. Per avere un’idea più chiara di questo concetto, il Corso Lavorare in Proprio Online ti darà un aiuto che sicuramente apprezzerai.

Quindi, per rispondere alla domanda iniziale: sì, certo! È possibile fare soldi sul web!

È fondamentale scegliere bene le persone che ti guideranno in questo percorso, ma anche riuscire a trovare il sistema che meglio si adatta al tuo background, obiettivi, passioni e tempo che hai a disposizione.

 

 

 

Come guadagnare sul web

 

Ci sono persone che ce l’hanno fatta a fare soldi con internet e altre invece che ostentano di averlo fatto, ma in realtà è tutta finzione senza sostanza.

È importantissimo riuscire a capire di chi fidarsi e di chi invece diffidare. Infatti, è sconsigliabile affidarsi a chi ti promette “come fare soldi online senza investire” in maniera rapida, facile, indolore e a basso rischio.

Piuttosto, dovresti seguire chi è disposto ad aiutarti ad avviare un business di successo, il che significa, in sostanza, fare soldi online in modo sicuro: è proprio così che ci si avvicina al modello più efficace. La giusta guida è un imprenditore capace di creare e aggiungere valore al tuo sistema.

Per capire se rientri nella categoria di chi può riuscire a fare soldi lavorando online non ti devi attenere ai fattori legati al dove vivi, cos’hai studiato, qual è il tuo passato, bensì dovresti concentrarti su cosa sei disposto a fare. Quanto impegno, perseveranza e sacrificio sei disposto ad investire in un progetto a lungo termine?

I metodi sono tanti e tu troverai sicuramente quello che adatto a te!

 

test mettersi in proprio

 

 

Quanti soldi si possono fare su internet

 

La quantità di denaro che si può guadagnare online dipende da tanti fattori. Il primo da prendere in considerazione è l’obiettivo che decidi di voler raggiungere (milioni di euro, centinaia di migliaia o semplicemente decine), che è direttamente proporzionale alle dimensioni del business che vuoi avviare. 

Per creare un business di successo che ti consenta di fare soldi online in maniera prevedibile e sistematica, devi innanzitutto stabilirne le dimensioni: internazionale, nazionale o locale. E, di conseguenza, avrai la possibilità di generare fatturati che siano grandi, medi o piccoli.

La regola è semplice: più grande è il tuo obiettivo, più devi essere disponibile a mettere in campo una serie di elementi. Essi, se combinati bene, possono darti la “formula magica” per il successo; d’altra parte, potresti dar vita ad un business più piccolo, ma che comunque potrebbe dare soddisfazioni.

 

Vorresti fare soldi online da casa ma non sai da dove iniziare?
Affidati ad un nostro esperto!

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

Come fare soldi online

 

Vediamo insieme quali sono i metodi per riuscire a guadagnare sul web con successo grazie alle giuste strategie e non come guadagnare soldi online senza fare niente, errata convinzione degli ultimi tempi.

Il sistema che va bene per me potrebbe essere sbagliato per te, non esiste quello giusto in assoluto. Dobbiamo partire da quello che abbiamo dentro: c’è un modello di business adatto ad ognuno di noi!

Tutti gli imprenditori di successo che ci sono sul mercato sono riusciti ad aumentare il fatturato con il digitale in modi totalmente diversi l’uno dall’altro. Ma la caratteristica comune tra loro è che ognuno ha trovato la propria strada, le proprie modalità, l’abito giusto per sé!

Riassumendo: si fa prima un lavoro di analisi interiore, di auto-analisi e poi si analizza il mercato, le possibili nicchie da prendere in considerazione. Fatto questo si uniscono le due cose cercando di trovare un punto di incontro. Non si può adottare direttamente un metodo che promette di essere magico e aspettarsi di fare soldi online in fretta

 

 

Vuoi conoscere gli 8 modi per fare soldi online mettendoti in proprio?

SCOPRI IL CORSO

 

 

8 modi per generare fatturato online

 

Crea un e-commerce

 

vendere per fare soldi onlineIl mondo della vendita digitale è destinato ad avere sempre più successo. Quindi una delle modalità per fare soldi online è creare uno shop virtuale, magari in dropshipping per snellire e ridurre al minimo gli investimenti e costi. Ma fai attenzione: non è una magia! Il dropshipping è un buon veicolo che si rivela utile se, soprattutto agli inizi, non vuoi correre grandi rischi. La concorrenza è molto alta ma se ci si sa muovere bene, si può riuscire ad avere grandi volumi e fatturati trovando la nicchia giusta.

 

 

Vendi su Amazon

 

È un mondo a sé stante che merita una categoria a parte che sta alla pari dell’ecommerce. Puoi vendere con Amazon avendo il tuo negozio al suo interno. È una buona soluzione per fatturare su internet senza fare grandi investimenti nella fase iniziale, se per ridurre al minimo tempi e costi pur dovendo guadagnare di meno per via delle commissioni che ovviamente dovrai riconoscergli.

 

Scopri il nostro corso dedicato alla vendita su Amazon.

PROSSIME PARTENZE – NUMERO LIMITATO

 

Lavora con gli infoprodotti

 

Entriamo quindi nel mondo dei prodotti e servizi digitali: una splendida alternativa per generare fatturato sul web nel momento in cui hai l’intenzione di monetizzare con un prodotto creato da te, per esempio se sei competente in qualcosa e decidi di creare un e-book, un video corso, una mini guida da vendere.

È un settore molto competitivo e quindi per riuscire ad avere successo devi puntare ad essere leader nella specifica nicchia che scegli.

 

Trasforma il tuo lavoro e la tua vita in soli 2 mesi Vendendo online infoprodotti!

ISCRIVITI SUBITO

 

Passa al modello Digital Sales

 

Non c’è più gente che ti viene a trovare personalmente per venderti qualcosa, bensì ci sono delle persone che interagiscono con te durante il processo d’acquisto.

Questo modello di monetizzazione digitale è guidato dai funnel marketing, lead generation, social selling e si può sintetizzare in quello che poi è definito Digital Sales. Ossia, vendita consulenziale assistita da personale commerciale. È adatto per tutti coloro che non vendono in ecommerce puro, bensì info-prodotti o servizi costosi, grazie al quale si coniuga il passato nella vendita tradizionale ed il futuro.

 

 

Diventa Consulente Online

 

La categoria che si occupa puramente di servizi è quella della consulenza. Ci sono due modalità: fare il consulente digitale, o lavorare in un’agenzia che offre consulenze. Nel primo caso, è fondamentale specializzarsi in un settore del Digital Marketing e offrire consulenze in quell’ambito. Oppure portare nel web delle competenze che fino al giorno prima appartenevano esclusivamente all’offline. Questo rientra nella modalità di fare soldi extra su internet in quanto piccola attività, poca rischiosa.

 

test consulente online

 

 

Crea una Web/Social Media Agency

 

Questa modalità risulta essere una naturale evoluzione della consulenza digital: stiamo parlando di un’agenzia che offre consulenza ma non con una singola persona, che è il consulente fondatore, bensì con un team di persone che offrono diversi tipi di consulenza digitale. Ci sono molti modelli e sotto modelli utili e strategici per fare soldi online grazie ad agenzie digitali.

 

 

Diventa Influencer nel tuo settore

 

È una figura che vive di visibilità sui media digitali e cerca di monetizzarla grazie all’online. Le scelte in quest’ambito possono variare dal video di YouTube, alle foto di Instagram, agli articoli di un Blog. È altamente sconsigliabile seguire una linea diversa dal proprio modo d’essere. Di conseguenza, cerca di assecondare la tua preferenza e predisposizione. In ognuno di questi modelli, tu hai una visibilità ed un seguito di follower che ti seguono e ti stimano. È possibile monetizzare sul web grazie a questa visibilità, attraverso alla pubblicità o sponsorizzazioni, che possono sfociare anche nelle affiliazioni: possibilità di veicolare dei prodotti o servizi di altre aziende e ricevere una provvigione quando qualcuno dei tuoi follower li acquista.

 

Sei curioso di scoprire i segreti di questa figura professionale per fare soldi online?

ISCRIVITI AL WEBINAR GRATUITO

 

 

Guadagna con le Affiliazioni

 

Questo modo per fare soldi online non richiede di metterci la faccia come nel mondo degli Influencer. In questo specifico mondo tu non ti esponi. Quello che fai è creare siti web, pagine, usi i social media e tutto ciò che ti permette di creare una presenza on-line grazie alla quale puoi generare del traffico. Esso può essere anche solo traffico da pubblicità (che se hai le competenze puoi anche fare da solo) che poi veicoli sulle pagine dalle quali poi vengono acquistati prodotti e servizi di altre aziende le quali ti riconoscono una provvigione. Questo modello è ideale se si ha già un lavoro e vuoi associare un’attività che però svolgi solo nel tempo libero. Con questo modello la crescita è lenta.

Per ciascuno di questi modelli hai bisogno di competenze che in alcuni casi sono in comune a tutti ed in altri sono più specifiche del settore.

 

Soft skills per fare business online

Quindi, quali sono gli elementi che ti possono aiutare a fare soldi onestamente su internet?

 

Impegno

Disponibilità al sacrificio. Dedicare tanto tempo, passione, sforzo e determinazione in quello che fai. Più grande è la tua dedizione, più alti saranno i livelli che raggiungerai.

 

Tempo

Quanto tempo sei pronto ad investire e ad attendere per poi riuscire a capitalizzare i tuoi sforzi, portandoli al risultato. Grandi progetti imprenditoriali richiedono anni di tempo. Di conseguenza, più ampio è l’orizzonte temporale che sei disposto ad attendere per portare a termine la tua impresa e più grande sarà il volume del fatturato online che farai.

 

Rischio

Essere disposti a correre dei rischi grandi o volerli ridurre al minimo invece. Si può anche iniziare con poco per poi decidere di aumentare gradualmente, magari osando. In quest’ultimo caso, è fondamentale essere in grado di individuare quanto il rischio a cui vai incontro è sostenibile dal livello della tua attuale situazione. Mai rinnegare i propri errori perché è proprio grazie ai piccoli fallimenti che si continua ad imparare e consentono di raggiungere il successo finale: generare grandi fatturati sul web!

 

Competenze

Più si punta in alto, maggiori dovranno essere le tue skills e le tue capacità. Esse devono progressivamente aumentare se si vuol assistere ad una graduale crescita del proprio business e quindi riuscire a fare tanti soldi online partendo da zero. Un imprenditore che fa grandi fatturati, ci riesce perché ha la capacità di gestire strategie, marketing e vendite, investimenti, gestire le persone del proprio team. Maggiori competenze si hanno, più in fretta si può passare al passaggio successivo. Se si vuol salire sulla scala del successo, è necessario acquisire nuove competenze per ogni gradino e quindi fare il passaggio di categoria.

 

Persone

Se si vuole semplicemente fare soldi extra su internet, le dimensioni della tua attività on-line possono anche essere piccole e te ne potrai occupare anche da solo. Se invece vuoi fare le cose in grande e raggiungere grandi volumi, allora avrai bisogno di creare un team composto da più persone che funzioni bene ed essere disposto e capace a gestirlo.

 

 

Modelli di monetizzazione del traffico

 

Le aziende possono trasformare il traffico che generano sui propri sistemi in fonte di fatturato. Sono numerosi i modi per fare soldi online, vediamo i più importanti!

 

1. Lead Generation

Si tratta di fare traffico utile a generare lead. Tramite sito web, blog o advertising, le aziende attirano contatti potenzialmente interessati al proprio servizio. Con dei contenuti utili, una parte di questo traffico arriva a richiedere maggiori informazioni, un preventivo, una demo, ecc… Poi intervengono operatori telefonici, consulenti di vendita commerciali, o project manager che vanno a chiudere la trattativa. Un esempio di questa tipologia sono le società assicurative, i comparatori e simili.

 

2. Advertising

Nel secondo modello, bisogna creare un sito o una piattaforma con alti volumi di visite. Questo traffico lo si può monetizzare vendendo pubblicità alle aziende che desiderano comunicare con la propria utenza. Prendiamo come esempio un piccolo blog di moda che si sia conquistato una buona reputazione e che abbia fidelizzato il suo pubblico. Un blogger potrebbe guadagnare dalle visualizzazioni dei suoi articoli, offrendo la possibilità ai brand di moda di pubblicare banner display sul proprio blog.

 

3. Subscription

Si tratta semplicemente di creare dei servizi o prodotti che prevedano un abbonamento online. Come esempio, possiamo pensare ai quotidiani che hanno la loro versione digitale, oppure a dei corsi su qualsiasi argomento. Potresti anche creare degli abbonamenti differenti con una linea di contenuti speciali (Premium), oppure offrire una prova gratuita per alcuni giorni prima che l’utente debba pagare (Freemium).

 

4. Royalties

Il sistema delle royalties si basa sull’offrire visibilità ad imprenditori e aziende all’interno di una piattaforma e guadagnare percentuali sulle vendite generate per loro conto. Possiamo avere un esempio lampante di questo modello pensando a Groupon.

 

5. Servizi di email marketing

Ci sono portali che non vendono direttamente servizi all’utente, ma che hanno moltissimi iscritti. Il modo in cui possono fare soldi online consiste nell’utilizzo di questi dati raccolti, fornendo dei database per newsletter ad aziende terze.

 

 

Hai deciso di far soldi on line ma ancora non sei sicuro del metodo più efficace per te?
Affidati ad un nostro professionista!

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

 

 

lorena de lucaTRASCRIZIONE E OTTIMIZZAZIONE A CURA DI LORENA DE LUCAlinkedin_badge

Appassionata di Digital Marketing, lingue straniere e viaggi. Esperienza in ambito manageriale lavorando in Spagna, Inghilterra e Portogallo. Corso di Specializzazione in Traduzione preso in UK. Esperta di SEO & Content Marketing, mi occupo di copywriting e di creare contenuti originali per siti web e Social Media!

Come diventare imprenditore e avere successo

Come diventare imprenditore e avere successo

 

Diventare imprenditore è il sogno di moltissimi giovani e non, che vorrebbero mettersi in proprio per essere indipendenti e creare un business di successo. 

L’immagine imprenditoriale odierna vede il businessman come un uomo in carriera, con guadagni astronomici, poche ore di lavoro al giorno, viaggi di lusso, fama e notorietà. Dietro questa facciata, in realtà, ci sono tanti fattori che purtroppo non si considerano, come formazione, investimento di denaro e di tempo e, soprattutto, un’enorme spirito di sacrificio. Un uomo d’affari deve avere capacità manageriali, come la leadership, ed essere pioniere di un’idea innovativa che può realizzare con il contributo di persone che credono nel suo stesso sogno.

Inoltre, per diventare imprenditori bisogna essere spinti da una forte motivazione e avere il giusto mindset. Sono tante le situazioni che inducono a desiderare d’essere a capo di un’impresa, ma solo chi ha l’approccio adeguato conquista tale obiettivo.

In questo articolo ti spiegherò come diventare imprenditore e aprire un’attività profittevole. Nello specifico, ti dirò:

  • i requisiti per diventare imprenditore;
  • come diventare imprenditori online oggi;
  • alcune idee di imprenditoria digitale.

Se hai un’idea, un sogno imprenditoriale e vuoi diventare capo di te stesso ti consiglio il Corso per Mettersi in Proprio online: troverai le migliori 8 opportunità per avviare una tua attività in proprio online e diventare indipendente.

 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto! 

 

Come diventare imprenditore in 8 step partendo da zero

 

Cosa serve per diventare un imprenditore o un’imprenditrice? Qualunque sia la tua situazione di partenza, per avviare un’attività imprenditoriale profittevole i passi da compiere sono 8. Nello specifico, devi:

  1. avere una forte passione, perché senza di essa non potrebbe vincere sfide ambiziose e sfidanti;
  2. riuscire a trasformare la passione in un sogno;
  3. identificarti con i tuoi obiettivi;
  4. apprendere e aggiornarti costantemente;
  5. fare progetti a lungo termine;
  6. avere una visione del futuro;
  7. creare un Team forte, per ottenere grandi risultati;
  8. saper vendere i tuoi servizi o prodotti ai clienti.

Ti spiegherò ora più nel dettaglio come realizzare praticamente le varie fasi.

 

Essere a capo di un’impresa non è cosa per tutti.
Scopri con un test se hai le carte in regola per esserlo. Clicca sull’immagine!

test imprenditore online

 

Trova la tua passione

 

Il primo passo per diventare un imprenditore partendo da zero e senza soldi è trovare l’ambito che ti appassiona ed essere sicuro che lo potrai perseguire nel medio-lungo termine. Come la maggior parte degli imprenditori di successo nel mondo anche tu avrai un forte interesse per un settore specifico, come l’architettura, la moda o il mondo della formazione. Bene! Da lì trova la passione e dedica tutta la tua vita professionale, veicolando tutte le energie. 

La passione ti motiva ad occuparti del tuo progetto e ti dà la giusta carica emotiva per fronteggiare anche le situazioni più ostiche. Se manca, non potrai mai riuscire in un’impresa così sfidante e ambiziosa.

 

 

Rendi la passione un sogno imprenditoriale

 

come diventare imprenditore di successoIndividuata la passione, per diventare imprenditore la devi trasformare in un sogno da realizzare.

Il sogno è quel qualcosa di viscerale che dà energia ed emozioni utili per essere ispirati e motivati. È quel quid che dà la carica la mattina per far funzionare bene il nostro cervello e superare le difficoltà. Se aspiri ad avviare una tua attività, hai bisogno di un sogno in quanto per esserlo devi avere una motivazione superiore alla media.

Ma come fare? Se già lavori per ciò che ti appassiona, da freelance, proiettati nel futuro. Sogna dapprima di diventare imprenditore di te stesso e poi di creare una vera e propria impresa, con tanti collaboratori che andrai a formare e che ti aiuteranno ad accrescere il business.

È fondamentale che tu visualizzi questo sogno così da poter compiere quel passo in avanti per diventare un imprenditore affermato.

 

 

Trasformare la tua passione in un Lavoro in Proprio è possibile!
Scopri in quanti modi puoi farlo accedendo al Corso Gratuito

NON PERDERE L’OCCASIONE!

 

Identificati con il tuo sogno

 

diventare imprenditore di successoPer diventare imprenditore di successo devi trasformare il sogno in un’identità. Cosa vuol dire?

Ti faccio un esempio. Nella scelta del tuo percorso universitario sei guidato dall’idea che un giorno tutti i sacrifici che fai e le ore passate sui libri ti porteranno a diventare il professionista in cui ti sei identificato e proiettato. Intraprendi medicina per diventare medico o giurisprudenza per diventare avvocato. Ed è questa nuova identità di cui vuoi indossare i panni che ti fa andare avanti.

Lo stesso vale se vuoi divenire un uomo o una donna d’affari. Adesso è diffusissima l’idea di diventare imprenditore digitale, soprattutto tra i giovani che aspirano a esser startupper e sognano di acquisire questa identità. Oggi è importante capire che nel mondo imprenditoriale il digitale è interessante e l’idea di identificarti in questa particolare figura imprenditoriale è sicuramente molto motivante.

 

 

Apprendi e aggiornati costantemente

 

Per lavorare nell’imprenditoria devi formarti costantemente. Cosa studiare per diventare imprenditore? Le cose che devi apprendere sono davvero tante e includono vari ambiti. Questo significa dover acquisire competenze in diversi settori, non nel dettaglio, ma almeno i principi base, in modo tale da poter supervisionare ogni aspetto della tua futura azienda.

imprenditore di successo voglia di impararePerché è così importante? Essere a capo di un’azienda richiede responsabilità e molteplici competenze. Dovrai essere contabile, fare marketing, occuparti delle risorse umane, gestire le vendite e tante altre cose. Questo significa che dovrai imparare a fare amministrazione, a vendere e a gestire il personale. 

Sicuramente a questo punto starai pensando che non puoi diventare imprenditore senza laurea. Ti assicuro che in realtà non è indispensabile che gli imprenditori abbiano un titolo di studio come la laurea per essere tali. Non serve l’università per imparare come si fa marketing, vendita o digital marketing. Certamente, un corso di laurea in economia può aiutarti ad apprendere le nozioni di base ma, come suggeriscono alcune storie di giovani imprenditori di successo, grazie agli studi universitari riuscirai a comprendere i principi macro. Poi, per apprendere davvero “come diventare imprenditore”, sarà necessario cimentarsi e mettere in pratica sul campo ciò che si è appreso durante gli studi.

Non è l’università o il percorso di studi che hai fatto che ti precluderà di poter diventare imprenditore, per esempio, digitale! Fondamentale, invece, sarà la voglia di imparare, la sete di conoscenza e le cose che insegnerai alle persone che intraprenderanno il viaggio con te.

 

 

Pensa a lungo termine

 

Diventare imprenditore da zero significa considerare l’orizzonte temporale e pensare a lungo termine.

Creare un’azienda non è cosa semplice e se pensi come un impiegato dipendente con un progetto lavorativo a sei mesi fai un grosso errore. Per diventare imprenditore dovrai accettare l’idea che per realizzare una impresa di successo hai bisogno di un piano a cinque anni e che l’azienda all’inizio sarà piccola e instabile ma poi già a partire dal secondo anno le cose incominceranno ad andare un po’ meglio fino a quando raggiungerai il successo.

Una volta accettata questa idea sarai tu a fare da ago della bilancia, valutando il tuo successo secondo parametri che non sono basati sull’anno ma sul lungo termine.

 

 

Proietta te stesso nel futuro

 

Nel momento in cui decidi di diventare imprenditore, per emergere devi evitare di “guardare” al passato.

Pensa al settore delle vendite: se decidi di investire tempo e denaro per avviare un’impresa commerciale, sicuramente aprire un e-commerce piuttosto che un negozio su strada, è la scelta migliore. Questo perché il futuro delle vendite è l’online.

Quindi, proiettati in avanti e muovi i tuoi primi passi verso il futuro, tralasciando un passato privo di certezza.

 

Se vendere online è il tuo sogno imprenditoriale, fai le giuste mosse!
Iscriviti al corso e porta online il tuo Ecommerce in soli 2 mesi

GUARDA IL PROGRAMMA

 

Crea la tua squadra

 

team di un imprenditore di successoCapire che per diventare un bravo imprenditore non puoi fare tutto da solo, è fondamentale. 

In che modo si crea una grande impresa? Quando inizi a lavorare da libero professionista e ti rendi conto che le tue giornate sono già piene ma vuoi fare più fatturati, crescere, avere un ufficio con tanti impiegati, lì capisci che è arrivato il momento di costruire un team.

Ti voglio dare un suggerimento: se sei senza soldi per diventare imprenditore parti snello, piccolo, tu da solo. Poi al passo successivo inizia a tirare dentro al tuo progetto delle persone senza esagerare e sulla base di quello che puoi permetterti. Inizi a guadagnare qualcosa per poi reinvestirlo aumentando la capacità d’investimento.

Per creare il team potresti partire con dei freelance per esempio, che lavorano con te a progetti o su commissione e con cui iniziare a guadagnare. Così, ti crei una squadra che non ti costa troppo e che cerchi di legare il più possibile a te, al tuo progetto imprenditoriale e ai tuoi risultati.

 

 

Impara a fare Digital Sales e Marketing

 

Eccoti all’ultimo punto di questa breve guida su come diventare imprenditori di successo.

Devi sapere che un’azienda con ottimi prodotti o servizi che non sa promuoversi online, oggi difficilmente arriva lontano. Per questo è fondamentale imparare a venderli correttamente. Come? Apprendendo le tecniche di Digital Sales e il marketing digitale in generale. Sono queste le attività che ti consentono di scalare il sistema e di farlo trovando l’utenza giusta.

Queste discipline non sono un talento innato ma richiedono tecnica, tecnologia e conoscenza dei comportamenti umani. A tutto ciò devi unire dei software e degli strumenti che devi imparare ad usare. Riuscirci è una cosa fattibile, è tutta una questione di sogni: se vuoi fare una cosa davvero, fidati che la farai.

 

Raggiungi i tuoi potenziali clienti e aumenta il fatturato
con le giuste Tecniche di Vendita Online

ECCO COME FARE

 

Imprenditori senza laurea è possibile?

 

diventare imprenditore soft skillsEssere un imprenditore di successo non vuol dire solo fare bene il proprio lavoro. Significa imparare anche a ricoprire altri ruoli fondamentali come project manager, negoziatore, relatore, assistente clienti; vuol dire essere una figura poliedrica e versatile, un “genitore” che in fase di crescita della sua attività deve farsi in quattro per farla diventare sana e forte. 

Per essere imprenditore non è necessario essere in possesso di specifici titoli di studio piuttosto di soft skills, determinanti per un business di successo.

  • fiducia in te stesso: è il requisito per eccellenza dell’imprenditore in quanto ti permette di affrontare le difficoltà e i rischi che il percorso per il successo comporta;
  • tenacia e passione: ti permettono di far fronte ai possibili fallimenti e avversità; l’imprenditore perseverante è colui che insegue il proprio sogno non per sete di denaro in quanto crede in ciò che sta costruendo; 
  • flessibilità: nella difficoltà devi avere un forte spirito di adattamento e trovare una valida soluzione;
  • audacia e intraprendenza: l’imprenditore non deve avere paura di correre rischi. Nell’eventualità di un possibile fallimento deve essere in grado di vedere nella situazione di crisi un’opportunità anche infrangendo delle regole, attuando soluzioni che nessuno prenderebbe in considerazione.

Per diventare imprenditore devi fare leva sui tuoi punti di forza e sulla tua determinazione, allontanando chi ti dice che non ce la farai e cerca di influenzarti negativamente. Mantieni sempre fede ai patti presi e non lasciarti mai andare a pensieri negativi. Solo così potrai intraprendere la strada del successo.

 

 

Idee per diventare imprenditore digitale

 

L’online è una delle migliori strade oggi per diventare imprenditori. Il web offre diverse opportunità per sviluppare idee di lavoro autonomo. Però, bisogna considerare la fase in cui ti trovi, se sei uno studente oppure hai già maturato esperienze e competenze in un campo specifico come il web design o la SEO, in ambito aziendale o come freelance. 

A mio avviso, gli impresari si possono suddividere in due categorie:

  1. over 40, la maggior parte dei quali è in grado di vendere qualsiasi cosa quando si trova “face to face” con un potenziale cliente.
  2. under 35, bravi anche loro nelle vendite, ma in maniera totalmente diversa: faccia a faccia non sono particolarmente capaci ma, quando mettono le mani sul computer, sono degli assi delle vendite online.

 

Se diventare un uomo d’affari di ultima generazione ti alletta e desideri metterti in gioco, non mi resta che suggerirti quelle che ritengo essere le migliori idee di imprenditoria digitale:

  • aprire un E-commerce o vendere in Dropshipping;
  • vendere su Amazon;
  • diventare un Consulente online;
  • diventare Influencer;
  • guadagnare con le Affiliazioni;
  • aprire una Web Agency/Social Media Agency;
  • diventare esperti di Digital Sales;
  • vendere Infoprodotti.

 

Sei pronto per dare una svolta alla tua vita creando la tua impresa digitale?

SÌ, LO SONO!

 

Conclusioni e consulenza gratuita

 

Il percorso per diventare imprenditore di successo è sfidante e richiede una focalizzazione costante sull’obiettivo, necessaria per rimanere sulla cresta dell’onda. Una volta che il tuo progetto si è concretizzato e gli affari ingranano, infatti, devi sfruttare tutte le risorse a tua disposizione per rinnovarti e crescere ancora. Le strategie di marketing digitale potranno essere un grande aiuto per la promozione e comunicazione aziendale. Tuttavia, molto dipenderà da te, dalla tua capacità di evolverti e di trasmettere la tua motivazione al team.

Qual è, allora, il modo migliore per affermarsi come imprenditori? Seguire questi semplici consigli:

  • la passione è tutto: ti spinge ad acquisire le competenze che oggi non hai,
  • rifletti sulle tue attitudini e motivazioni e comincia a preparare il tuo business plan nel medio-lungo periodo,
  • costruisci una strategia, fissa i tuoi obiettivi e prepara tutto il piano di azione che ti servirà a raggiungerli,
  • scegli il tuo team, il gruppo di risorse che ti aiuterà in ogni fase dell’execution.

 

Per diventare imprenditori di se stessi o di una grande azienda, non è possibile improvvisare.
Contatta un esperto e definisci con lui le giuste mosse per aprire un’attività di successo

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

lorena de lucaTRASCRIZIONE E OTTIMIZZAZIONE A CURA DI LORENA DE LUCAlinkedin_badge

Appassionata di Digital Marketing, lingue straniere e viaggi. Esperienza in ambito manageriale lavorando in Spagna, Inghilterra e Portogallo. Corso di Specializzazione in Traduzione preso in UK. Esperta di SEO & Content Marketing, mi occupo di copywriting e di creare contenuti originali per siti web e Social Media!

Start up innovative: come si creano, come lanciarle

Start up innovative: come si creano, come lanciarle

Start up innovative: come distinguerti e avere successo?

 

 

In questo articolo ti parlerò delle start up innovative e di come fare sì che si distinguano online dai competitor. Prima di tutto ti fornirò una definizione di start up innovative, per poi entrare nel vivo dei requisiti formali e sostanziali richiesti a queste società affinché siano considerate start up a tutti gli effetti. Una volta soddisfatti tali requisiti, le società in questione possono beneficiare di diversi vantaggi. Dato che il senso delle start up è proprio quello di presentare degli elementi di novità, ti esporrò alcuni esempi di innovazione necessari se si vuole lanciare un progetto nuovo e di successo. Avrai modo, quindi, di scoprire come innovare sui canali di marketing, sul processo produttivo, sui canali di vendita e sul prodotto. Troverai anche un approfondimento sulla situazione delle start up in Italia e su quali finanziamenti e agevolazioni fiscali possono fare affidamento. Infine, leggendo l’intervista fatta a Marcello Messina avrai modo di capire in cosa consiste una start up e-commerce e quali sono le strategie migliori per vendere online.

Può interessarti, a questo proposito, il nostro Corso Start-up Innovative.

 

Che cos’é una Start up innovativa?

Start up innovative: che cos'é una start up innovativaChe cos’è una start up innovativa, e nello specifico, cosa sono le start up innovative? Come specificato dal Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, meglio conosciuto come Decreto Crescita 2.0le start up innovative sono particolari società di capitali (srl e srls, spa e sapa), ma anche società cooperative, di diritto italiano o europeo, le cui azioni o quote non sono quotate su un mercato regolamentato o su un sistema multilaterale di negoziazione. Queste Società presentano una precisa caratteristica, quella di avere come oggetto principale della propria attività la produzione, lo sviluppo e la commercializzazione di servizi o prodotti innovativi ad alto tasso di tecnologia. Lo scopo di una start up innovativa è, infatti, quello di promuovere l’occupazione e l’imprenditoria giovanile con un occhio particolare all’innovazione e allo sviluppo tecnologico del nostro Paese.

 

Start up innovative: requisiti 

Start-up innovative: requisiti formali e sostanziali da conoscere. Vediamoli insieme:

  • Devono essere costituite e svolgere attività d’impresa da non più di 60 mesi.
  • Devono essere residenti in Italia oppure in uno degli Stati membri dell’Unione Europea e avere almeno una sede produttiva o una filiale in Italia.
  • Il totale del valore della produzione annua delle società, a partire dal secondo anno, non deve essere superiore a 5 milioni di euro.
  • Le società non devono distribuire o aver distribuito utili.
  • Le società non devono essere state costituite da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione d’azienda o di ramo d’azienda.

 

 

 

 

Start up innovative: idee ed esempi di innovazione

 

start-up innovative: idee ed esempi di innovazione

 

Quando parliamo di start up innovative, sicuramente il primo passo da fare consiste nella scelta dell’ambito in cui muoversi. Bisogna  prendere in seria considerazione il web: con il boom degli ultimi anni dell’economia digitale e del commercio elettronico è, senza ombra di dubbio, uno dei settori con maggiori prospettive di crescita. Perchè preferire le start up innovative digitali?

L’innovazione è alla base di un’idea vincente che possa permetterti di distinguerti online e crearti un vantaggio competitivo. Vediamo di seguito i quattro tipi di innovazione che puoi prendere seriamente in considerazione.

 

Sei una startup innovativa che vuole crescere ed ottenere finanziamenti?

 

Scopri it’s campus! Un acceleratore per startup gratuito (online o dal vivo).

 

Le startup che parteciperanno avranno accesso a:

  • Co-working space (nella versione dal vivo)
  • Sessioni di mentoring 1 to 1 con professionisti di tutti i settori (legale, foundraising, digital marketing, vendita, team, prodotto,…)
  • Masterclasses
  • Investitori (potranno presentare la loro startup ad un board di investitori composto da banche, business angels, venture capital)

 

1 – Innovazione sui canali di marketing

Start up signfiica innovazione. Per questo motivo, quando si parla di start up non ci sarebbe la necessità di aggiungere l’aggettivo “innovativa”. L’innovazione può essere vista come il prendere un prodotto o servizio che è sempre esistito e portarlo online. In particolare, portare online il tuo modello di acquisizione dei clienti per il tuo prodotto o servizio. Ciò significa che non hai più bisogno dei capitali e dei mezzi necessari per andare in televisione, sui giornali o in radio per acquistare degli spazi pubblicitari, ma che puoi sfruttare i motori di ricerca, i social, Youtube, le email ed altro ancora, per riuscire ad acquisire clienti. Non produci innovazione sui prodotti o servizi, bensì sulle modalità di acquisizione dei clienti.

 

2 – Innovazione di processo

Le start up innovative portano, inoltre, una ventata di aria fresca nei processi. Anche qui il prodotto è tradizionale, quello che è sempre esistito, ma il processo produttivo per arrivare alla realizzazione di questo prodotto viene profondamente innovato grazie al digitale. Più precisamente, i modelli di innovazione di processo attualmente di maggior successo sono quelli in cui le start up online stanno sempre più delegando al cliente una parte del processo produttivo. Facciamo un esempio: i biglietti da visita online. In passato, per creare un biglietto da visita si doveva chiamare un grafico, fare insieme una serie di bozze, valutare le diverse proposte e, solo dopo le modifiche finali, si poteva mandare in produzione il prodotto ultimato.

Oggi, grazie al digitale, ci sono società che ti offrono la possibilità di andare su un portale, inserire le informazioni che vuoi mettere nel tuo biglietto da visita, scegliere dei template grafici già pronti dove è possibile modificare colori e altri piccoli elementi di creatività. Si può anche vedere l’anteprima dei diversi formati, scegliere la soluzione che ci va più a genio e passare direttamente all’ordine. Il produttore finale ha avuto l’enorme vantaggio di poter risparmiare tempo e risorse nel processo produttivo che, di fatto, gli è stato delegato. Sono molti altri i prodotti con cui è possibile fare questo: dalle magliette alle scarpe a mille altre situazioni in cui si possono personalizzare online prodotti fisici o servizi.

 

3 – Innovazione dei canali di vendita

Le start up innovative portano anche novità dal punto di vista dei canali di vendita. Nei decenni precedenti, abbiamo visto il dominio dei centri commerciali, dei franchising, dei negozi su strada. Oggi siamo nell’era del commercio online, ovvero dell’e-commerce. Per perseguire questo modello di innovazione potresti prendere un prodotto o servizio, o una categoria di prodotti o servizi, che online non sono sufficientemente forti ed affermati e iniziare a venderli in modalità e-commerce. Ciò significa innovare semplicemente nel canale di vendita perché si diventa in grado di servire clienti non solo nei mercati italiani, ma anche esteri.

A proposito di e-commerce, notiamo sempre più spesso il lancio di start up e-commerce. Quando si avvia una start-up di questo tipo bisogna conoscere gli obiettivi, le strategie e gli strumenti più importanti per essere vincenti. Per avere le idee più chiare a livello pratico, abbiamo voluto intervistare Marcello Messina, Digital Marketing Manager dei canali e-commerce e comunicazione Digital, nonché responsabile dell’area CRM del Gruppo Coin.
Inoltre, nel suo Blog, Marcello spiega che in passato ha avuto un ruolo centrale come startupper dei canali e-commerce del mondo beauty. Difatti, ha lavorato per aziende come Bottega Verde e Kiko. Alla fine dell’articolo trovi la nostra intervista a Marcello Messina.

 

4 – Innovazione di prodotto

In passato creare prodotti era interessante, ma era molto più importante presidiare la distribuzione. Oggi, invece, l’innovazione di prodotto è altamente premiante. La distribuzione è un problema molto relativo grazie alla facilità con cui si raggiungono i clienti: pensiamo alle e-mail, ai social e all’e-commerce. Quello che cambia oggi è che innovando sul prodotto puoi riuscire davvero a distinguerti. Avere un prodotto unico ed esclusivo è un asset, un patrimonio unico che online è decisamente importante e può fare la differenza per delle reali start up innovative. L’innovazione di prodotto è un’ottima strategia soprattutto per chi ha passioni o settori di riferimento in cui ritiene di essere particolarmente competente.

 

start up innovative 2019

 

APPROFONDIMENTI

 

Start up innovative 2019: la situazione in Italia

Principalmente rivolto al mercato B2C, l’ecosistema di start up innovative italiane, a differenza di quanto raffigurato dal film The Start-up di Alessandro D’Alatri, è un settore in cui vi sono sempre più casi di successo. Tuttavia, la dimensione relativamente piccola dell’ecosistema di start up italiane non consente di raggiungere quegli utenti e mercati il cui dinamismo consentirebbe maggiori prospettive di crescita e visibilità. È opinione comune che per ridurre il gap con gli altri Paesi, l’ecosistema di start up innovative italiane abbia bisogno di fare più scale-up, cioè di svilupparsi attraverso accordi strategici con grandi imprese. Inoltre, c’è bisogno, di più programmi di accelerazione, incentivi fiscali e pratiche di finanziamento alternative come il crowdfunding.
Health Tech, FinTech, FoodTech, Turismo, E-commerce, Retail e Cleantech & Energy, sono ritenuti i settori su cui si dovrebbe puntare maggiormente.

Per osservare da vicino lo stato dell’arte e consultare l’elenco start up innovative e i dati trimestrali basta collegarsi alla pagina Startup-Registro Imprese. Si tratta di un elenco online di start up presenti sul territorio italiano. Il Registro delle Imprese riporta che a marzo del 2019 le start up italiane erano ben 10.041. Emerge, inoltre, che le start up sono concentrate prevalentemente nelle città più grandi, come Milano e Roma. La prima ne conta ben 1700, mentre la seconda supera di poco le migliaia. Il terzo posto, invece, va a Napoli con 358 start up innovative.

 

 Start up innovative: finanziamenti

Start up innovative: finanziamenti da ottenere come? Cosa devi sapere sulla raccolta fondi o fundraising? Quando si parla di start up, è piuttosto normale porsi questa domanda. Difatti, non sempre, chi ha una buona idea da lanciare sul mercato dispone anche del capitale necessario per trasformarla in un business a tutti gli effetti. Per di più, trovare dei finanziatori è tutt’altro che semplice. Bisogna che questi credano davvero nel progetto e decidano di supportarlo anche dal punto di vista economico. Tuttavia, il sostegno alle start up sta crescendo sempre di più, infatti queste ultime possono fare affidamento sul Fondo Centrale di garanzia delle PMI che copre l’80% del prestito. Inoltre grazie a Smart&Smart Italia, istituito dal Ministero dello Sviluppo Economico, vengono erogati prestiti agevolati alle start up affinché possano comprare beni e gestire l’attività. 

Puoi approfondire l’argomento finanziamenti start up continuando a leggere il nostro blog.

start up innovative: finanziamenti

 

 Start Up innovative: agevolazioni fiscali 2019

Start up innovative: agevolazioni fiscali di che tipo? Vediamo, nel dettaglio, quali sono i vantaggi per le start up:

  • non devono pagare imposte di bollo né diritti annuali nel momento in cui si iscrivono al Registro delle Imprese.
  • nel caso di soggetti IRPEF che hanno investito del capitale in una start up, è possibile detrarre dall’IRPEF il 30% del capitale investito. Per ottenere l’agevolazione, però, bisogna mantenere il capitale investito per un lasso di tempo di almeno 3 anni.
  • nel caso di società, è possibile dedurre dal reddito il 30% del capitale investito in una start up.
  • nel caso di prodotti finanziari, come azioni e quote, che vengono assegnate ai lavoratori come remunerazione, sono da considerarsi esentasse in quanto non formano reddito. Tuttavia, le start up non devono riacquistare tali prodotti finanziari. Vale a dire che questi ultimi devono rimanere al lavoratore.

Se anche tu vuoi fondare una start up, ti consiglio il nostro Master Start Up Program.

 

Start-up e-commerce: intervista a Marcello Messina

Tra le start up innovative c’è sicuramente la start up e-commerce. Qui di seguito puoi leggere l’intervista fatta a Marcello Messina, Digital Marketing Manager dei canali e-commerce e comunicazione Digital, nonché responsabile dell’area CRM del Gruppo Coin.

Giulio Chiavazzo-Marcello MessinaQuali sono gli elementi importanti per avere successo in una Start Up e-commerce?

Giulio Chiavazzo-Marcello MessinaCome primo step è opportuno definire un adeguato business plan, ovvero mettere in fila tutte quelle che sono le ipotesi di traffico, di investimento e di ritorni per il proprio canale e-commerce.

Trovandoci in un canale dove non c’è un contatto fisico, diventa fondamentale l’assistenza  al cliente. Altri elementi sono gli aspetti legati al Web Marketing, quindi tutta le strategia di rete per garantire traffico per il proprio e-commerce e la definizione della piattaforma più adatta a quello che è il proprio business.

Giulio Chiavazzo-Marcello Messina

Quali sono gli strumenti e le strategie più efficaci per vendere online?

Giulio Chiavazzo-Marcello MessinaBasilare è la definizione di un calendario commerciale, ovvero quello che è l’animazione di un e-commerce, che consiste in attività online, eventi e promozioni finalizzate al contatto verso il cliente.

 Bisogna avere, perciò, molto chiaro tutto l’approccio di comunicazione e interazione con il proprio cliente, in base naturalmente alla categoria merceologica: si può passare da un scenario dedicato al lusso, dove il tema promozionale non esiste perché tutto è concentrato sul riconoscimento del cliente e sulla gestione dei dettagli, fino a uno scenario diverso, come quello del mass market, dove il tema promozionale è molto importante e sicuramente un elemento cardine della politica commerciale.

 

Giulio Chiavazzo-Marcello Messina

Quale ruolo avrà il Mobile nell’e-commerce?

Giulio Chiavazzo-Marcello MessinaIl Mobile diventerà sicuramente un elemento fondamentale, questo perché si andrà a collocare tra il mondo fisico dello store e quello digitale dell’e-commerce. Un ponte di contatto che veicola persone e arricchisce l’esperienza di acquisto del cliente.  Il secondo vantaggio è che, grazie a una serie di Applicazioni Mobile, il cliente potrà visionare sul proprio smartphone, attraverso un codice a barre, le informazioni o recensioni sui prodotti senza disturbare l’addetto vendita.

 

luca papa VIDEO E CONTENUTO A CURA DI LUCA PAPAlinkedin_badge

 

Sono Digital marketing manager di Digital Coach, formatore Google e consulente su tematiche di web marketing. In Digital Coach coordino l’attività di tutti i professionisti che svolgono docenza e insegno per Digital Coach e per Google discipline di Digital marketing quali Digital strategy, Inbound Marketing, SEM, Personal Branding.


Chiara LenaTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI CHIARA LENAlinkedin_badge

 

Sono laureata in Comunicazione d’Impresa e ho lavorato in vari settori nelle Relazioni Esterne e nel branding e marketing aziendale. 

Ho frequentato un Master in Grafica e Web design e ho ottenuto le certificazioni Adobe in Visual Communication using Photoshop CS6 e Web Communication using Dreamweaver CS6. Sto frequentando il Master in Digital Marketing per fortificare le mie conoscenze in ambito SEO, SEM e Social media

Attività redditizie on line: 4 Idee Imprenditoriali di Successo

Attività redditizie on line: 4 Idee Imprenditoriali di Successo

 

Attività redditizie online? attività redditizieChi non vorrebbe trovarne una, e oggi con Google è facile ottenere le risposte. Forse, anche per questo le ricerche più popolari sul tema parlano chiaro. Gli utenti interrogano il motore di ricerca su questi argomenti: 

 

Complice la crisi degli ultimi anni e la facilità di accesso alla rete, gli utenti hanno cercato subito lavoro nei settori più redditizi o in alternativa d’inventarsi un lavoro del tutto nuovo divenendo così nella maggior parte dei casi imprenditori di se stessi. Nel fare ciò il dato interessante che emerge, è che tra le idee lavoro o imprenditoriali scelte, quelle che riguardano il modo di generare attività redditizie aiutandosi con il web (piuttosto che l’aprire un negozio o aprire in franchising attività tradizionali), segnano una marcata tendenza al rialzo.

E tu? Stai valutando la possibilità di lavorare sfruttando la rete? Se la risposta è affermativa, ti interesserà sicuramente non solo conoscere quali sono le attività on line più redditizie, ma anche quelle tra le nuove attività emergenti che si prospettano più remunerative anche in un prossimo futuro.

In questo video ti spiegheremo pertanto come fare soldi attraverso quelle che oggi vengono considerate le 4 attività più redditizie da poter gestire con l’aiuto della rete:

Risorse utili: Internet Trends Report 2017 di Kleiner Perkins Caufield & Byers 

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

 

 

Attività redditizie online:creare prodotti e servizi proprietari

 

È sicuramente l’attività redditizia più interessante per la nuova era digitale. In passato i mercati sono stati dominati da chi aveva una forte presenza distributiva e di conseguenza il prodotto era messo in secondo piano. 

Nella nuova era digitale, la distribuzione è molto semplificata grazie ai media on line:

  • Motori di ricerca;
  • Social media;
  • Pubblicità on line.

I quali ci consentono di attrarre verso il nostro prodotto ogni tipo di traffico/utenza. Oggi dobbiamo cambiare focus, bisogna creare un prodotto o servizio proprietarioUn qualcosa che sia pensato e gestito da te, unico, esclusivo, non imitabile, perché legato al tuo brand e alla tua azienda.

lavorare in proprioIn alternativa, se distribuisci prodotti di altri, sarai più soggetto alla concorrenza. Qualunque e-commerce potrà, potenzialmente, commercializzare lo stesso prodotto e questo sortirà nel medio termine una pressione sul prezzo, sul margine, difficile da gestire.

Mentre creando e gestendo il tuo prodotto/servizio in autonomia, se sarà abbastanza unico, speciale, differenziato, troverai sempre qualcuno che lo apprezzerà.

Probabilmente, questa è la più difendibile tra le opportunità che ti segnalo come attività online.

 

Hai già una vaga idea imprenditoriale ma senti di aver bisogno di un consiglio?
Chiedilo ad un nostro esperto del settore!

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

 

 

Attività redditizie: business scalabile

 

Quali sono i prodotti scalabili?lavoro on line

Sono prodotti la cui caratteristica distintiva è quella che il costo di produzione non cresce in maniera proporzionale al numero di copie prodotte. Questo risulta lo stesso per la creazione di una copia e di N copie. Quindi, dopo aver investito soldi, tempo ed energie per la prima copia e avendo individuato la giusta nicchia di mercato e la strategia di marketing differenziato più indicata , potrai fare dei numeri sicuramente interessanti.

I prodotti digitali scalabili sono tra le nuove idee imprenditoriali più interessanti da perseguire in era digitale 

  • Software;
  • Video;
  • Libri on line, cioè e-book.

Il mondo dei software on line, il mondo di WordPress, dei plugin WordPress sono ricchi di esempi di imprenditori che sono riusciti a fare dei business scalabili attraverso prodotti digitali e possono rappresentare attività redditizie da casa.

 

Quale attività redditizia è la più adatta a te?
Scarica la guida qui sotto e scoprilo subito, è gratis!

 

 

Attività redditizie: prodotti ad alta intensità di capitali

 

nuove attività redditizie Tale tipologia di business (che riguarda non solo attività commerciali innovative), necessita di elevati capitali, come accade per le start up americane Google, Facebook, Twitter ecc… Questa è una ipotesi considerabile se conscio di avere una forte presa su:

  •  Venture Capital;
  •  Investitori;
  •  Business Angels.

insomma, chiunque abbia la possibilità di versare ingenti capitali capaci di portare la tua azienda su palcoscenici importanti.

 

 

Attività redditizie: prodotti per nicchie di mercato di cui sei molto esperto

 

come aprire un negozio on lineSe hai una passione per qualcosa e sei consapevole che puoi diventare leader nella corrispondente nicchia di mercato, potresti iniziare un’attività on line, in tale settore.

Gli elementi essenziali di successo possono così riassumersi:

  • Specificità del mercato in cui vuoi operare;
  • Elevata competenza, tale da farti diventare leader;
  • Passione per il settore (che ti ha portato a farne il tuo lavoro).

 

 

 

APPROFONDIMENTI

ATTIVITÀ REDDITIZIE: BUSINESS SCALABILE

 

Un ingrediente fondamentale nella ricetta di successo di un’impresa è la scalabilità. 

Come detto in precedenza, avere un business model scalabile significa, che la propria attività è replicabile, quindi, risulta possibile aumentare le dimensioni e il giro d’affari in maniera anche esponenziale, anche se vuoi aprire attività online.

 

Sapevi che aprire un negozio online può farti guadagnare tanto e velocemente?
Cosa stai aspettando? Guarda il webinar gratuito!
webinar gratuito dropshipping e-ecommerce

 

 

Un esempio di business scalabile:Digital Maker

 

Per comprendere pienamente il concetto di “scalabilità nel business” è utile fare un esempio. Si pensi ad un artigiano tradizionale e ad un maker che producono entrambi tavoli per la casa.

 

  • attività redditizie futureNel primo caso, l’artigiano impiegherà un tot numero di ore per produrre il tavolo in oggetto e se deve realizzarne uno simile o uguale impiegherà all’incirca lo stesso tempo che è stato necessario per realizzare il primo.

 

  • Nel secondo caso, la dinamica cambia. Il maker, grazie alla sua stampante 3D, impiegherà il suo tempo quasi esclusivamente per la progettazione dell’oggetto, così, potrà realizzare con la sua stampante una quantità illimitata di tavoli uguali o se volesse accelerare i tempi di stampaggio, basterà acquistare altre stampanti 3D!

 

Questo esempio ci porta anche a ripensare alla figura dell’artigiano. Quest’ultimo si rinnova grazie all’uso della tecnologia diventando un Digital Maker.

Quello della scalabilità è un elemento spesso sottovalutato da chi intraprende un’attività e soprattutto dagli startupper! Avere una buona idea di business non significa avere un successo garantito e quindi un’attività redditizia futura se questa non si presta ad essere scalabile.

 

 

Startup

 

Negli ultimi anni si parla sempre più di “Startup” e di “Start up innovative“, ma vediamo di cosa si tratta esattamente:

attività redditizie 2015

Wikipedia riporta la seguente descrizione:

“In economia con il termine startup si identifica una nuova impresa nelle forme di un’organizzazione temporanea o una società di capitali in cerca di un business model ripetibile e scalabile. Inizialmente il termine veniva usato unicamente per startup operanti nel settore Internet o tecnologie dell’informazione. Oggi, con la crescente influenza del software, anche altri settori sono interessati dal fenomeno.”

Come emerge dalla definizione universalmente riconosciuta di Steve Blank, la scalabilità è un elemento cardine di questa tipologia di impresa. Dunque, che attività aprire? L’avvio di un’attività redditizia imprenditoriale non scalabile, come l’apertura di un ristorante, non coincide con la creazione di una startup ma di una società tradizionale. Se vuoi fare impresa online scopri il web marketing per imprenditori.

 

 

 

Desideri diventare un imprenditore online?
Non perdere tempo, informati immediatamente sul Master Start up program!

SCOPRI IL PROGRAMMA

 

 

Startup e Paese Italia

 

After A Slow Burn, Italy’s Tech Startups Turn Up The Heat.

Ovvero, dopo una partenza lenta, le startup italiane vanno verso il successo. Titola così Forbes, magazine americano tra i più noti sul mondo dell’impresa, in un recente articolo, che guarda all’ecosistema delle startup italiane e dei suoi protagonisti.

FORBES cita queste 5 startup italiane di successo:attività commerciali innovative

 

MUSIXMAT:

L’app del bolognese Max Ciociola che permette di consultare i testi di 7 milioni di canzoni in 38 lingue diverse…I numeri continuano con utilizzatori per 30 Mio e 10 Mio di euro raccolti (Roberto Condulmari, Kairos Legacy Patners e United Ventures) 

WAYNAUT:

Realizzato da Simone Lini, 25enne cremasco, è un portale che offre soluzioni di viaggio (economiche e veloci) unendo mezzi di trasporti tradizionali (metro, treno e bus) a sistemi innovativi (bike, car sharing, car pooling). Ha ricevuto un round di finanziamento da P101 e Club Italia.

DREXCODE:

Ideata da Federica Storace e Valera Cambrea, si tratta di una web boutique dove noleggiare abiti delle ultime collezioni di top designer italiani e stranieri per un valore del 10, 15% del prezzo di acquisto. (Innogest, LVenture Group, Ligur Capital e soci di Italian Angels for Growth).

SNAPBACK:

L’idea di Giuseppe Morlino e del suo team è un’App che consente con semplici gesti e comandi sonori di attivare smartphone, tablet, e dispositivi indossabili. Pensata all’interno del progetto Luiss Enlabs ha ricevuto 450mila euro di finanziamento, tra cui la vittoria al bando INCENSe (150mila euro) e un accesso ai fondi di Invitalia (300mila euro). Recentemente ha chiuso un nuovo round di investimento con LVenture Group.

BEMYEYE:

L’idea appartiene a Gian Luca Petrelli, 41enne di Milano (ex dipendente di Motorola, Petrelli ha raccolto 2,8 milioni di dollari da Capital Ventures, RedSeed Ventures, Pietro De Nardis e 360 Capital Partners)

Come funziona BeMeEye: i nostri collaboratori, scaricano gratuitamente l’App, ricevono una notifica su un lavoro da effettuare (verificare se un prodotto è presente o meno in un punto vendita, fingere di essere un cliente e annotare come un commesso spiega una promozione…), si recano sul luogo (entro sessanta secondi dalla notifica), realizzano il lavoro (rispondono a un sondaggio, scattano una foto come prova) e vengono pagati. Si va da 6 euro fino a 35 euro. 

Questa start-up insieme ad altre del medesimo settore, sta trasformando sempre più il mercato della ricerca statistica. Oggi lo studio del consumatore e dei suoi behaviour non può prescindere dall’analisi delle sue scelte on line.

La trasformazione del mercato della ricerca statistica interessa in maniera più o meno importante tutti i settori di business, grazie alla sempre maggiore fruizione della rete.

 

È il momento di lanciarsi nell’attività che ti farà guadagnare! Si ma quale?
Scoprilo con una sessione di coaching personalizzata e gratuita.

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA 1 – 1

 

 

elisabetta_gravinaTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI ELISABETTA GRAVINAlinkedin_badge

Dopo la laurea in economia ho sempre lavorato nella ricerca, per aiutare aziende italiane ed estere a comprendere meglio i propri mercati e i consumatori. Riassumere la mia vita professionale? Una ricerca continua…che mi ha portato, oggi, al digital marketing con particolare interesse al Content & Seo Copywriting.

Finanziamenti Startup: come trovare capitali per la tua nuova attività

Finanziamenti Startup: come trovare capitali per la tua nuova attività

Sei in cerca di finanziamenti per startup? In quest’articolo troverai informazioni utili a questo scopo e indicazioni su come trovare capitali per la tua idea imprenditoriale. Partiamo dal presupposto che le strade percorribili sono molte e che ognuna di queste può consentirti di acquisire piccoli o grandi finanziamenti alle startup.

Vanno sempre valutati i pro e i contro delle seguenti ipotesi di finanziamenti per nuove imprese:

  • Finanziare la propria azienda
  • Trovare un imprenditore nello stesso settore
  • Trovare un Business Angel
  • Trovare un’associazione di Business Angel
  • Trovare un incubatore
  • Venture Capital
  • Equity Fund

 

Per ciascuna di queste ipotesi riguardo i finanziamenti per startup innovative, vi sono dei vantaggi e degli svantaggi che desidero illustrarti nel dettaglio. Se non hai idea di come finanziare una startup e hai molti dubbi, non preoccuparti, una volta finito questo articolo avrai le idee molto più chiare. Come avrai capito, non è necessario che tu disponga dell’intero capitale per avviare il progetto imprenditoriale dei tuoi sogni.

Se vuoi diventare uno startupper di successo puoi richiedere informazioni per il Master Startup Program, nato per poter supportare un aspirante imprenditore a realizzare il proprio sogno imprenditoriale. I nostri Digital Coach metteranno a tua disposizione la loro straordinaria esperienza, per aiutarti a creare le fondamenta del tuo progetto d’azienda e trovare finanziamenti per una startup.

 

Vuoi trovare una Strategia Digitale efficace per la tua azienda?

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

Finanziamenti startup per la propria azienda

Come finanziare una startup? Finanzia tu la tua attività o trova degli altri soci che insieme a te sono disponibili a finanziamenti startup a fondo perduto. Nell’ipotesi più estrema potresti anche trovare un socio che investa semplicemente capitale, mentre tu investirai in termini di lavoro e manodopera all’interno dell’attività che stai svolgendo. Questo ha dei pro e dei contro.

VANTAGGI: Potrai rimanere sempre indipendente e potrai prendere sempre tu le decisioni. Potrai avere il pieno controllo della tua attività e tenere l’intero fatturato e l’intera quantità di utili che sarai in grado di generare.

SVANTAGGI: All’inizio è più dura farcela con pochi capitali ed è più difficile rendere scalabili questo tipo di attività. I capitali ti consentono infatti di fare le cose più in grande.

 

Ottenere finanziamenti per startup con imprenditori dello stesso settore

Potresti valutare di rivolgerti ad un altro imprenditore che abbia già un business avviato. Se la tua idea imprenditoriale riguarda il settore di cui questo imprenditore si occupa, proponigli di fare un investimento in innovazione. Se poi la tua idea di business dovesse funzionare, insieme potrete generare delle sinergie vincenti.

VANTAGGI: Trovare soci per startup innovative può essere un sicuramente un vantaggio, perché potresti apportare dei benefici manageriali all’interno della tua nuova attività ed avere così all’interno un modello vincente da seguire.

SVANTAGGI: Finanziamenti tra privati non sempre vanno a buon fine. Proporre un investimento in innovazione ad un altro imprenditore non è sempre la migliore delle scelte. Quando si uniscono le sinergie non sempre vi è un’unanimità nelle scelte da prendere per creare startup.

 

Come trovare un Business Angel

I Business Angel somigliano a degli imprenditori, ma non lo sono esattamente. Sono solitamente degli ex imprenditori o ex manager i quali hanno capitali a disposizione da poter investire e valutano delle idee imprenditoriali interessanti. Attualmente, nella maggior parte dei casi, un Business Angel che faccia solo questo mestiere, di solito è focalizzato sull’investimento per startup che fa o al limite nel supportare a livello manageriale con consigli o indicazioni il nuovo team imprenditoriale dell’impresa che sta finanziando.

VANTAGGI: Devi piacere solo ad una persona quindi l’importante è fare breccia nella mente di un solo interlocutore, quello giusto. Se piace la tua idea la procedura è più veloce; l’entità dell’investimento può essere però più bassa.

SVANTAGGI: Ti troveresti un socio terzo nella tua azienda. Devi però considerare attentamente che alcune di queste persone potrebbero pretendere d’imporre le loro strategie e il modo di operare all’interno dell’azienda o startup aziendale.

 

Sei una startup che vuole crescere ed ottenere un finanziamento?

Scopri it’s campus! Un acceleratore per startup gratuito (sia online che dal vivo).

Le startup selezionate avranno accesso a:

  • Co-working space (nella versione online)
  • Sessioni di mentoring 1 to 1 con professionisti di tutti i settori (legale, foundraising, digital marketing, vendita, team, prodotto,…)
  • Masterclasses
  • Investitori (potranno presentare la loro startup ad un board di investitori composto da banche, Business Angels, venture capital)

 

Come trovare associazioni di Business Angel

In Italia esistono almeno tre o quattro associazioni di Business Angel e risultano molto utili utili come finanziamenti alle startup. Di cosa si tratta? Si tratta di più Business Angel che si mettono insieme in un unica associazione, al fine di generare più sinergie possibili tra di loro.

Quindi cosa succede?

  • Quando valutano i progetti di finanziamenti startup innovative, lo possono fare insieme. Possono analizzare la fattibilità di moltissimi progetti perché i soggetti all’interno sono molti, ed è quindi più facile l’analisi dettagliata del business.
  • Quando decidono di investire, investono in gruppo in nuove attività o già presenti sul mercato. Diversificano il proprio rischio e possono, di conseguenza, investire in più progetti imprenditoriali, sapendo che ognuno di loro ha un capitale di rischio più basso in ogni progetto ma che tutti insieme hanno una quota importante e significativa .

VANTAGGI: Capitali rapidi, una soglia di investimento, di solito, più alta rispetto un singolo Business Angel.

SVANTAGGI: Più lungo e più burocratico l’iter, perché sono in molti a dover decidere. Non sei sempre certo di quale di questi interlocutori metterà il “naso” nella tua attività, mentre nel caso del Business Angel singolo avrai ben in mente quale sarà la persona con la quale avere a che fare.

 

Vuoi diventare un leader nella digital strategy, Digital Transformation e Digital Innovation?
Scopri il corso!

MASTER DIGITAL BUSINESS STRATEGY

 

Finanziamenti startup giovani: trovare un incubatore

Questo modello consiste in una società che incuba una startup; fornisce qualcosa in termini di capitale, di solito qualche decina di migliaia di euro, ma soprattutto punta sul fatto di offrire a queste aziende altri tipi supporto, ad esempio: un team di sviluppo informatico piuttosto che dei designer oppure degli esperti in advertising. Un team quindi che sia in grado di supportarti in alcune attività che non sei autonomo nel gestire. Gli incubatori aiutano le startup fornendo servizi all’azienda nascente in outsourcing.

VANTAGGI: Uno dei possibili finanziamenti startup che si rivela veramente efficace. Ti permette di ricevere dei fondi per avviare la tua nuova attività con i capitali messi a disposizione dall’incubatone.

SVANTAGGI: Uno dei pericoli è quello di perdere il controllo manageriale della tua attività startup. Sicuramente molto dipende dal ruolo che avrà l’investitore all’interno del business. Non sempre i prestiti per giovani imprenditori sono la migliore soluzione per un incubatore, quindi vi è sempre un controllo finanziario accurato.

 

finanziamenti-startup

 

Come trovare un venture capital

Queste sono società che investono in una startup di due tipologie:

  • Venture Capital Seed: questo è il cosiddetto pre-market. Sono venture capitalist che di fatto finanziano progetti che ancora non sono operativi sul campo: non sono ancora online sono solo sulla carta. In questa ipotesi di solito l’investimento è basso, qualche decina di migliaia di euro, abbastanza rapido da ottenere ma sicuramente stiamo parlando di piccoli capitali.
  • Venture Capital Early Stage: ovvero quei venture capitalist che investono in un’azienda che ha già un prototipo di prodotto, un portale online, un primo pubblico con i primi riscontri di quello che sta facendo. In questo caso loro investono cifre superiori: parliamo di centinaia di migliaia di euro, nella maggior parte dei casi. Di solito aiutano gli startupper a scalare molto questa attività che di fatto è già esistente e a portarla a produrre fatturati e profitti.

VANTAGGI: Grandi capitali a disposizione, di solito superiori a quelli che potresti mettere da solo, scalabilità perché puoi ottenere in più fasi questi capitali. Questi sono aspetti sicuramente positivi.

SVANTAGGI: Nella maggior parte dei casi perdi il controllo della tua azienda, nel senso che dovrai sottoscrivere una serie di accordi e di patti in base ai quali potrai, nel tempo, essere potenzialmente rimosso dalla direzione dell’azienda. Non avrai quindi sempre il controllo, dovrai rendere conto a terze parti di quello che stai facendo. Otterrai più capitali che “Know-How”, che dovrai metterlo tu e il tuo team imprenditoriale.

 

Vuoi diventare il futuro professionista in grado di realizzare l’innovazione digitale?
Scopri il corso più completo!

CORSO DIGITAL INNOVATION PROGRAM

 

Come trovare un private equity fund

Cosa sono? Somigliano ai venture capital perché anche queste sono delle società d’investimento che analizzano nuove aziende. Si focalizzano però sulle aziende giovani o in una prima fase di vita che hanno già dimostrato di avere un modello di business che regge sul mercato, che fattura e che determina dei fatturati. Quindi qual è il loro gioco? Ti mettono a disposizione più capitali per poter rendere scalabile il tuo business e ad aumentarne sostanzialmente le dimensioni e la portata.

VANTAGGI: Grandissimi capitali a disposizione, di solito parliamo di milioni di euro in questo caso, e quindi possibilità di scalabilità del tuo business.

SVANTAGGI: Anche in questo caso rischi di perdere il controllo della tua azienda, spesso potresti avere nel consiglio di amministrazione dei membri del private equity, quindi anche qui le decisioni saranno spesso condizionate.

 

Vuoi avviare una startup?
Guarda il video su come avviare e portare al successo la tua startup!

 

 

Approfondimenti

Come sono sostenute le startup innovative in Italia

 

finanziamenti startup

 

Startup Italia: Secondo il Registro delle Imprese le startup innovative sono circa 6.503. Queste realtà si sviluppano principalmente in cinque regioni in Italia, quali:

  1. Lombardia
  2. Emilia Romagna
  3. Lazio
  4. Veneto
  5. Campania

 

Come avviare una startup in Italia? Sicuramente il numero dei finanziamenti per startup innovative, startup digitali e aprire una startup sta crescendo all’interno dei confini italiani.

Molte realtà italiane hanno i presupposti per avere un discreto successo e ci sono molte idee per startup e finanziamenti per giovani. Il vero problema delle società startup è trovare una propria identità e avere una valenza significativa nella vita del consumatore finale.

Per funzionare realmente, al giorno d’oggi, non basta solo lo spirito imprenditoriale e i giusti finanziamenti, bisogna studiare approfonditamente le esigenze, in continuo mutamento, delle persone e centrare così il giusto Core Business, anche di nicchia. Bisogna porsi come obiettivo soddisfare i bisogni reali dei consumatori.

Sul portale del Registro delle Imprese, a partire dal 20 Luglio 2016, per costituire una startup innovativa in forma di Società Responsabilità Limitata (Srl) è possibile utilizzare un modello di compilazione online standard, sottoscritto dai contraenti con una semplice firma digitale.

Il format standard, messo a disposizione per le nuove società startup, potrà essere redatto attraverso diversi software disponibili sul mercato oppure con il servizio di Atti Startup realizzato da InfoCamere. Il servizio consente di registrare delle startup innovative in modo semplice e soprattutto telematico.

La tendenza più efficace, per ottenere finanziamenti startup sicuri, risulta quella di unire le sinergie finanziarie per ridurre il rischio d’impresa.

Oltre ai numeri è lecito considerare i settori nei quali gli investitori apportano più denaro in Italia, come il mercato digitale. Il settore Digital rappresenta, infatti, più del 50% degli investimenti startup nel panorama italiano.

Ma non tutti riusciamo ad ottenere i finanziamenti per le startup. Dobbiamo quindi migliorare le nostre conoscenze e competenze per poter sopperire ad eventuali mancanza di fondi.

 

Vuoi aprire una startup ma non sai come fare?
Frequenta un corso adatto!

CORSO STARTUP INNOVATIVA

 

Requisiti startup innovative per accedere agli incentivi

  • finanziamenti-startupL’azienda startup deve avere una sede legale e operativa in Italia, deve essere di piccole dimensioni ma soprattutto non deve essere costituita da più di 2 anni
  • Le agevolazioni per le nuove attività possono essere richieste anche da persone fisiche (compresi stranieri in possesso del visto startup)
  • Il possesso dei requisiti per creare una startup deve essere dimostrato al momento della presentazione della domanda di accesso agli incentivi Smart&Start
  • Per ottenere finanziamenti le nuove aziende devono essere obbligatoriamente iscritte al registro delle imprese come aziende startup, non essere sottoposte a procedure concorsuali o in liquidazione volontaria ma soprattutto non aver già ricevuto fondi o agevolazioni poi destituiti per ordine del Ministero.

 

 

Imprese escluse dal decreto per finanziamenti startup

Non sono comprese le società startup, composte da soci controllanti di imprese cessate 12 mesi prima della presentazione della domanda di una simile attività. Non sono ammesse infine società che operano nel campo:

  • della produzione primaria dei prodotti agricoli
  • del settore carboniero (per agevolare la chiusura delle miniere di carbone non competitive)
  • delle attività che esportano verso paesi terzi o Stati membri che mirano a costituire una grande rete di distribuzione

 

Hai qualche dubbio?
Non esitare a contattarci per qualunque chiarimento sui nostri corsi innovativi!

CONTATTACI

 

 

luca papa VIDEO E CONTENUTO A CURA DI LUCA PAPAlinkedin_badge

Digital Marketing Manager presso Digital Coach.

Sono Digital marketing manager di Digital Coach, formatore Google e consulente su tematiche di web marketing. In Digital Coach coordino l’attività di tutti i professionisti che svolgono docenza e insegno per Digital Coach e per Google discipline di Digital marketing quali Digital strategy, Inbound Marketing, SEM, Personal Branding.

alessio_cuociTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI ALESSIO CUOCIlinkedin_badge

Account Marketing Manager & Digital Strategist @Capital Lab – Content Marketing Practitioner @Digital Coach

 

Startup di successo: 7 cose che devi sapere (Video)

Startup di successo: 7 cose che devi sapere (Video)

Startup di successo

 

Fondare una start up di successo è un sogno che accomuna tutti i giovani che scelgono di intraprendere la carriera imprenditoriale. L’idea di diventare il nuovo Mark Zuckerberg o il nuovo Bill Gates è certamente un grande stimolo e sicuramente al momento il web è la giusta strada da intraprendere considerando il boom dell’economia digitale e del commercio elettronico.

Il termine start up inizialmente, come riporta l’Enciclopedia Treccani nel Dizionario di Economia e Finanza, era usato “per indicare il processo di accensione e avvio di un computer o di un altro dispositivo elettronico“. Con l’avvento di internet il termine ha assunto diversi significati nel corso degli anni e oggi con start up si identifica un’impresa nella sua fase iniziale.

Le start up innovative sono quelle che nel tempo hanno ottenuto maggior successo perché hanno saputo, sviluppando un prodotto o un servizio, rispondere in modo efficace ad una esigenza richiesta in quel momento dal mercato.

Oggi desidero parlarti proprio delle start up di successo e più precisamente di quelli che sono i princìpi che dovresti seguire per massimizzare le probabilità di raggiungere il miglior risultato nella tua attività imprenditoriale. Vuoi avviare una start up di successo in Italia? Nella stesura del tuo business plan dovrai considerare molteplici aspetti delle start up digitali, ma sopratutto dovrai seguire i nostri sette consigli. 

 

start up di successo

 

Startup di successo: 7 Cose che devi sapere

Ecco i sette argomenti di cui parleremo e che ti saranno indispensabili per avviare una start up di successo:
1. Team imprenditoriale
2. Idea imprenditoriale
3. Prodotto
4. Time to market
5. Innovazione
6. Modelli di monetizzazione
7. Canali di marketing

 

1.Startup di successo: il team imprenditoriale

Quando fai impresa è molto importante che tu non lo faccia da solo. Fare business non è un gioco individuale, è assolutamente un gioco di squadra e la prima delle squadre che devi costituire è quella del team imprenditoriale.

Cosa dovresti fare? Cercare dei soci, ma attenzione: è molto importante non cercare dei soci che ti somiglino troppo, che siano troppo simili a te. Tu hai bisogno di persone che siano diverse da te, possibilmente complementari.

Se tu sei orientato alle relazioni, cerca una persona orientata ai numeri e viceversa. Hai bisogno di differenza perché, probabilmente, nel tempo dividerai con questi soci le aree di responsabilità dell’azienda, in funzione dei vostri talenti.

 

2.Startup di successo: l’idea imprenditoriale

start up di successo

Il secondo principio da rispettare per una start up di maggior successo, è quello di basare la tua idea imprenditoriale sulla soddisfazione di un bisogno non ancora pienamente soddisfatto da qualcun altro. Per avere successo devi soddisfare dei bisogni, ma in particolare devi soddisfare dei bisogni che altri competitor non siano già bravissimi a soddisfare molto bene, a costi sostenibili.

Quindi devi comprendere come si evolvono i bisogni delle persone nella realtà, in particolare notare come stanno cambiando le nostre abitudini. Ad esempio:

.Come siamo sempre più abituati a stare a casa e a ordinare i prodotti che ci arrivano a casa.
.Come siamo sempre più abituati, quando abbiamo una domanda, a farla a un motore di ricerca.
.Come sempre più spesso troviamo delle soluzioni non necessariamente in Italia ma anche fuori.

Una volta che hai compreso come variano i bisogni e le abitudini delle persone, tu dovrai basare il tuo business su questi cambiamenti e puntare a soddisfare un bisogno non ancora pienamente esaudito da qualcun altro.

 

3. Il Prodotto

 

Il terzo principio da rispettare è quello del prodotto. Siamo in un’era, quella digitale, in cui il prodotto è tornato al centro del successo di un’impresa. In passato non era così: il successo di un’impresa era spesso determinato dalla forza distributiva, dalla capacità e dalle possibilità di un’azienda.

Oggi il prodotto è tornato al centro perché, per i business online, è fondamentale fare dei prodotti straordinari, perché quando sono straordinari il passaparola, sopratutto online, arriva alla velocità della luce. Viceversa quando non lo sono, molto velocemente la gente inizia a passare parola, a fare recensioni negative, a parlare male di te: online questo è facilmente visibile. Quindi il prodotto è un’area sulla quale devi concentrarti.

 

4.  Time to Market

 

Non tutti i business o le idee di business, che hanno un grande potenziale, sono vincenti sempre e comunque. Lo sono anche in funzione di quando entrano sul mercato. Se tu oggi avessi l’idea di creare un e-commerce simile ad Amazon, probabilmente avresti avuto un’idea giusta nel momento sbagliato.

Se vuoi essere uno startupper di successo è fondamentale che, quando hai un’idea di business, tu riesca ad entrare in un mercato nel momento che precede la sua grande fase di crescita: non troppo presto, quando dovresti attendere troppo tempo per poter monetizzare, ma neanche troppo tardi. Dovresti entrare sempre un po’ prima della fase di crescita esponenziale del settore a cui ti vuoi rivolgere.

 

5. Startup innovative 

 

start up di successo

 

Fai dell’innovazione il DNA della tua impresa, impara a far ragionare tutti i tuoi collaboratori, tutte le persone che lavorano con te, sull’esigenza di trovare sempre un modo diverso di fare le cose, un modo più efficace, più efficiente, più innovativo, più tecnologico, che ti consenta di avere un vantaggio competitivo, continuamente sostenibile, in rapporto ai tuoi competitor.

 

6. Startup di successo: Modelli di Monetizzazione

 

Il sesto principio presuppone che tu abbia pensato fin dall’inizio a dei possibili modelli di monetizzazione del tuo business. Non correre il rischio di partire con una idea imprenditoriale, senza avere idea di un preciso modello, attraverso il quale fatturerai, oppure, viceversa, di partire avendo in mente un solo possibile modello di monetizzazione. 

Molto spesso quando sei in campo, le situazioni si rivelano un po’ diverse da come le avevi immaginate ed è fondamentale che tu abbia, fin dall’inizio, più alternative, più strade percorribili per monetizzare quello che stai facendo. Quindi, da subito fatti questa domanda e datti almeno tre possibili risposte, in modo che, qualunque cosa succeda, tu abbia più alternative da poter mettere in pratica.

 

 

7. Startup di successo: Canali di Marketing

 

Qualunque cosa tu faccia, devi domandarti se puoi raggiungere il tuo pubblico di riferimento a costi sostenibili per la tua attività, in particolare a costi sostenibili per il ritorno che puoi generare dai tuoi prodotti e dai tuoi servizi.

Se fossimo nell’era precedente e volessimo raggiungere un mercato di massa, avremmo a disposizione solo radio, tv e giornali e ci servirebbero capitali enormi. Oggi siamo nell’era digitale quindi tu puoi usare i motori di ricerca, i social media, l’e-mail marketing (tra cui MailChimp), il blog, tantissimi strumenti per acquisire traffico a basso costo e trasformarlo in vendite. 

È molto importante che ti domandi quanto potrebbe costarti l’acquisizione di un nuovo cliente e quanto potrebbe essere il margine che sei in grado di realizzare da ogni vendita fatta a questi nuovi clienti, per arrivare a determinare la profittabilità del tuo business fin dalle fasi iniziali.

Devi individuare fin dall’inizio quali sono gli aggiustamenti che devi adottare o su prodotti e servizi (quindi sul loro pricing), o sul tipo di canali da utilizzare, in modo tale da usare canali di traffico che siano a basso costo, in rapporto al valore di marginalità dei tuoi prodotti e servizi.

 

VUOI AVVIARE UNA START UP?

 

Se vuoi diventare uno startupper di successo puoi richiedere informazioni per il Master Start Up, nato per poter supportare un aspirante imprenditore a realizzare il proprio sogno imprenditoriale. I nostri Digital Coach metteranno a disposizione la loro straordinaria esperienza, per aiutarti a creare le fondamenta del tuo progetto d’azienda.

 

 

APPROFONDIMENTI

Startup di Successo in Italia

 

start up di successo

Start up innovative in Italia

Startup innovative in Italia 

Quante sono le start up innovative in Italia? In un articolo pubblicato nel gennaio del 2016, ilsole24ore.com, citando dati della piattaforma Aster, (consorzio dell’Emilia-Romagna per ricerca, sviluppo e trasferimento tecnologico), racconta che in Italia le start up innovative sono 5154. Si tratta di una mappa suddivisa per regioni e provincie che, grazie a dati sempre aggiornati, consente di conoscere cosa si muove nel mondo della nuova imprenditoria. A guidare la classifica delle regioni c’è la Lombardia, seguita dall’Emilia-Romagna e dal Lazio. Secondo l’articolo, nel nostro paese sul fronte dell’innovazione c’è grande fermento e la maggior parte delle start up per ora non supera i 9 dipendenti.

 

start up di successo

Start up di successo: My Cooking Box

Startup di successo in Italia: My Cooking Box

Nata da un’idea di Chiara Rota, ingegnere gestionale con la passione per la cucina italiana, My Cooking Box è una start up italiana che ha creato delle confezioni con gli ingredienti nelle giuste dosi per cucinare i piatti tipici italiani. Secondo Economyup.it , My Cooking Box ha da poco chiuso una campagna di equity crowdfunding sul portale Crowdfundme, raddoppiando l’obiettivo di raccolta. My Cooking Box è online da novembre 2015, ha venduto circa 1500 box in 20 punti vendita del Nord Italia e da pochi mesi ha iniziato a proporre le box all’estero, in particolare Inghilterra, Germania e Spagna.

 

Start up di successo: time to market

Start up di successo: time to market

 

Startup di successo: Cos’è il time to market?

Secondo la definizione che troviamo in glossariomarketing.it, “il Time to Market è il tempo necessario per introdurre nel mercato un nuovo prodotto o servizio, dalla sua idea iniziale al momento in cui viene commercializzato.” Il sito aceinnova.com approfondisce il concetto e sottolinea come molte volte, a causa di diversi motivi, il Time to Market non viene preso in considerazione durante la fase di ideazione, progettazione ed industrializzazione di un prodotto. 

 

start up di successo

Start up di successo: modelli di monetizzazione

Startup di successo: Modelli di Monetizzazione

Tra i sette consigli che trovate elencati in questo articolo, al punto 6 trovate quello che riguarda i modelli di monetizzazione, ossia come far diventare redditizia la tua idea di business. Su questo argomento esiste un libro “Monetizzare l’Innovazione. Come progettare il prodotto intorno al prezzo.” scritto da Madhavan Ramanujam e Georg Tacke, rispettivamente partner e co-CEO della Simon-Kucher & Partners, la maggiore azienda mondiale specializzata in pricing. Secondo Ramanujam e Tacke, per raggiungere gli obbiettivi di ricavo e profitto occorre “Progettare attorno al prezzo, ovvero, i prodotti e i servizi innovativi devono essere costruiti fin dall’inizio tenendo conto di ciò a cui i (potenziali) clienti attribuiscono un valore, ciò per cui sono disposti a pagare.” 

start up di successo

Start up di successo nel mondo: Xiaomi

Startup di successo nel mondo

Nella classifica delle 10 start up più ricche del mondo, pubblicata annualmente dal Wall Street Journal, al primo posto, nettamente, c’è la cinese Xiaomi, produttrice di telefonia mobile, la cui ultima valutazione ammonta a 46 miliardi di dollari. A seguire Uber, il cui valore è di circa 41 miliardi di dollari, mentre al terzo posto c’è l’americana Palantir, che vende software per analisi dei dati e il cui valore è di circa 15 miliardi di dollari. Da segnalare che nelle prime 10 posizioni ci sono 7 start up americane e 3 asiatiche.

 

 

 

luca papa VIDEO E CONTENUTO A CURA DI LUCA PAPAlinkedin_badge

Digital Marketing Manager presso Digital Coach.

Sono Digital marketing manager di Digital Coach, formatore Google e consulente su tematiche di web marketing. In Digital Coach coordino l’attività di tutti i professionisti che svolgono docenza e insegno per Digital Coach e per Google discipline di Digital marketing quali Digital strategy, Inbound Marketing, SEM, Personal Branding.

fabio_banzato_studente_digital_coachTRASCRIZIONE VIDEO E APPROFONDIMENTO A CURA DI FABIO BANZATOlinkedin_badge

 

 

Orientamento-alle-professioni-scarica-ebook

Le 9 PROFESSIONI DIGITALI più ricercate dalle Aziende. E-BOOK gratuito. Scaricalo ORA!