Seleziona una pagina

CONSULENZA E-COMMERCE

Mini Guida per farla in soli 4 step

Per una consulenza e-commerce su misura, sia che tu possegga già un negozio online, o la sola volontà di aprirne uno, penso tu sappia già quanto fare marketing sul web possa essere difficile, al giorno d’oggi. La concorrenza è sempre più dura, così come si fa sempre più difficile capire come raggiungere, col giusto messaggio, il proprio target audience.

Per distinguerti dai concorrenti, e raggiungere alti livelli di crescita, è necessario prendere le giuste decisioni di marketing (online e offline), offrendo prodotti e servizi con livelli di standard superiori.

Se su Google hai digitato la query consulenza e-commerce online, è probabile tu stia cercando proprio un professionista del settore che ti permetta di raggiungere questi obiettivi. O perché, forse, lo vuoi diventare anche tu.

Affidarsi a un professionista del commercio digitale, può essere produttivo, ma ha sicuramente un costo che non tutte le PMI possono sostenere nel lungo periodo.

Continuando con la lettura ti mostrerò quali sono i passi che un esperto deve fare per trovare una strategia per incrementare le vendite. Con le domande da fare, gli errori da evitare e le relative soluzioni agli eventuali intoppi. Inoltre, avrai modo di scoprire:

  • in cosa consiste una consulenza ecommerce
  • cosa fa lo specialista del commercio online
  • come diventare uno specialista dell’ecommerce.

prima di procedere con la lettura, lascia che ti dia un consiglio: seguire un master e-commerce e apprendere come raddoppiare le vendite è un ottimo investimento per diventare un esperto in consulenza e-commerce.

Cos’è la consulenza ecommerce

Prima di iniziare a intraprendere questo viaggio nel mondo della consulenza e-commerce, vorrei dirti per bene di cosa si tratta. L’ecommerce è la cosiddetta vendita online di beni e servizi. Tale processo avviene attraverso Internet, mediante l’utilizzo di infrastrutture IT di diverso genere e composizione.

Diventare un professionista dell’ecommerce significa imparare il più possibile da esperti dell’online come Salvatore Aranzulla o Giovanni Cappellotto. Ma pensi possa bastare? O credi che solo guardando i loro siti, aprire un ecommerce richieda troppe conoscenze tecniche?

Niente è impossibile se si seguono i corsi giusti e ci si affianca a persone competenti. Tuttavia, ci sono diversi step che un esperto di e-commerce deve valutare. E per impostare una strategia di successo, ponendo le basi per un progetto solido, è infatti necessario svolgere diverse azioni.

Per operare in questo settore altamente competitivo, e offrire una consulenza e-commerce professionale e proficua è necessario avere una visione generale del mercato e delle tecnologie. Per fare ciò, si deve:

  • studiare il mercato di appartenenza, avendo una visione olistica di esso e delle tecnologie usate per operare al suo interno. In particolar modo, dei big data;
  • individuare i trend di mercato che sono in constante evoluzione, e adattare le proprie strategie a essi;
  • studiare i format utilizzati dai competitor, che hanno già un piano definito;
  • avere bene in mente i costi che si è disposti a pagare, sia in termini di tecnologia che di comunicazione e marketing.

La domanda, quindi, diventa: quanto può costare una consulenza di marketing? Sappi che in realtà non esiste un costo fisso, quantunque le somme oscillino fra i 25 e le poche centinaia di euro. Ma in base ai propri obiettivi, è sempre possibile fare una stima e prevederne i costi.

Vuoi sapere se la professione di E-commerce Specialist fa al caso tuo?
Scoprilo con il test gratuito!

test e-commerce specialist

Il Consulente E-commerce: cosa fa

Le attività di una consulenza e-commerce sono varie. E alcune fra le più importanti, sono:

  • ottimizzazione della Home Page, la pagina più importante del sito che parla del tuo business, ed è come un biglietto da visita. Che deve avere una struttura gerarchica, e il prodotto essere a non più di 3 click dalla Home Page;
  • eliminazione, per il crawler, di tutte le pagine con contenuti duplicati. I web crawler devono sapere quali pagine non devono essere indicizzate, perché potrebbero diminuire la Domain Authority;
  • velocità di caricamento delle pagine (parametro importantissimo). Che per farla breve, si riferisce al fatto che se la pagina non si carica rapidamente, l’utente se ne andrà! Molti fattori influenzano tale velocità, come cache, sitemaps, Google Fonts, CSS, eccetera;
  • realizzazione di tag title ottimizzati e performanti. Aspetto molto importante poiché questo ti differenzierà dai tuoi competitor;
  • url adatto per la SEO per cui, se le piattaforme per ecommerce usate son quelle già conosciute, creeranno un url SEO-friendly già pronto per l’uso;
  • utilizzo del rel canonical nelle pagine più importanti (per poter risolvere il problema della duplicazione dei contenuti);
  • analisi delle keyword vantaggiose per vendere. Attività che va fatta insieme a chi possiede il negozio online, e si avvale di vari tool disponibili su Internet. Tool come SeoZoom, SEMRush, Answerthepublic;
  • scelta di un buon CMS da utilizzare: è sempre meglio utilizzarne uno già conosciuto dagli addetti ai lavori, quindi con una buona reputazione. Poiché per esempio è già streamlined per l’uso, e consente l’individuazione rapida di bug, fra le altre cose;
  • HTML semantico: bisogna sempre usare gli Heading con criterio, e ottimizzare le immagini con l’Alt-text.
  • gestione dei prodotti esauriti cosa che si può affrontare mettendo pagine di reindirizzamento 301 o 401 su tali prodotti.

Quindi si può dire che il consulente delle vendite online deve conoscere bene il mondo SEO e digital marketing. Ma non solo! Lo specialista delle vendite online deve anche tenere conto di alcuni errori che vengono fatti spesso da chi apre un sito commerciale senza essere ferrato sull’argomento, come, per esempio:

  • credere che vendere su un negozio online sia una cosa semplice;
  • aprire un negozio online solo perché i competitor lo hanno fatto;
  • non dare la dovuta importanza all’ottimizzazione del sito;
  • non focalizzarsi sul conversion rate, ma solo sulle visite al sito.

Le 4 attività della consulenza e-commerce

Mettere a punto una consulenza e-commerce non è affatto semplice. E quando si ha bisogno di esperti e-commerce che ti aiutino a capire come aprire una piattaforma online, bisogna innanzitutto fissare una strategia di azione.

Un valido consulente e commerce ti aiuterà a fare tutto questo partendo dai tuoi obiettivi. Magari dipendenti dalla mission aziendale, ma che ti sostengano nella strutturazione di un progetto che definisca, nello specifico, quanto realmente c’è da fare.

Come ben sai, spesso un ecommerce si svolge proprio sul web. Anche se questi, soprattutto dopo l’emergenza sanitaria, non di rado sono immagine di negozi già esistenti offline. In ogni caso, devi considerare anche quanto costa aprire un sito di vendita online, poiché questo, in particolar modo, influenzerà la tua decisione finale.

E in dettaglio, ricorda che non puoi pensare di aprire un punto vendita online (che sia nuovo o meno) se non hai a disposizione un budget di almeno 15 mila euro. Potrai, sì, servirti di piattaforme gratuite messe appositamente a disposizione.

Ma sappi che oggi esistono anche i franchising, che di fondo, nell’apertura del tuo negozio online (in questo caso, del tutto nuovo) ti supportano in ogni singola azione. Tutte già collaudate, e in grado di condurti verso il successo a cui aspiri.

Qui di seguito troverai come strutturare una consulenza e-commerce considerando quelle che sono gli step principali per elaborare una strategia vincente per far decollare un business online con il proprio negozio virtuale.

consulenza ecommerce

Analisi del pubblico target

Fare e-commerce concerne, in primo luogo, strutturare la nicchia di prodotti che si venderà. La quale può comprendere molteplici tipologie, come anche, invece, un unico prodotto, o pochi di essi.

Ma per fare questo è necessario analizzare la buyer persona, la rappresentazione del cliente-tipo, il quale potrebbe acquistare il tuo prodotto/servizio. Gruppi di clienti o potenziali tali che permettono, quindi, di rispondere alla domanda: “A chi è riferito il mio prodotto?”. Modo, questo, con cui è possibile anche suddividere ulteriormente il proprio target.

Tieni a mente che targettizzare il tuo pubblico, ti aiuterà a definire anche la tua nicchia di prodotti. O addirittura, di scoprire a fondo le peculiarità che contraddistingue la cerchia di persone che ha mostrato interesse per ciò che vendi. Dandoti la spinta fondamentale per fare il più possibile.

A questo punto, una volta che hai capito a chi destinare il tuo lavoro, se vuoi essere competitivo e affermare i tuoi prodotti (simili ad altri, o completamente nuovi), devi studiare i tuoi concorrenti.

Studio dei competitor

Una volta aver suddiviso il pubblico, in automatico diventa possibile capire chi sono i competitor. E quindi:

  • cosa vendono esattamente nei loro negozi;
  • cercare di capire quali sono le loro strategie;
  • su quali social si trovano principalmente;
  • come sponsorizzano i loro prodotti e servizi;
  • come riescono a coinvolgere il pubblico a cui si rivolgono.

Per costruire delle solide basi di una consulenza e-commerce, bisogna prima conoscere tutto quello che il mondo della tecnologia avanzata ti offre oggi. La parte principale e più onerosa si ha nella fase di creazione della piattaforma ecommerce, per cui ti troverai di fronte a due strade principali:

  • raccomandare l’uso di piattaforme preimpostate, come ad esempio Magento, Prestashop, WooCommerce;
  • affidarsi a una web agency, o a un freelance che crei il sito da zero.

Per te che vuoi diventare un esperto e-commerce, può darsi ti interessi sicuramente di più conoscere il mondo di Magento. Inoltre, potrebbe interessarti anche una guida sulle altre 2 piattaforme che ti permetterà di riuscire a gestire la maggior parte delle funzionalità in autonomia.

Qualora le su dette piattaforme non facessero al caso tuo, se vorrai hai a disposizione anche Shopify. Particolarmente adatto a chi sta affacciandosi adesso nel mondo del commercio online, soprattutto per poter appunto vendere e-commerce in tutta facilità.

Con la possibilità, persino, di poter poi utilizzare quanto di avanzato propone nella sua offerta. E sempre con cifre abbastanza contenute. Inoltre, se vuoi anche conoscere quali sono i trend di mercato, sappi che tutte le piattaforme potranno comunque aiutarti in tal senso.

Scopri come diventare un professionista del commercio online!

VAI AI CORSI ECOMMERCE

Ricerca e studio dei trend di mercato

Una domanda ricorrente, nel mondo della consulenza e-commerce online, è cosa fa chi si occupa di e-commerce? Perché chi apre un negozio sul web, sebbene, spesso, cominci con una vasta gamma di prodotti, a un certo punto si rende poi conto che a vendersi maggiormente son solo alcuni.

Vi sono punti vendita come Amazon, Alibaba, eBay, e così via, che son più generalisti. Facendo convergere, in essi, domanda e offerta. E questo grazie soprattutto al fatto che vari esercenti portano online negozi fisici proprio per mezzo di queste piattaforme.

Ma grazie a strumenti come, appunto, Google Analytics 4 e simili, i rivenditori potranno, e devono, sapere in che modo sponsorizzare determinati prodotti, dal momento che son quelli che gli fanno guadagnare di più.

Ecco, intercettati i dati degli utenti che visitano le piattaforme, acquistano i prodotti, o semplicemente navigano su un sito (o su alcune pagine, in particolare), in automatico si possono capire i trend di mercato.

Nel caso compilino un form, lascino i contatti, esprimano preferenza per qualcosa in dettaglio, in questo modo è sicuramente fattibile prendere nota della fetta di pubblico che nello specifico visita e compra i tuoi prodotti.

Ma non vi sono solo queste metodologie. Tieni a mente, infatti, che anche attraverso strumenti come Google Trends puoi scoprire le tendenze del mercato di alcuni periodi dell’anno. Tendenze che ricoprono, ovviamente, più settori oltre quello della vendita al dettaglio.

E con la convergenza di dati che si viene a creare, è possibile strutturare non solo il commerciale migliore, ma anche la strategia più efficace al fine di raggiungere, con facilità e prontezza, i tuoi obiettivi.

Elaborazione della giusta strategia

Il consultant ecommerce genererà la strategia da mettere in atto a partire dalle risposte alle seguenti domande:

  • Il business model utilizzato è quello corretto?
  • È fattibile usare una strategia di marketing automation?
  • Le decisioni prese sono data-driven?
  • Come raggiungere più clienti possibili?
  • Quali sono le migliori strategie per portare traffico al sito?

Per una consulenza e-commerce di successo, oltre a questi aspetti bisognare centrare la quadratura del pubblico di riferimento. Inoltre, analizzare il customer journey e i KPI corretti al fine di migliorare il ritorno sugli investimenti.

Senza dimenticare le questioni tecniche come il controllare se la piattaforma ecommerce che si sta usando sia quella più adatta e se la user experience rende il tuo sito facile da usare.

Inoltre, se il metodo di pagamento che implementi sul sito sia facile da usare, e dia sicurezza ai clienti. Oltre che magari semplificare l’homepage (o landing page che sia). Se necessario, mettere a disposizione la spedizione gratuita; recuperare i clienti che hanno abbandonato, senza acquistare, il carrello, e così via.

Iscriviti al Webinar Gratuito per diventare
un consulente online esperto nel settore e-commerce!

webinar gratuito diventa un consulente online

ISCRIVITI SUBITO QUI

I 7 fondamenti della consulenza e-commerce

Chi acquista online, spesso lo fa con l’intento di risparmiare. Perché come ben saprai, il processo di acquisto di un utente inizia nel momento in cui sviluppa un determinato desiderio, e per soddisfarlo, comincia a informarsi innanzitutto online per comparare quanti più prodotti e prezzi possibili.

Dato tutto questo, chi decide di avviare un ecommerce sa che dovrà ottimizzare persino le immagini. Servendosi magari anche delle regole SEO, al fine di attrarre i clienti sulla pagina del prodotto in questione.

In cui leggendone le caratteristiche, come anche il prezzo e la spedizione (che molti rivenditori mettono a disposizione gratuitamente superata una certa soglia di spesa), dovrà rimanere del tutto ammaliato così da procedere all’acquisto.

Bene, se sei atterrato su questa pagina, vi hai cliccato perché vuoi diventare una valida risposta a chi cerca una consulenza e-commerce. E hai capito che ci sono moltissimi aspetti che puoi apprendere con noi, e gestendoli in autonomia.

Per poter intraprendere questo viaggio, e diventare un esperto nel mondo della vendita online, devi quindi solo ricordare quelli che sono i 7 fondamenti dell’ecommerce:

  • Prodotti: ciò che offri alla tua mia clientela, attuale e potenziale
  • Servizio: aspetto fondamentale per sorprendere positivamente il tuo nostro utente
  • Logistica: capire bene come far arrivare il prodotto dal punto A al punto B
  • Tecnologia: aspetto indispensabile per un e-commerce
  • Esperienza: ricordati che come comunichi il tuo brand è molto importante agli occhi di chi ti guarda
  • Fiducia: la caratteristica principale che rende l’utente un cliente acquirente, e di conseguenza un acquirente fedele
  • Traffico: che ne esistono di diversi tipi: (diretto, SEO, SEM, motori di comparazione prezzi, affiliate marketing, marketplace, social network, e-mail marketing, e display advertising).

La regola principale da memorizzare è che non esiste traffico gratuito. Ogni tipologia è importante e merita la giusta considerazione per raggiungere gli obiettivi prefissati. E nell’ecommerce sono tanti i servizi richiesti, come ad esempio la consulenza e-commerce SEO.

Come si diventa E-commerce Specialist?

Una delle professioni digitali più ambite, nel settore appunto ecommerce, è quella dell’E-commerce Specialist. Il suo percorso di studi, raccomandano gli esperti, non deve essere del tutto univoco.

Il compito dell’E-commerce Specialist è quello di mettere a punto l’esatta strategia commerciale che risponda ad una strategia efficace che permetta al sito di esser sempre più performante.

Ma quindi come diventare uno specialista ecommerce? Il consiglio è quello di studiare innanzitutto ciò che riguarda il digital marketing. Successivamente, potresti prendere in considerazione un corso di specializzazione mirato come il corso Ecommerce specialist offerto da Digital Coach.

Questo è in grado di fornirti una formazione a 360 gradi per diventare un vero professionista del settore, fornendoti tutte le conoscenze teoriche e pratiche subito spendibili nel mondo del lavoro.

Scarica l’Ebook Gratuito per diventare un vero leader nella consulenza e-commerce

E-Commerce manager Ebook

"*" indica i campi obbligatori

Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Conclusioni e consulenza

Per diventare un esperto di consulenza e-commerce, riconosciuto e apprezzato, bisogna conoscere bene il mondo del web e della vendita online. Ogni aspetto del digitale è collegato ad altri, e avere una visione a 360 gradi permette di essere d’aiuto per chi è alla ricerca di una guida.

Attuare un progetto di successo nel settore ecommerce, vuol dire modificare la strategia di business dei propri clienti, gestendo in maniera armoniosa ogni attività di business, così da integrarla alle altre.

Sarai in grado di realizzare e progettare siti ecommerce web e responsive. Conoscerai e capirai ogni aspetto dell’avvio di un e-commerce, la sua User Interface, e capirai come ascoltare il tuo cliente per trovare per lui, ma soprattutto insieme a lui, la soluzione perfetta attraverso la consulenza e-commerce che offrirai tu.

Se vuoi diventare un professionista dell’ambito ecommerce, ed essere in grado di operare nel mondo del digitale in completa autonomia, scopri anche l’e-commerce program, ottima base per la tua formazione personale e professionale.

Ti permetterà di gestire e muoverti in libertà fra progetti, strategie di marketing/comunicazione, e non sentirai più l’esigenza di avere un affiancamento fisso per avviare un ecommerce.

Percorso che nasce proprio per chi, come te, vuol essere autonomo nella creazione e gestione di un sito ecommerce di successo. E oltre ad avere la possibilità di incontrare imprenditori come te, avere anche il supporto di Coach e Tutor.

In questo modo, non avrai più bisogno di cercare professionisti per una consulenza e-commerce, perché il professionista sarai tu! Non a caso, alla fine del programma di formazione avrai, inoltre, la possibilità di mettere in pratica ciò che hai imparato attraverso un praticantato: la Work Experience.

Sono 33 ore di puro apprendimento strategico mediante cui porre le basi del tuo futuro da esperto di rivendita online. I principali argomenti trattati dal programma, sono:

  • creazione di un business plan;
  • digital strategy;
  • online store – website creation;
  • sessioni di orientamento.

Tutti coloro che vogliono riqualificarsi nel digitale, riconoscono l’importanza del cambiamento. Persino coloro che del cambiamento ne hanno fatto il proprio successo professionale.

Jeff Bezos, CEO di Amazon.com, dice che “Il problema è che il mondo cambia continuamente sotto i nostri occhi, e non ci si può adattare a questo cambiamento senza acquisire nuovi strumenti e capacità”. Pertanto, richiedi una consulenza gratuita con Digital Coach, e intercetta subito la tua necessità principale!

RICHIEDI INFORMAZIONI