COME MIGRARE SITO WORDPRESS

i passi da compiere

Come migrare sito WordPressOrmai siamo tutti a conoscenza di WordPress il CMS (content management system) più utilizzato al mondo per la creazione e gestione di siti internet.

Per quanto WordPress punti ad essere semplice e versatile, ci sono alcuni procedimenti che hanno bisogno di particolare attenzione, oggi ti parlerò di come fare la migrazione del tuo sito WordPress.

Non ti preoccupare, nulla di complicato, come detto in precedenza bisogna solo dargli la giusta attenzione e vedrai che seguendo questa guida completa che ti guiderà passo dopo passo sarai in grado di fare la migrazione del tuo sito senza intoppi.

Ti piacerebbe diventare un professionista nel settore del digitale? scopri la nostra Certificazione Web Marketing Specialist e impara a creare il tuo sito web attuando una strategia di comunicazione efficace per il tuo brand.

 

Vuoi che uno dei nostri esperti ti aiuti a strutturare una strategia di marketing efficace per il tuo sito? Richiedi un coaching strategico gratuito e personalizzato!

RICHIEDI UNA CONSULENZA STRATEGICA GRATUITA

 

Migrazione sito WordPress: Passi da compiere

Se stai leggendo questa pagina, probabilmente ti starai chiedendo: come faccio a fare la migrazione del mio sito WordPress?. Non ti preoccupare, è una pratica comune per chiunque possieda un sito per il proprio brand.

Il bisogno di spostare il tuo sito è nato probabilmente per una di queste ragioni:

  • hai deciso che vuoi cambiare provider
  • vuoi utilizzare un server dedicato
  • hai costruito il sito sul tuo pc e ora vuoi fare la migrazione di WordPress da locale a remoto.
  • hai bisogno di creare un backup
  • devi effettuare dei test

Qualunque sia la tua motivazione questa guida ti guiderà passo per passo a risolvere il tuo problema. Per fare il trasferimento del tuo sito hai la possibilità di farlo sia manualmente oppure con l’aiuto di strumenti di migrazione.

Passiamo subito ad analizzare queste procedure, inoltre ti fornirò una lista con la spiegazione dei migliori plug-in disponibili per facilitarti questo compito.

 

Trasferire manualmente WordPress

Se sei un utente che ha già un minimo di esperienza vorrai passare subito all’azione. Inizierò spiegandoti i passaggi da compiere manualmente per il trasferimento del tuo sito WordPress senza dover installare nessun tipo di plug-in.

In pochi passaggi sarai in grado di migrare completamente tutti i temi, i plug-in, le impostazioni e tutti i contenuti con i rispettivi commenti.

Come prima cosa per effettuare il processo di migrazione autonomamente, devi assicurarti di avere:

  • Un accesso FTP (File ransfer protocol) alla pagina esistente
  • Un accesso a phpMyAdmin per il database
  • Un pacchetto di hosting presso un provider

Una volta confermato di essere in possesso di questi requisiti possiamo proseguire con i passaggi successivi.

 

test web marketing specialist

 

Salvare file e database

Il primo passaggio da fare prima di qualsiasi trasferimento è il salvataggio del database. Attenzione non basta semplicemente esportare i contenuti, altrimenti tutte le importanti impostazioni e plug-in andrebbero persi.

Per quanto riguarda siti di piccole dimensioni come blog o pagine semplici con una dimensione massima di 2 MB possiamo utilizzare phpMyAdmin, in genere questo strumento è fornito e già integrato in molti degli Hosting più utilizzati.

Diverso è nel caso di siti più complessi o di pagina di grandi dimensioni, in questo caso è preferibile avvalersi di un programma esterno come mySQLDumper e grazie a questo salvare il backup in locale.

In questo caso prendiamo come esempio lo strumento phpMyAdmin:phpMyAdmin

  • Assicurati di aver selezionato il database corretto nel caso stiate gestendo più siti nello stesso server.
  • Ora puoi procedere con l’esportazione, una volta cliccato potrete scegliere tra rapido o personalizzato,
  • Scegli il formato SQL
  • Conferma le impostazioni e clicca su Esegui per salvare il file sul tuo Hard disk.

 

filezilla Per salvare in locale di tutti gli altri file presenti su WordPress ora ci servirà un client FTP come Filezilla.

L’utilizzo di questo software è molto semplice, ti basterà assicurarti di inserire il sito corretto all’interno delle cartelle e copiare tutti i dati sul disco fisso.

 

 

 

Scopri il nostro corso di specializzazione in WordPress and Website Creation

CORSO WORDPRESS AND WEBSITE CREATION

 

Creazione nuovo accesso e nuovo database

Sei riuscito a salvare tutti i dati per la migrazione del tuo sito WordPress, il secondo passaggio ora consiste nella creazione di un nuovo accesso e un nuovo database.

Ti basterà andare sul provider che hai scelto ed entrare nella tua area clienti, al suo interno troverai le voci rispettive alla creazione accessi FTP e gestione database.

Durante la configurazione ti verrà chiesto di inserire il nome del databse, il nome host, nome utente e password. Mi raccomando ricordati sempre di annotarti tutti i dati in particolare gli accessi FTP, questi ci serviranno nei passaggi successivi.

 

Configurazione e caricamento file sull’hosting

Prima di poter trasferire il sito WordPress, dovrai inserire le informazioni corrette nel file wp-config.php:

  • Apri il file wp-config.php con un qualsiasi editor di testo, (il file lo trovi nel backup creato in precedenza)
  • Ricordi che ti ho detto di annotarti i vari dati riguardanti il database? ecco ora dovrai inserirli e salvarli nelle rispettive posizioni,

php database

Eseguendo questi passaggi hai preparato il tuo sito alla migrazione e con l’aiuto di Filezilla è stata fatta una copia di tutti i file e cartelle WordPress che saranno caricati sulla root del nuovo server.

 

test mettersi in proprio

 

Cambio dominio

Se nella scelta di migrazione del tuo sito WordPress hai deciso di cambiare anche il dominio, questo dovrà essere inserito correttamente all’interno del database.

Questo passaggio si esegue andando a modificare direttamente il file SQL, attenzione va fatto prima di caricarlo.

All’interno del file, apri lo strumento di ricerca tramite parole chiave e digita “siteurl” e “home”, troverai le rispettive voci alle quali sarà possibile sostituire il vecchio dominio e modificarlo con il nuovo indirizzo.

cambio dominio

 

Importazione database

Siamo arrivati alla conclusione, dopo aver eseguito tutti i passi precedenti, ora puoi procedere con l’importazione del database. Per fare questo bisogna andare nell’area di amministrazione del nuovo provider scelto e aprire il phpMyAdmin.

Il procedimento anche in questo caso non è molto complesso ma bisogna prestare sempre molta attenzione a quello che andrai a selezionare.

Detto questo torniamo all’interno di phpMyAdmin, qui potrai importare il file SQL che hai esportato in precedenza, ricordati, molto importante è che nella barra laterale sinistra venga selezionato il database esatto, altrimenti l’importazione non andrà a buon fine.

  • Spostati sulla tab “Importa”
  • Scegli il database e inizia con l’upload
  • Mantieni le impostazioni standard per l’importazione

 

Possibili imprevisti durante e post migrazione

Seguire alla lettera tutti i passaggi ti aiuterà a eseguire la migrazione del tuo sito WordPress senza intoppi, ma nonostante questo si possono verificare alcuni errori che sono piuttosto comuni, di seguito vediamo insieme i più frequenti:

  • Il caricamento del database si interrompe: questo problema potrebbe essere causato dalla dimensione eccessiva del db che stiamo importando. Ti basterà accedere al file di configurazione php.ini e aumentare le dimensioni massime del file in upload ed alzare il tempo di attesa. A volte il problema può essere risolto più semplicemente togliendo la spunta nella sezioneImportazione parziale” così da disabilitare l’interruzione automatica al momento dell’importazione del database.

importazione parziale

  • Alcuni Hosting offrono un numero limitato di database o non permettono di caricarne di nuovi oltre quello fornito di base. in questo caso dovrai andare a rinominare il nuovo db con il nome del db da importare
  • I caratteri speciali non vengono visualizzati nel modo corretto, questo sarà dovuto ad un set di caratteri (charset) errato, dovrai andare a sostituirlo andando a provare tra le diverse opzioni (latino, UTF8).
  • Rewrite Engine e Internal server error 500, se il server non riesce a leggere il fil .htaccess sarà dovuto al fatto che non è stato attivato il Rewrite Engine,  per risolvere dovrai andare nella bacheca di WordPress e alla voce “impostazioni-permalinks“.

Questi erano alcuni esempi di possibili errori che potrebbero presentarsi con la migrazione del sito WordPress, se ti troverai in difficoltà non impanicarti, per ogni errore esiste una soluzione. Chiedere aiuto ad un esperto è sempre una scelta consigliata e da tenere in considerazione per ottimizzare il nostro lavoro e valorizzare il nostro business.

 

Non perderti il video approfondimento di WordPress con Luca Papa

 

Quali sono i migliori plugin di migrazione

migrazione sito wordpres

Abbiamo visto insieme il metodo manuale per la migrazione del tuo sito WordPress, per quanto in precedenza ti ho segnalato il fatto che stando attento riuscirai a compiere tutti i passaggi, potresti trovarti in difficoltà o risultarti complesso, è assolutamente normale, anche per gli utenti più esperti in alcuni casi particolari fare la migrazione risulta al quanto ostica.

Per ovviare a questi inconvenienti sono stati creati molti plug-in che vengono in nostro soccorso e che ci allegeriscono questo compito occupandosi anche dei passaggi relativi alla sicurezza.

Un consiglio che mi sento di darti è di fare un backup di sicurezza anche se si utilizza questo metodo automatico.

 

WordPress duplicator

Uno dei plug-in di WordPress per la migrazione più popolari. Duplicator fornisce una soluzione completa con un processo semplice e veloce e garantisce un trasferimento tra domini senza intoppi.

Esiste in versione gratuita di per se già molto completa e in versione Pro 59€ all’anno, quest’ultimo permette di accedere al cPanel direttamente dall’installer, inoltre mette a disposizione una serie di servizi cloud come ad esempio Dropbox, Google Drive ecc.

 

webinar affiliazioni

 

Migrate guru

Questo Plug-in ha la forza di essere stato sviluppato per semplificare al massimo i processi di migrazione del sito WordPress

Aiuterà il trasferimento elaborando il database del tuo sito sul proprio server, garantendo così la riduzione del rischio di perdita di dati durante l’intera procedura.

Un altro punto di forza è la velocità, infatti è in grado di spostare 1 GB di dati in meno di 30 minuti, questo gli permette di migrare siti di grandi dimensioni, fino a 200GB.

Migrate Guru è disponibile interamente in versione grauita,

 

WordPress migrate DB

Questo plug-in ha un approcio differente rispetto agli altri citati. Infatti invece di esportare i file, andrà ad esportare un database del tuo sito web sul tuo computer con il formato SQL.

Opzioni degne di nota sono la possibilità di sostituire gli URL e di eliminare dati che non sono necessari come possono essere i commenti dei visitatori o contenuti particolarmente datati.

WP DB Migrate prevede sia la versione free che la versione premium a 99€, quest’ultima prevede la possibilità di trasferire il tuo sito con un solo clic direttamente dalla tua dashboard di WordPress.

 

Scopri la nostra certificazione in Web Analytics Specialist! 

CERTIFICAZIONE WEB ANALYTICS SPECIALIST

 

All-in-one wp migration

Come lo dice il nome stesso, questo plug-in fornisce un servizio all-in-one con opzioni di esportazione e importazione particolarmente semplici.

Anche questo come altri ti da la possibilità di scartare dati che non vuoi trasferire nel nuovo provider, la sua forza però la si trova nella capacità di regolare la dimensione dei file trasferiti tramite un bypass del sistema che può essere molto utile per gli utenti di hosting condiviso, in quanto questo genere di piano limita le modifiche delle impostazione predefinite di WordPress.

 All-in-one wp migration prevede la versione gratuita, acquistare i singoli pacchetti di estensioni oppure la versione premium che offre funzioni aggiuntive e servizi di cloud.

 

Updraftplus

Servizio di backup del database di WordPress con l’aggiunta della sincronizzazione tramite i servizi di cloud più utilizzati.

I file creati da questo plug-in verrano compressi in formato Zip e classificati a seconda della tipologia, dandoti così la possibilità di andare a selezionare singolarmente i dati che vuoi ripristinare.

UpdraftPlus è disponibile in versione free oppure in versione premium con un costo che va da 67€ a 381€ all’anno, può sembrare costoso ma il pacchetto offre aggiornamenti continui, spazio di archiviazione e molto importante il servizio di supporto.

 

Conclusione

Eccoci arrivati alla fine, come hai potuto leggere esistono svariati modi per eseguire la migrazione del tuo sito WordPress, certamente alcuni possono sembrare più complessi e altri più semplici, spero di averti dato le informazioni che ti servivano per poter scegliere in autonomia quale opzione è più adatta alle tue esigenze.

Ti auguro buona fortuna per il successo del tuo sito e non perdere l’occasione di formarti ulteriormente e scoprire tutti i nostri corsi di specializzazione nel digitale così che potrai essere tu il professionista di settore di cui il Web ha incessantemente bisogno.

 

Non esitare a contattarci per qualunque chiarimento sui nostri corsi innovativi cliccando il pulsante qui sotto:

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI