Seleziona una pagina

Vendere su Amazon: vantaggi e alternative

 

vendere su amazon

 

Vendere su Amazon è una delle attività preferite da chi vuole affacciarsi al mondo del selling online senza dover aprire un proprio e-commerce. Il famosissimo marketplace fondato da Jeff Bezos, offre la possibilità di commercializzare i propri prodotti, scegliendo diverse modalità.

Come ogni scelta, però, vendere prodotti su Amazon ha i suoi pro e i suoi contro. Per capire meglio di cosa sto parlando e scoprire qual è la formula più adatta alle tue esigenze, continua a leggere l’articolo.

 

Come vendere su Amazon

Come mettere un prodotto in vendita su Amazon? La prima cosa da fare è registrarsi al programma di affiliazione del marketplace, accessibile alla voce “vendere su Amazon“. Successivamente, bisognerà indicare la tipologia dell’account che si vuole sottoscrivere. La più grande Internet Company del mondo ha infatti 2 tipologie di abbonamenti tra cui poter scegliere:

  • account base;
  • account venditore.

Registrarsi con un account base ti dà la possibilità di effettuare fino a 40 vendite al mese in alcune categorie esistenti. Non prevede una quota di canone mensile, ma include ad ogni vendita una commissione di chiusura fissa pari a 0,99€.

Creare un account venditore, invece, ti permette il superamento delle 40 vendite mensili, con una quota di abbonamento di 39,00€ (IVA escl.) al mese. Hai la possibilità di vendere prodotti in tutte le categorie previa approvazione dello stesso.

Bisogna poi specificare che entrambi le tipologie di sottoscrizione hanno una commissione variabile di chiusura per ciascun articolo “Media” venduto (libri, video, musica, DVD ecc.) che si aggira attorno al valore di 1,00€.

Come hai ben potuto constatare, con Amazon Seller central chiunque può diventare venditore su Amazon, senza aver bisogno di creare un sito web, un e-commerce e senza avere problemi con la gestione dei pagamenti.

Ti starai sicuramente chiedendo se vendere su Amazon conviene, vero? Scopriamo più nel dettaglio quali sono i costi della vendita di un prodotto se non possediamo un nostro deposito.

Inizia subito a vendere i tuoi prodotti su Amazon.
Segui il webinar gratuito per scoprire i primi passi da fare!

webinar vendi su amazon

Costi e commissioni per vendere su Amazon

Vendere su Amazon comporta diversi tipi di commissioni, che variano a seconda della categoria di prodotto e del tipo di account venditore. Per articoli multimediali come libri, musica, video, DVD, software e videogiochi, Amazon applica una commissione fissa per ogni vendita, oltre a una commissione per segnalazione. Ad esempio, per la vendita di un libro, la commissione fissa è di 1,01€ più una percentuale di segnalazione del 15,45%. Analogamente, per la musica, i video, i DVD e i giochi, la commissione fissa è di 0,81€, con la stessa percentuale di segnalazione?. (Vedi i prezzi completi).

Le tariffe di gestione logistica, in particolare per chi sceglie il servizio Fulfillment by Amazon (FBA), includono costi di stoccaggio basati sul volume medio giornaliero dei prodotti e variano a seconda del periodo dell’anno e della categoria del prodotto. Ad esempio, i costi di stoccaggio da gennaio a settembre sono di 20€ per metro cubo, mentre nei mesi più trafficati da ottobre a dicembre salgono a 28€ per metro cubo. Inoltre, esistono tariffe per la gestione delle rimanenze a lungo termine e per servizi speciali come la rimozione o lo smaltimento della merce.

Esempio di costo

Per illustrare meglio i costi associati alla vendita su Amazon, consideriamo un esempio pratico: vendere una bottiglia di vino con un account Pro. Il venditore paga una commissione per segnalazione del 10% sul prezzo totale (incluse le spese di spedizione), risultando in una somma netta ricevuta per la vendita di 29,69€, esclusa l’IVA. Se il venditore utilizza anche il servizio FBA, dovrà considerare ulteriori costi per la gestione logistica, che influenzano il profitto netto della vendita.

Esempi concreti di Vendita su Amazon

Ecco due esempi esempi concreti di venditori italiani che hanno trovato successo su Amazon.

Made in Italy su Amazon

Una iniziativa che ha guadagnato terreno negli ultimi anni è la sezione “Made in Italy” su Amazon, che promuove prodotti artigianali italiani, realizzati con tecniche tradizionali e materie prime di alta qualità, interamente sul territorio italiano. Questa vetrina speciale aiuta i venditori italiani a raggiungere clienti globali, valorizzando l’artigianato e l’eccellenza italiana. L’adesione a questa sezione è vincolata al rispetto di criteri specifici che assicurano l’autenticità e la qualità dei prodotti??.

 

3 consigli per aprire un negozio su Amazon

Per guadagnare su Amazon sarebbe bene seguire alcuni accorgimenti in modo da scalare l’algoritmo e comparire fra le prime pagine dei prodotti.

Ecco una lista di 3 consigli da adottare nel caso in cui volessi vendere su Amazon occasionalmente o in maniera abituale.

Ottimizza le keyword nelle tue schede prodotto

Le parole chiave nel titolo del prodotto sono un fattore fondamentale per esser trovati sulla pagina di ricerca. Amazon presta molto attenzione a questo fattore ed è bene dunque monitorare le keyword più coerenti con il tuo articolo aggiungendo feature come: descrizione del brand, colore, grandezza, quantità, materiali e molto altro.
Anche se Amazon non ha necessità di molte keyword per far sì che il suo prodotto venga trovato è bene intervenire per utilizzare parole chiave connesse tra di loro e cercare di non ripeterle all’infinito. A tal proposito sarebbe di buon auspicio utilizzare strumenti come Sellics (free) o Keywordinspector (premium) per la ricerca di keyword su Amazon.

come-vendere-usato-su-amazon-da-privato

Rendi i tuoi prodotti e i tuoi prezzi competitivi

Il primo fattore di ricerca dei clienti per quanto riguarda un determinato prodotto è senza dubbio il prezzo. Rendere un prodotto competitivo dal punto di vista del prezzo, teoricamente è un elemento troppo banale per poterlo approfondire, ma bisogna riuscire a trovare un equilibrio per quanto riguarda prodotto (specialmente se di alta qualità) e prezzo, in modo da rendersi affidabili agli occhi del cliente e battere la concorrenza. Nessuno sta parlando di ridurre il prezzo per un prodotto che vale tanto, ma controllare il mercato, i competitor, le recensioni, fa sì che chi si trovi davanti un prodotto a parità di prezzo, possa scegliere il nostro.

Studia attentamente i tuoi competitor

Qualsiasi sia il business in cui ci si imbatte, quello di studiare i competitor è senza dubbio la prima strategia da adottare per conoscere il proprio mercato e la concorrenza. Lo studio dei competitor deve essere un’attività quotidiana, quasi di routine, e deve avvenire prima della pubblicazione dei prodotti in modo da capire quanto margine di vendita hanno questi ultimi, con fattori quali il prezzo, la logistica, le spese di spedizione.

È bene monitorare periodicamente le schede prodotto dei concorrenti, leggere le recensioni dei clienti e i loro dubbi in modo da prevenire eventuali problemi. Per ultimo, controlla se il tuo competitor va fuori stock, in modo da approfittarne per fare un’offerta migliore e guadagnare potenziali clienti.

Fatti guidare passo passo per iniziare a vendere su Amazon senza perdere tempo!
Iscriviti ora

SCOPRI IL CORSO

Cos’è e come funziona Amazon FBA?

Amazon offre un’ampia gamma di servizi tra cui il servizio di logistica, che ti permette di inviare i tuoi prodotti ad un magazzino del marketplace dove verranno stoccati, imballati e inviati al cliente finale.

Vendere con Amazon FBA, consente di raggiungere un maggior numero di persone offrendo dei vantaggi eccezionali, come ad esempio la consegna con Amazon Prime e la vendita semplificata in tutta Europa. Nella maggior parte dei casi, affidare la consegna al celebre sito di shopping online, comporta un maggior numero di vendite perché garantisce una consegna sicura, un’assistenza clienti efficiente e una migliore gestione dei resi.

Ma quanto costa usare la logistica di Amazon? Le spese da sostenere sono due:

  • tariffa di gestione: dipende dal tipo, dalle dimensioni e dal peso del prodotto.
  • tariffa di stoccaggio: dipende dallo spazio che usi nel centro logistico per stoccare i tuoi articoli.

I benefici di aprire un negozio nel più famoso e-commerce online sono molti, ma tutto dipende dal tipo di interazione che vuoi creare con i tuoi clienti. Molti, infatti, per diversi motivi preferiscono aprire un proprio e-commerce e creare un marchio personale per ottenere una maggiore brand awareness.

Andiamo a vedere insieme i vantaggi e svantaggi di queste due tipologie di vendita.

Trovi + di 100 video sul mio canale YouTube e oltre 60 podcast su Spotify.
Iscriviti ai link sotto!

spotify logo

Meglio vendere su Amazon o su un e-commerce? 

Aprire un negozio su Amazon non sempre corrisponde alla scelta più giusta per il proprio business. Prima di prendere una decisione affrettata, ti consiglio di leggere gli aspetti positivi e negativi, di ipotizzare la realizzazione di un e-commerce tutto tuo o di sfruttare entrambi i canali di vendita in sinergia, in modo da ottenere dei risultati migliori.

Non esiste una soluzione valida in assoluto, è necessario semplicemente vagliare ogni aspetto e capire quale sia il piano migliore per la nostra attività. Generalmente, è bene attuare una strategia a 360 gradi che preveda l’uso di tutti i canali e gli strumenti volti a generare un maggior profitto.

Scopri se hai le attitudini per aprire un negozio online.
Fallo subito con un test!

test aprire un negozio online

Di seguito, ti propongo le differenze principali tra i due tipi di vendita on-line.

Vantaggi della vendita su Amazon

  • Visibilità: i prodotti sono visibili a magliaia di persone, puoi raggiungere chiunque e in qualunque momento;
  • Costi di gestione ridotti: se non possiedi un magazzino puoi tranquillamente avvalerti del servizio di logistica della piattaforma;
  • Acquisizione clienti: essere un venditore su Amazon ti permette di avere la possibilità di acquisire nuovi clienti con maggiore facilità; la piattaforma, infatti, è visitata da milioni di utenti ogni mese;
  • Feedback e recensioni: è uno dei motivi principali che ha favorito il successo del marketplace. Grazie alle recensioni è possibile avere un quadro generale sulla qualità del prodotto per indurre un cliente incerto a concludere l’acquisto.

Vuoi imparare a creare, gestire e coordinare le attività del tuo progetto E-commerce?

SCOPRI IL CORSO

Benefici della vendita su un e-commerce proprio

  • Riconoscibilità del brand: mentre sul portale più famoso al mondo il tuo brand rischia di rimanere anonimo, se apri un e-commerce tutto tuo hai molte possibilità di creare brand awareness e fidelizzare i tuoi clienti;
  • Zero competitor: dal momento che hai una piattaforma personale, non dovrai preoccuparti di superare nessuno, se non i tuoi limiti;
  • Nessuna commissione: non dovrai pagare nessun costo aggiuntivo oltre al prezzo del tuo prodotto ed eventuali costi logistici;
  • Indipendenza: puoi decidere in piena autonomia ogni aspetto del tuo e-commerce, non c’è alcuna regola imposta da rispettare.

Come vedi, entrambe le tipologie di vendita hanno situazioni favorevoli o sfavorevoli, non esiste una strada giusta o sbagliata, tutto dipende da te, dal budget che hai a disposizione, dal tempo e da quello che hai intenzione di realizzare.

Finalmente una guida con tutti i segreti dell’ecommerce.
Non perdertela, scaricala subito gratuitamente!

 

ebook e-commerce miniguida

"*" indica i campi obbligatori

Hidden
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Alternative ad Amazon per vendere: esempio pratico

Una testimonianza di successo è Commercio Virtuoso, nato durante il lockdown come risposta alle esigenze dei venditori italiani di avere una piattaforma di e-commerce più accessibile rispetto ai giganti del settore come Amazon. Questo marketplace si concentra su venditori italiani, offrendo loro costi di gestione ridotti e una piattaforma che valorizza la produzione locale. Si distingue per l’approccio umano e personalizzato nella gestione delle vendite online, offrendo supporto tecnico e commerciale diretto e personalizzato.

Corsi per imparare a vendere su Amazon

Se sei alle prime armi e hai bisogno di un corso per vendere su Amazon oppure cerchi un master per metterti in proprio e aprire un tuo e-commerce o dropshipping, sei nel posto giusto! Su internet puoi trovare diversi videocorsi e tutorial utili per iniziare a introdursi a questi nuovi mondi, ma non è del tutto semplice capire determinati passaggi. Quello di cui hai bisogno è un corso ben strutturato che possa darti tutte le nozioni che ti servono per iniziare questa nuova esperienza con la giusta carica e preparazione.

Digital Coach, scuola n°1 nel campo del Digital Marketing ha la risposta adatta alle tue esigenze: scopri l’offerta formativa e-commerce.

Buona fortuna!

 

Crea il tuo business online Iscriviti ai nostri corsi eCommerce e certifica le tue competenze!

VAI ALL’OFFERTA FORMATIVA

 

Cosa ne pensi?

Conviene vendere su Amazon? Beh, come abbiamo visto i vantaggi ci sono, soprattutto per chi è tentato di aprire un negozio fisico e non ha tempo e risorse, o per chi vuole iniziare a lavorare nel mondo dell’e-commerce dilettandosi inizialmente magari con un account base.

Insomma, non esiste un manuale esatto che ti dica quale sia la strategia migliore per la tua attività, però è sempre più frequente in una strategia di marketing utilizzare tutti i canali volti a far crescere il nostro brand, senza escluderne nessuno.

Ti ho dato tutte le informazioni necessarie, se vuoi saperne di più, ti consiglio di seguire uno dei nostri percorsi completi e innovativi, per restare aggiornato e al passo con i tempi.